Politica

di la redazione

ADINOLFI (PDF), “SVELIAMO IL BLUFF DEL PARTITO GAY”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le amministrative del 12 giugno vivono di scontri importanti in grandi città da Palermo a Genova, ma tra i 128 comuni che vanno al voto in Lombardia ce n’è uno che attira ormai la curiosità di più di un analista. Si tratta di Averara, piccolo comune montano in zona Val Brembana, dove i 173 abitanti devono scegliere il nuovo sindaco. Tra le liste che si confrontano, quelle “nemiche” del Popolo della Famiglia e del Partito Gay. La lista espressione del movimento Lgbt candida un carabiniere 37enne, Daniele Carboni, che vive e lavora in Sardegna. Questa decisione viene commentata dal presidente nazionale del Popolo della Famiglia, Mario Adinolfi: “Dopo l’imbroglio di Ventotene dove hanno presentato un generico programma ciclostilato in cui non viene neanche citato il nome dell’isola in cui io stesso sono candidato sindaco, ora sveliamo l’altro bluff del Partito Gay in un piccolo comune del Bergamasco. Ad Averara il confronto politico è anche simbolico. Non ho stima del Partito Gay, non ha strutture territoriali e non ha elettorato, candida persone a caso a centinaia di chilometri dalla loro residenza per mere ragioni di marketing, per far parlare di loro stessi e non per amore del territorio. Noi candidiamo come sindaco Fabio Annovazzi che di Averara è stato anche vicesindaco, che vive in quei territori, che ne conosce profondamente i bisogni. Così il Partito Gay rappresenta il vuoto della politica che è solo comunicazione e drenaggio di denari pubblici, lo fa solo nei comuni sotto i mille abitanti perché lì non bisogna raccogliere firme per presentarsi alla carica di sindaco, inventando un sardo che Averara neanche sa dove sta. Il Popolo della Famiglia si contrappone a questo vuoto con dirigenti territoriali che vogliono rispondere ai bisogni della cittadinanza. Qual è il primo bisogno? Non far sparire questa comunità della Bergamasca. Io sono nato nel 1971 e in quell’anno Averara aveva quasi quattrocento abitanti, più del doppio dei 173 attuali: un altro paio di decenni così e Averara sparirà. La nostra ricetta composta da incentivi alle giovani coppie, reddito di maternità, no all’aborto e all’eutanasia, sostegno all’impresa familiare, riduzione delle addizionali comunali per le famiglie con tre figli o più, punta a ripopolare Averara secondo una politica della natalità che il Popolo della Famiglia ha l’obiettivo di implementare al governo nazionale dopo le politiche del 2023. Certo la natalità non crescerà con il Partito Gay, che contiamo di battere ad Averara e altrove per queste ragioni di fondo. Bisogna avere amore per i comuni e le comunità che si vogliono amministrare, non giocare alla lobby che si fa partito solo per avere qualche titolo sul giornale. Per questo ad Averara conto davvero che la sfida politica e simbolica sia vinta dal nostro Fabio Annovazzi e dal Popolo della Famiglia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

Media

LO SMARRIMENTO E IL POSSIBILE RIMEDIO

Giovedì esce per Cantagalli l’ultimo libro di Benedetto XVI, con prefazione di Papa Francesco. Il titolo: “La vera Europa, identità e missione”. Francesco tratteggia il senso profondo del libro: “Oggi in Europa va sempre più smarrendosi proprio l’idea del rispetto di ogni vita umana”. Ratzinger rintraccia l’origine di questo smarrimento: politiche anticoncezionali, “matrimonio” omosessuale diventato legge in 16 Stati europei, sganciamento della genitorialità dalla sessualità e della sessualità dal fine procreativo, politiche abortiste ed eutanasiche

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano