Storie

di Nathan Algren

SRI LANKA - Ecco il piano alimentare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In Sri Lanka verranno presto attuati diversi programmi economici per far fronte alla crescente insicurezza alimentare della popolazione. Nei giorni scorsi il dipartimento del Tesoro Usa e il governo srilankese hanno varato un piano d’azione congiunto, a cui si aggiungeranno interventi di istituti di credito internazionali.

La maggior parte della popolazione non riesce più a consumare tre pasti equilibrati al giorno a causa dell’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità. Le cause sono da ricercare nella peggiore crisi economica dello Sri Lanka dall’indipendenza, aggravata da un disastroso passaggio all’agricoltura biologica imposto l’anno scorso dal governo del presidente Gotabaya Rajapaksa.

Il piano d’azione congiunto (International Financial Institution Action Plan to Address Food Insecurity) prevede che vengano rivisti gli impegni presi finora con l’Asian Development Bank (Adb) per un valore di 150 milioni di dollari. L’assistenza “può includere il trasferimento di denaro ai gruppi indigenti e vulnerabili e ai programmi di sviluppo dei mezzi di sussistenza”, oltre che per i generi alimentari.

In concomitanza con questo piano, su proposta di Svenja Schulze, ministra federale tedesca per la Cooperazione economica e lo sviluppo, i ministri dello Sviluppo del G7 hanno lanciato un’alleanza globale per la sicurezza alimentare con l’obiettivo di risolvere la “crisi della fame”. Le sette maggiori economie mondiali hanno inoltre approvato di concedere assistenza finanziaria a Colombo tramite un programma di ristrutturazione del debito sovrano, conosciuto come Autonomous Loan Reunion Program.

Anche la Adb sta esplorando diverse opzioni di finanziamento e prestiti al settore privato per facilitare l’importazione di generi alimentari, in collaborazione con la Fao e il World Food Programme: mentre le garanzie di finanziamento dell’Adb faciliteranno le importazioni di beni essenziali, i programmi di finanziamento del commercio e della catena di approvvigionamento forniranno garanzie alle banche per gli scambi di prodotti agricoli e alimentari.

Anche il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, attivo nelle aree rurali dal 1978, con il suo coinvolgimento nel progetto Kirindi Oya (un programma per lo sviluppo di terreni inutilizzati nella zona arida dello Sri Lanka) fornirà assistenza a breve termine.

Allo stesso modo la Banca mondiale sta considerando progetti per 12 miliardi di dollari da attuare nei prossimi 15 mesi: includeranno assistenza all’agricoltura e a favore della protezione sociale “per aiutare ad attutire l’effetto sul reddito” dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari.

Secondo gli economisti, anche il Fondo monetario internazionale (Fmi) donerà assistenza allo Sri Lanka “con l’intera gamma dei suoi strumenti, concentrandosi sui dati macroeconomici”.

Uno studio delle Nazioni Unite su 600 aziende, intitolato “Gender Disparities and Labour Market Challenges”, rivela che tra il 2019 e il 2020 l’occupazione femminile in Sri Lanka è diminuita di circa l’8%: nel settore turistico il calo è stato del 47%.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Confesercenti: italiani più poveri

L’assemblea annuale di Confesercenti si concentra sui temi economici di attualità, inflazione, consumi, taglio delle tasse e lavoro

Leggi tutto

Società

Guerra ed economia europea: regna l’incertezza

Per Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia, “l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sta causando sofferenze e distruzioni indicibili, ma sta anche gravando sulla ripresa economica dell’Europa.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Storie

La pandemia della disuguaglianza

Dall’inizio dell’emergenza Covid-19, ogni 26 ore un nuovo miliardario si è unito ad una élite composta da oltre 2.600 super-ricchi le cui fortune sono aumentate di ben 5 mila miliardi di dollari, in termini reali, tra marzo 2020 e novembre 2021. Il surplus patrimoniale del solo Jeff Bezos nei primi 21 mesi della pandemia (+81,5 miliardi di dollari) equivale al costo completo stimato della vaccinazione (due dosi e booster) per l’intera popolazione mondiale.

Leggi tutto

Storie

Colombo: allarme lavoro minorile

La Giornata internazionale contro il lavoro minorile celebrata il 12 giugno è stata l’occasione per riaccendere i riflettori su questa piaga. Anche papa Francesco ha lanciato un forte appello in questo senso durante la preghiera domenicale dell’Angelus. In questo contesto in Asia meridionale a destare particolare preoccupazione è il caso dello Sri Lanka, dove il lavoro minorile è un fenomeno ampiamente nascosto.

Leggi tutto

Società

Cosa fare per rimettere in piedi l’economia italiana?

I soldi per tagliare le tasse e per dare lavoro a tutti ci sono. Se capiamo come funziona la moneta (anche senza uscire dall’Euro)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano