Storie

di Roberto Signori

Strappò il velo a una musulmana sul bus: condannata una 23enne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Aggredì, su un autobus di linea a Torino, due passeggere musulmane strappando il velo dal volto di una di loro e, adesso, una 23enne torinese è stata condannata a 5 mesi e 10 giorni. L’aggressione risale al marzo del 2019 e il Tribunale ha riconosciuto le lesioni aggravate dall’odio razziale ai danni delle due musulmane.

La 23enne a Torino è imputata in un secondo processo, ripreso lunedì 30 maggio al Palazzo di Giustizia, dove una perizia psichiatrica l’ha definita «parzialmente incapace» per un lieve deficit mentale e «socialmente pericolosa». In questo caso l’accusa è di avere preso parte insieme al compagno a una rapina a un uomo nella zona di Porta Nuova. Il pubblico ministero Laura Longo ha chiesto per lei 5 anni di reclusione. In una udienza precedente la 23enne era stata allontanata dall’aula dopo avere inveito contro un testimone, un vice questore, e i magistrati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Ho liberato dal peso la sua spalla (Sal 80) 

Quando ci viene trasmesso nello Spirito il giusto rapporto tra l’infinito amore di Dio e la nostra creaturalità ogni cosa la vediamo in modo più equilibrato. Godiamo dell’amore di Dio, dei suoi doni anche umani, materiali e relativizziamo ciò che ci manca, i nostri limiti ed errori. Ci accorgiamo che il moralismo, il farci sentire costretti in un bene meccanico, non maturato nel cuore, nella grazia, ci orientava a puntare su noi stessi, a ingigantire in tale valutazione distorta i nostri limiti, a farci giudicare con pesantezza noi stessi e gli altri. A bloccarci nei nostri schemi, a non cogliere il filo sereno, come una colomba, dello Spirito di Gesù in noi. A non accogliere gli altri come un dono ma a rinchiudere i rapporti con loro e loro stessi dentro mentalità di corto respiro.

Leggi tutto

Società

No dei giudici al doppio cognome per i figli di coppie gay

La Corte d’appello rigetta il ricorso del Comune di Torino. Al momento sono 79 i bimbi di unioni omogenitoriali iscritti all’anagrafe. Le trascrizione sono una forzatura della legge

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai funerali di padre Fares

Il Papa ha concelebrato presso la Curia generalizia dei gesuiti a Roma le esequie del religioso spentosi due giorni fa a 66 anni.

Leggi tutto

Politica

LA SFIDA DEL DISARMO NUCLEARE

“Il nostro futuro su questo pianeta, esposto com’è al rischio dell’annientamento nucleare, dipende da un solo fattore: l’umanità deve attuare un rivolgimento morale. Nell’attuale momento storico ci deve essere una mobilitazione generale di tutti gli uomini e donne di buona volontà. L’umanità è chiamata a fare un ulteriore passo in avanti, un passo verso la civiltà e la saggezza” ebbe a dire San Giovanni Paolo II incontrando scienziati e rappresentanti dell’Università dell’Onu a Hiroshima il 25 febbraio 1981.

Leggi tutto

Società

DOPO IL MURO, PRIMA DI INTERNET: IL TEMPO DELLA FELICITÀ

Trent’anni fa, il 18 novembre 1991, usciva Achtung Baby degli U2. Era appena crollato il muro di Berlino e non c’era ancora internet: è un periodo storico durato pochissimi anni che io considero il tempo più felice e creativo della storia contemporanea, dalla Rivoluzione Francese ad oggi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Indonesia?

L’Indonesia invita Papa Francesco a visitare il Paese: lo ha detto al Nunzio Apostolico, l’Arcivescovo Pietro Pioppo, e ai Vescovi cattolici indonesiani il ministro degli Affari religiosi Menag RI Yaqut Cholil Qoumas

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano