Media

di Giampaolo Centofanti

Le rare voci fuori dal coro

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo nella drammatica epoca del pensiero unico, dell’informazione dominata dai detentori di potenti mezzi di comunicazione.

Oggi sono pochissimi i media che non ripetono i ritornelli del potere. La Croce, in ambito cristiano, lascia spazio ad interventi molto diversificati. Anche consentendo una partecipazione meno ingabbiata da formalismi variamente istituzionali. Il quotidiano contribuisce così profondamente ad una più autentica ricerca del vero. Byoblu ha una linea più predeterminata, ma almeno anche geopoliticamente alternativa ai media mainstream. Per cui pur personalmente condividendo poco di tale testata ne considero l’importanza in quanto voce diversa. Munera è una rivista che perlomeno, come Byoblu, consente commenti liberi anche con aggiunta di link.

In questo più che striminzito panorama di libera partecipazione restano per esempio alcuni blog più conosciuti. Quello di Luigi Accattoli ha una sua vicinanza, più moderata, ai media mainstream ma con spazi di libera spiritualità, anche nella partecipazione, e anche per liberi commenti e link, persino, in quest’ultimo caso, senza imporre l’obbligo di aggiungere commenti scritti.

Tra i blog conosciuti quello, per esempio, di Magister conserva perlomeno una certa coerenza di visuale, che pure non sento in genere di condividere. Ma: anche qui una voce fuori dal coro. Alcuni blog conosciuti hanno pure essi conservato come Settimo Cielo una loro certa coerenza mentre altri hanno seguito il trasformismo del parlamento omologato. Ossia rispecchiano il formarsi, nella società del pensiero teleguidato, di due nuove classi sociali: quella dei manipolatori al servizio della mera tecnica, vera dominatrice dei suoi stessi padroni; e quella della gente, sempre più spogliata di una libera ricerca e partecipazione, di una libera iniziativa, isolata, privata di tutto.

Vi sono poi blog e siti da scovare da parte del grande pubblico come https://gpcentofanti.altervista.org/ nel quale sviluppo una mia ricerca cristiana a tutto campo, vissuta in comunione e obbedienza nella Chiesa ma su questa via anche amorevolmente libera e aperta al vero, alla grazia, da ovunque venga. Stimolata da decenni di studio classico e universitario e a 360 gradi e prima di tutto da un cammino spirituale e umano in vario modo condiviso con tanta gente.

Vi sono siti aperti ai differenti contributi spirituali come Cerco il tuo volto o Qumran.

I media direttamente della Santa Sede devono esprimere il pensiero del pontefice. Ma gli altri media cattolici dovrebbero alimentare la libera e dunque diversificata partecipazione, tanto più in un’epoca come questa di onnipervasivo pensiero unico.

Il pullulare di contributi sui vari social mi pare per certi aspetti positivo proprio nei margini di libera partecipazione che esprime. Ma forti sono le limitazioni arbitrarie da parte di chi governa questi media. Detenendo un potere capace di soppiantare le democrazie. Inoltre davvero tragico è il paradosso dei media mainstream che condannano la scarsa maturità di molta di questa partecipazione. Quando là dove di reale immaturità si tratti è da essi voluta e causata. Per cui ciò che disturba i potenti sono in realtà quei pur scarsissimi margini di libertà che ancora sono possibili.

Youtube con i suoi video per certi aspetti facilita certa comunicazione ma anche qui si riscontra l’arbitraria discrezionalità di chi vi governa ma soprattutto l’antidemocraticità insita nel tanto potere nelle mani di pochi. Inoltre, per esempio, anche chi in qualche onesto modo si trova ad avere un largo seguito di visitatori non emerge tanto facilmente nelle ricerche automatiche.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Politica

Etiopia: ondata di arresti di religiosi

L’ondata di arresti si è abbattuta, dall’inizio di novembre anche sui Salesiani: 28 religiosi sono stati arrestati durante una brutale e illegale irruzione alla sede nazionale delle Opere di don ad Addis Abeba. Tra gli arrestati anche un ottantenne.

Leggi tutto

Società

A Michael Lapsley il Premio Niwano per la pace

La 39.ma edizione del riconoscimento della Niwano Peace Foundation assegnata al prete anglicano impegnato a sconfiggere l’apartheid in Sud Africa

Leggi tutto

Media

David di Donatello 2022: Paolo Sorrentino vince miglior film e miglior regia

È stata la mano di Dio conquista anche il David per la migliore attrice non protagonista, la migliore fotografia e il David Giovani

Leggi tutto

Chiesa

“L’amore familiare: vocazione e via di santità”

Presentato il decimo Incontro Mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Roma dal 22 al 26 giugno. Dopo il festival di apertura in Aula Paolo VI e i tre giorni di congresso, il sabato la celebrazione della Messa con il Papa in Piazza San Pietro.

Leggi tutto

Politica

UN SORRISO A DENTI STRETTI MOMENTANEO

E’ opportuno mettere bene a fuoco il responso delle urne nelle elezioni parziali di domenica. L’obbiettivo prefissatoci è stato raggiunto in pieno almeno a livello locale e nessuno può negarlo, però alcuni dettagli lasciano un po’ di perplessità, non si possono glissare certe evidenze anche a costo di apparire sin troppo schietti. La verità impone di essere raccontata sino in fondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano