Politica

di Roberto Signori

Canada, arriva l’eutanasia per il cambiamento climatico

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Howard Breen, un uomo di Vancouver di 68 anni, ha presentato domanda per ottenere l’eutanasia. La cosa stupefacente è però la motivazione della richiesta. Breen infatti non è un malato terminale, ma afferma di soffrire mentalmente a causa del cambiamento climatico.

Sembra uno scherzo e invece è tutto vero: secondo quanto riportato dalla rivista Vice nel 2017 il suo medico gli ha diagnosticato un’“ansia ambientale clinica” e una depressione “correlata alla biosfera”. Breen ha affermato che la depressione che prova per lo stato delle cose e la sua apprensione per il futuro dei suoi figli sono fonti di grande preoccupazione per lui.

Breen è un attivista ambientale e un membro del gruppo eco-estremista Extinction Rebellion e insiste sul fatto che la sua domanda non è una trovata pubblicitaria. Anche se la sua richiesta per il momento è stata respinta perché uno dei medici valutatori non credeva che l’”eco-ansia” fosse una motivazione ammissibile.

Tuttavia, si dice che l’ansia per il clima sia un fenomeno reale in Canada, tanto che all’inizio di quest’anno la “Climate Change and Mental Health Alliance” ha affermato che l’ondata di caldo ha aumentato i livelli di ansia del 13%.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

DILIGOR, ERGO SUM”: AL #CUORE DELLA LETTERA APOSTOLICA

Può forse esistere il peccato senza la misericordia, ma dal momento che si dà una misericordia si è certi dell’esistenza del peccato. È la vera rivoluzione
di Papa Francesco contro il falso mito di progresso che vede l’uomo del tutto autosufficiente, indisponibile alla relazione con gli altri e col Mistero

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Società

Lo scorrere della vita

Una riflessione su come gli eventi della nostra vita, anche quelli più dolorosi, siano buoni per noi. Ci lasciano cicatrici e segni, ma proprio attraverso di loro affrontiamo il presente e il futuro. Sono le mappe per farci arrivare a destinazione; sono il ricordo, indelebile, che in quei momenti bui non eravamo soli. Qualcuno ha disinfettato e suturato quegli squarci dell’Anima. Dal profondo di tenebra siamo usciti spinti, verso una nuova realtà di Luce, da una forza irresistibile.

Leggi tutto

Società

A Boston il congedo retribuito dopo l’aborto

Aiuti alle famiglie per i figli? Ma quando mai…. anzi, secondo un rapporto del New Boston Post, i dipendenti della City potranno richiedere fino a 12 settimane di congedo retribuito dopo un aborto.

Leggi tutto

Società

No al trans al Festival di San Remo

Pro-Vita e de Bertoldi, dunque, chiedono che ‘‘l’esibizione di “Drusilla Foer” si mantenga nei limiti della performance artistica e non si trasformi in un ‘Cavallo di Troia’ Gender e LGBT per influenzare milioni di famiglie e i loro figli’‘.

Leggi tutto

Società

Nuova Zelanda e Planned Parenthood promuovo l’aborto in telemedicina

Dunque la salute equivale, per il governo Neozelandese, ad abortire, senza se e senza ma. La telemedicina, inoltre, viene ridotta a “consigli telefonici” per sbarazzarsi di un bambino, anche “semplicemente” prendendo la pillola abortiva. Da qui l’idea di chiamare il servizio col nome di “Decide”, rimarcando il mantra del “my body mi choice”, mentre va ricordato come lo stesso servizio statale è in parte anche gestito dalla realtà “Family Planning New Zealand”, sezione territoriale della multinazionale abortista International Planned Parenthood Federation (IPPF).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano