Politica

di la redazione

ADINOLFI : “LA LOBBY LGBT COLPISCE GATTUSO”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), interviene nella querelle tra l’allenatore Rino Gattuso e i tifosi del Valencia, sua nuova squadra, che lo accusano per alcune frasi pronunciate tra il 2008 e il 2013: “La violenza che sta subendo Gattuso, perseguitato per alcune frasi ritenute omofobe pronunciate anni fa, racconta ancora la prepotenza della lobby Lgbt che negli USA è già riuscita a emarginare ogni dissenziente, ora ci prova anche in Europa. Ma il libero pensiero non si opprime”. Adinolfi conclude: “In Italia si respira lo stesso clima di oppressione, c’è addirittura un paradossale Partito Gay che distribuisce patenti di democraticità agli avversari politici, mettendone al bando alcuni. Tutto questo è francamente insopportabile, il 12 giugno gli italiani hanno in mano il voto al Popolo della Famiglia come strumento per dire basta a queste prepotenze. Lo utilizzino”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/06/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Politica

LE ERRATE PREMESSE LOGICHE DI SAVIANO

La paginata che il Corriere della Sera regala a Saviano per dire “il proibizionismo ha fallito” e “fa ricche le mafie” crea le errate premesse logiche non per la cannabis di Stato, ma per far diventare lo Stato spacciatore di ogni droga. Dicono di voler “salvare i giovani”. Li stanno annegando in un oceano di minchiate.

Leggi tutto

Politica

L’unica soluzione

Il reddito di maternità è l’unica soluzione possibile alla principale tragedia italiana che è la denatalità, che una classe politica miope non riesce a inquadrare, ma che travolgerà l’intero sistema di welfare del Paese. Devono immediatamente tornare a nascere centinaia di migliaia di figli e questo avverrà solo con il reddito di maternità. Il 9 novembre 2018 il Popolo della Famiglia spiazzò l’intero mondo della politica presentando questa proposta di legge composta da un solo articolo

Leggi tutto

Politica

Senza precedenti

In Italia nell’era dell’informazione “somministrata” questo esercizio giornalistico non si fa mai, ma il Financial Times ha pubblicato le cifre del giro d’affari garantito nel 2021-22 a Pfizer e Moderna grazie al vaccino: 135 miliardi di $

Leggi tutto

Politica

Adinolfi a Mattarella: “Basta emergenza”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano