Storie

di Nathan Algren

Egitto: uniti per festeggiare MARIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quest’anno sono più di un milione i pellegrini egiziani, sia cristiani copti che musulmani, attesi presso il Monastero-Santuario mariano di Jabal al Tayr, presso la città di Samalut, nella provincia egiziana di Minya, nei giorni in cui la Chiesa copta celebra la nascita della Vergine Maria.

Dopo anni pesantemente condizionati dalle disposizioni sanitarie messe in atto per contrastare la pandemia da Covid-19, quest’anno le aree intorno al Santuario sono tornate a riempirsi di bancarelle, bivacchi e punti di ristoro che tradizionalmente connotano questa manifestazione moltitudinaria della devozione popolare verso la Vergine Maria. In aggiunta, le autorità nazionali e quelle locali hanno dedicato attenzione e risorse particolari per garantire i servizi pubblici necessarie a un sereno svolgimento delle celebrazioni, a partire dalla rapida raccolta dei rifiuti e dal coordinamento delle attività di tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico.

Le celebrazioni ospitate ogni anno presso il Santuario in onore della nascita di Maria iniziano alla fine di maggio e si protraggono per una settimana. Il Santuario mariano rappresenta anche una delle tappe più significative del “Cammino della Sacra Famiglia”, l’itinerario che unisce luoghi attraversati, secondo tradizioni millenarie, da Maria, Giuseppe e Gesù Bambino durante la loro permanenza in terra d’Egitto, dove erano dovuti emigrare, lasciando la Palestina, per fuggire ai disegni malvagi di Erode.

Da anni, come riferito dall’Agenzia Fides, il governo egiziano punta a promuovere il “Cammino della Sacra Famiglia” come percorso in grado di attrarre moltitudini di pellegrini e turisti da tutto il mondo. Quest’anno – riferiscono fonti specializzate come il sito online Copts Today – le autorità nazionali e regionali stanno seguendo le celebrazioni e i pellegrinaggi con particolare attenzione anche per valutare l’impatto delle prime opere pubbliche e private – nuovi percorsi stradali, parcheggi, aree verdi, strutture di ricezione alberghiera – realizzate intorno al santuario in vista della sua ulteriore promozione come meta di pellegrinaggi, nel quadro dei programmi di sviluppo turistico avviati proprio intorno alle varie tappe del “Cammino della Sacra Famiglia”.

La chiesa della Vergine Maria a Jabal al- Tayr (“Collina degli uccelli”) fu fondata intorno al 328 dopo Cristo per volontà della Regina Elena, madre dell’Imperatore Costantino, e costituisce uno dei santuari più amati e frequentati dai cristiani copti. Il luogo di culto originario, scolpito nella roccia, ospita solo tre volte all’anno celebrazioni liturgiche, in occasione di tre solennità del calendario liturgico copto.
Secondo tradizioni locali, dopo essere giunta presso la città di Samalut, la Sacra Famiglia attraversò il Nilo verso est, proprio dov’è situato attualmente il Monastero, e si stabilì nella grotta che si trova inglobata nella chiesa antica. La “collina degli uccelli”, dove sorge il monastero, è conosciuta anche come “Monte del Palmo” perché, secondo una tradizione locale, mentre il piccolo Gesù con Maria e Giuseppe si trovavano nei pressi dell’altura, un grosso frammento di roccia si staccò da essa, rischiando di travolgerli. Allora il Signore Gesù stese la mano fermando il masso rotolante, e il palmo della sua mano rimase impresso su quella roccia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/05/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

Avrebbe compiuto oggi 50 anni Santa Scorese

Santa Scorese è nata a Bari il 6 febbraio 1968, nella sua casa in Via Dante. Quattro anni prima di lei, i genitori avevano avuto Rosa Maria. Quasi venti giorni dopo la nascita, il 25 febbraio, Santa fu portata al battesimo. Una vicenda comune diventata nota grazie alla pubblicazione del Diario, che rischiava di essere distrutto, delle Lettere e di due biografie. Una continua scelta di Dio.

Leggi tutto

Chiesa

EL SALVADOR - “La democrazia è in terapia intensiva” ; parla il cardinale Rosa Chávez

“La democrazia ad El Salvador si trova in terapia intensiva”: sono le preoccupanti parole utilizzate dal cardinale Gregorio Rosa Chávez, Ausiliare di San Salvador, per fare il paragone con una malattia mortale che porta il malato nella “fase finale”.

Leggi tutto

Politica

Verso un’epoca nuova

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto.

Leggi tutto

Politica

Si avvicina la festa nazionale del PDF e de La Croce quotidiano

Intervista a Mirko De Carli nell’imminenza dell’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia e della festa nazionale de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Società

Germania: cristianesimo in numeri

Attualmente, secondo gli esiti della ricerca, il 28% della popolazione dichiara di aderire alla Chiesa evangelica e il 27% a quella cattolica. Nel 1995 i dati davano il 37% per la prima e il 36% per la seconda. L’allontanamento personale del cristianesimo si è velocizzato negli ultimi anni, con la probabilità che nel giro di breve tempo l’appartenenza alle due grandi Chiese cristiane del paese non coprirà più la maggioranza della popolazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano