Società

di Roberto Signori

L’Unicef e l’importanza dell’istruzione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono stati coinvolti 4300 ragazze e ragazzi, tra gli 11 e i 17 anni, 1300 insegnanti, 20 comuni, 170 associazioni e più di 400 genitori in 7 regioni. Si tratta del progetto ‘Lost in Education’ che si è concluso a Roma con la conferenza finale dal titolo “Accordi educativi e comunità educanti: la parola alle ragazze e ai ragazzi”, a cura dell’Unicef con l’Arciragazzi nazionale. Durante la conferenza sono stati presentati i risultati raggiunti al termine del percorso.

Lo scopo di questa conferenza, come spiega Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia, “era quello di ritrovarsi dopo questo progetto che è durato un anno e mezzo” e la cui parte finale, a giudizio di Rozera, “è stata estremamente interessante”. I ragazzi, prosegue il direttore generale, “hanno partecipato pienamente, si sono sentiti coinvolti e abbiamo creato dei modelli per far vedere come una comunità educante possa raggiungere i suoi obiettivi se si fonda su un patto collettivo tra tutti gli attori che sono coinvolti”, questo dimostra che lo scopo è stato raggiunto. “Non si fanno le cose in uno o in due, ma è importante creare una rete di rapporti, la comunità educante”.

Il progetto ha sperimentato una strategia di contrasto della povertà educativa partendo da tre pilastri: partecipazione delle ragazze e dei ragazzi; empowerment della comunità e la scuola come attore sociale che governa il processo educativo di comunità. Per poter creare questa rete di rapporti serve la “partecipazione vera”, dice ancora Rozera, descrivendo gli adulti come “un pò furbetti” quando parlano di partecipazione, poiché, precisa, gli adulti tendono a fare cose di facciata per poi non realizzarle, “qui invece la partecipazione è stata vera” e i progetti sono tutti stati ideati insieme ai ragazzi, con loro come protagonisti che hanno fatto tutto quello che c’era da fare, come i laboratori e i percorsi educativi, con dei progetti, aggiunge, “veramente interessanti”. “L’obiettivo principale era il contrasto alla povertà educativa minorile in italia”. L’educazione rappresenta “l’unica arma che i ragazzi in situazioni difficili hanno per uscire dal disagio in cui si trovano”, senza dimenticare, conclude Rozera, l’importanza di trovare dall’altra parte “una scuola che sia accogliente ed educante”. E le realtà in Italia sono tante, si deve aver fiducia, chiedere e pretendere la loro partecipazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Sconfessate le famiglie arcobaleno

Per la Costituzione del 1948 articolo 29, per l’articolo 5 comma 1 legge 40 del 2004, per la sentenza della Corte Costituzionale 162 del 2014, persino per la legge Cirinnà del 2016, infine per la sentenza della Corte Costituzionale 221 del 2019, è famiglia solo la società naturale basata su una coppia di persone di sesso diverso unite in matrimonio o almeno stabilmente conviventi. È illegale in Italia per le coppie lesbiche utilizzare la fecondazione eterologa, è illegale per le coppie gay la pratica dell’utero in affitto, le “famiglie arcobaleno” sono dunque sconfessate e l’omogenitorialità nell’ordinamento giuridico italiano non esiste.

Leggi tutto

Politica

Mattarella il 16 dicembre in visita di congedo dal Papa

Il presidente della Repubblica italiana sarà ricevuto alle 9.30del prossimo 16 Dicembre nel Palazzo Apostolico, a conclusione del suo settennato.

Leggi tutto

Politica

Incontro Santa Sede-Italia: timori per la guerra

Celebrata all’Ambasciata di Italia presso la Santa Sede, la ricorrenza della firma dei Patti Lateranensi tra Italia e Santa Sede. Tra i temi trattati in questa occasione, il Giubileo del 2025, il sostegno a favore delle famiglie, l’attenzione ai migranti. Grande attenzione è stata dedicata inoltre alla guerra in Ucraina e alla situazione in Libano

Leggi tutto

Storie

Le cure palliative in Italia

Dall’indagine emerge che ogni anno in Italia oltre 543mila persone adulte necessitano di cure palliative, ovvero quell’insieme di trattamenti rivolti ai malati inguaribili al fine di migliorarne la qualità di vita riducendo il livello di sofferenza e dolore.

Leggi tutto

Storie

SE LA GUERRA A PUTIN È GIUSTA COMBATTIAMOLA NOI E NON PER CONTO TERZI

Il problema, come sempre, è andare a fondo delle ragioni che ti spingono a fare una scelta anziché un’altra. La narrazione unica dell’aggressore e dell’aggredito rispetto al conflitto in corso in Ucraina dovrebbe interrogarci tutti in maniera radicale e netta: se Putin è un dittatore sanguinario che sta martoriando un popolo indifeso, perpetuando una nuova e più subdola formula di genocidio etnico, perché non scendere in campo direttamente noi per tentare di salvare delle vite umane prima che ne muoiano tante altre?

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano