Politica

di Nathan Algren

Iraq: il ritorno dei cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Circa il 50 per cento delle famiglie che avevano lasciato l’Iraq con l’invasione da parte dell’ISIS del sedicente Stato Islamico hanno fatto ritorno nel Paese, giustificando così un cauto ottimismo delle organizzazioni internazionali per il ritorno dei cristiani nel Paese del Golfo.

I numeri sono stati dati in una videoconferenza internazionale tenuta da Aiuto alla Chiesa che Soffre il 9 maggio. Durante la conferenza si sono analizzati possibili scenari positivi per il ritorno di cristiani in Iraq, ovviamente se ci saranno garanzie di sicurezza, opportunità di lavoro e opportunità educative per i bambini.

Con l’invasione dell’ISIS da parte della pianura di Ninive nel 2014, circa 120 mila cristiani sono dovuti fuggire, in un esodo che aveva messo a rischio la stessa presenza cristiana nel Paese.

Tuttavia per Regina Lynch, esperta dell’organizzazione umanitaria in Iraq, ci sono buone ragioni per un po’ di speranza, considerando che il 50 per cento delle famiglie è rientrato a partire dal 2017 e che Aiuto alla Chiesa che Soffre ha investito circa 50 milioni di euro per il rimpatrio e la ricostruzione.

Quando si parla di cristiani in Iraq, non ci sono dati precisi, ma stime. Si diceva fossero 1,3 milioni nel 2003, poi si stimava che la cifra fosse crollata a 300 mila nel 2015 e oggi si pensa che siano da 150 mila a 250 mila.

Lunch ha anche notato che, nel 1900, i cristiani in Iraq era il 6,4 per cento della popolazione, solo il 2 per cento nel 2005, l’1 per cento nel 2015, e la previsione per il 2025 è che saranno solo lo 0,6 per cento della popolazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/05/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Diocleziano ed il martirio dei cristiani

Le maggiori persecuzioni contro i cristiani di cui si hanno chiari resocontia sono state quelle sotto Marco Aurelio, una seconda con Decio e Valeriano e di una terza, detta la “grande persecuzione”, con Diocleziano. Finirono con l’editto di Nicomedia del 311 emanato dall’imperatore Galerio, confermato dall’editto di Milano del 313 promulgato da Costantino I

Leggi tutto

Media

Storie di donne consacrate vittime del male

E’ nelle librerie il volume di Salvatore Cernuzio intitolato “Il velo del silenzio. Abusi, violenze, frustrazioni nella vita religiosa femminile”, edito da San Paolo. Ecco la prefazione al libro scritta dal suor Nathalie Becquart, sottosegretario della Segreteria generale del Sinodo dei Vescovi

Leggi tutto

EGITTO - Un tempo di “risveglio spirituale” in memoria dei Martiri copti di Libia

15 giorni di “risveglio spirituale” da vivere nella memoria grata verso coloro che sette anni fa morirono sussurrando il nome di Gesù, proprio mentre venivano sgozzati da empi manovali del terrore jihadista.

Leggi tutto

Chiesa

Somalia - Monsignor Bertin invita all’unione

La Somalia, alle prese con gravissimi problemi, resta sospesa dal punto di vista politico e quindi esposta al caos, anche a causa dell’incerto processo elettorale. Un accordo aveva stabilito che le elezioni si dovessero tenere entro il 25 febbraio, ma il perdurare delle tensioni fa pensare a un ennesimo posticipo.

Leggi tutto

Storie

Rasht, cristiani convertiti condannati a 5 anni di carcere

Fra le accuse “propaganda ed educazione” legata a “credenze devianti e contrarie alla sharia”, oltre a “legami con leader stranieri”.

Leggi tutto

Politica

Hong Kong, dopo arresto arriva l’incriminazione per il card. Zen

Il processo nei suoi confronti e di cinque attivisti democratici inizierà il 19 settembre. Per il momento cade l’accusa di aver minacciato la sicurezza nazionale. L’imputazione è di non aver registrato un fondo di beneficienza di cui era amministratore fiduciario

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano