Storie

di Nathan Algren

Bangladesh - Oltre 1,5 milioni di bambini a rischio inondazioni devastanti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oltre 1,5 milioni di bambini sono esposti a un rischio maggiore di malattie legate all’acqua, annegamento e malnutrizione a causa delle estese inondazioni nel nord-est del Bangladesh. Questo l’allarme rilanciato oggi dall’Unicef che è sul campo coi partner governativi e non governativi per rispondere ai bisogni urgenti per quanto riguarda la sicurezza, la salute, la nutrizione, l’acqua pulita e l’istruzione dei bambini e delle loro famiglie.

Oltre 4 milioni di persone in 5 distretti nel nord-est del Bangladesh - Sylhet, Sunamganj, Habiganj, Netrokona and Maulvibazar – sono colpite da estese inondazioni. Sylhet e Sunamganj sono stati i distretti maggiormente colpiti, con l’acqua che ha superato i livelli di pericolo. I terreni agricoli e le infrastrutture fondamentali, fra cui centrali elettriche e scuole, sono stati sommersi.

Sono stati segnalati casi di diarrea, infezioni respiratorie e malattie alla pelle. Almeno 3 bambini sono morti dopo essere stati colpiti da un fulmine.

Centinaia di scuole sono state chiuse, compromettendo ulteriormente l’istruzione dei bambini. Dopo 18 mesi di chiusure scolastiche a causa della pandemia negli ultimi anni, i bambini stanno perdendo ancora una volta l’opportunità di imparare.

“I danni alle vite, alle case e alle scuole sono strazianti. In questo disastro, come in molti altri, i bambini sono i più vulnerabili”, ha dichiarato Sheldon Yett, Rappresentante Unicef in Bangladesh. L’agenzia, ha aggiunto, “sul campo per proteggere i bambini e rispondere ai loro bisogni urgenti, sostenendo il Governo e lavorando a stretto contatto con i nostri partner locali”.

Unicef sta sostenendo la risposta del Governo del Bangladesh alle inondazioni fornendo acqua potabile, kit igienici, latte terapeutico e kit didattici. L’UNICEF sta inoltre lavorando a stretto contatto con il Dipartimento dei Servizi Sociali per garantire che gli operatori sociali siano pronti a proteggere la sicurezza dei bambini. La sensibilizzazione delle comunità sulla prevenzione dell’annegamento è al centro della risposta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Società

Unicef: più di 635 milioni di studenti colpiti dalla chiusura delle scuole

Nella Giornata Internazionale dell’Istruzione e mentre la pandemia da COVID-19 si avvicina alla soglia dei due anni, l’UNICEF condivide gli ultimi dati disponibili sull’impatto della pandemia sull’apprendimento dei bambini.

Leggi tutto

Società

L’Unicef e l’importanza dell’istruzione

Con un convegno a Roma, si è concluso, dopo più di un anno, il progetto di contrasto alla povertà educativa ‘Lost in Education’,

Leggi tutto

Chiesa

POLONIA - In arrivo “Il Sinodo missionario dei bambini 2022”

Rappresentano 33 diocesi della Polonia i bambini che si daranno appuntamento a Varsavia sabato prossimo, 17 settembre, per il “Sinodo missionario” a loro dedicato.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Timori sul reclutamento jihadista

Lo scorso anno oltre 50 ragazzi sono scomparsi da diverse aree del Paese. Di questi almeno sette erano originari di Comilla, a sud-est di Dhaka. Una delle vittime accertate è lo studente Al Amin, che voleva far ritorno a casa, ma è caduto in una imboscata di un altro gruppo miliziano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano