Politica

di Giuseppe Udinov

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cristiani iracheni rappresentano una comunità autoctona, presente nella terra della Mesopotamia ben prima dalla nascita dell’islam. Loro, con dedizione e creatività, hanno contribuito in maniera determinante alla originale civiltà sviluppatasi nella regione, e rappresenta un’offesa all’umanità e anche all’intelligenza la definizione che li bolla come “infedeli” e “politeisti”, definizione rintracciabile anche su testi e piattaforme digitali del Sistema educativo nazionale. Lo rimarca il Cardinale iracheno Louis Raphael Sako, in un’ampia analisi focalizzata su problemi e opportunità che connotano la vita quotidiana delle comunità cristiane irachene nell’attuale fase storica.

L’ampia analisi viene offerta dal Patriarca come contributo per avviare un confronto con esponenti e rappresentanti delle altre compagini ecclesiali locali, in vista di una eventuale conferenza dedicate alle emergenze che affaticano la vita delle comunità cristiane in Medio Oriente e mettono a rischio la loro millenaria presenza in quella regione del mondo.

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

La mentalità che mira a imporre una religione alle coscienze – rimarca il Cardinale Sako – non favorisce “il rispetto, la coesistenza e la tolleranza”. Il Patriarca riconosce che in epoche passate anche la cristianità ha pagato il suo pegno a tale mentalità, aggiungendo che adesso ogni discorso che istiga alla discriminazione, all’esclusione e all’odio tra cittadini per ragioni legate al settarismo religioso, “dovrebbe essere condannato legalmente”. A questo riguardo, il Patriarca critica anche la concezione che identifica le varie comunità di fede come ‘componenti’ separate della società irachena, concezione che “nutre le identità tribali e settarie, e non aiuta a stabilire uno Stato nazionale moderno”, fondato sui principi di cittadinanza e eguaglianza dei diritti. “I cristiani” insiste il Patriarca Sako “sono iracheni autoctoni e non sono una comunità proveniente da un altro Paese. Loro sono popolo di questa terra, quindi non è accettabile etichettarli come ‘minoranza’ ”.

Critiche radicali vengono riservate dal Patriarca ai cosiddetti ‘Partiti cristiani’, le piccole sigle politiche irachene create da singoli cristiani e da gruppi di battezzati che aspirano a presentarsi come proiezioni politiche delle comunità cristiane locali. “Questi Partiti” scrive il Cardinale Sako “servono solo a fomentare nazionalismi regionali. Di conseguenza, non sono riusciti nè al centro nè nelle diverse aree regionali a giocare un vero ruolo come strumenti per favorire la coesione tra I diversi gruppi cristiani e trovare un nome unitario su cui far convergere le loro forse, giocando come un’unica squadra al servizio del bene dei cristiani e di tutto il Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Storie

Clochard morto in un rogo: fatalità?

Un mese fa i fatti: nella sera di santa Lucia Ahamed Fdil morì arso nell’automobile che gli serviva da unica casa. Nel trigesimo viene formulata l’ipotesi di omicidio a carico di due giovanissimi – un
tredicenne e un diciassettenne – nordafricano l’uno, slavo il secondo. La riflessione sull’ultraviolenza precoce ne invoca una più vasta, perché un barbone è la vittima ideale in quanto persona invisibile

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano