Storie

di Roberto Signori

USA - Il Congresso vuole indagare sulla vendita di parti di bambini abortiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una lettera bicamerale, 89 membri del Congresso hanno invitato l’ispettore generale del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS), Christi Grimm, a condurre un audit immediato per verificare se l’Università di Pittsburgh abbia violato la legge federale mentre conduceva ricerche sui tessuti fetali sovvenzionate dal National Istituti di salute (NIH).

La spinta per un’indagine completa è arrivata dopo che l’HHS ha ignorato le serie preoccupazioni sollevate in precedenti lettere inviate dai membri del Congresso che si opponevano alla ricerca sui tessuti fetali e al traffico di parti di bambini abortiti.

Nella loro lettera a Grimm, i legislatori hanno ribadito le gravi accuse che l’HHS ha rifiutato di affrontare, compreso il fondato sospetto che i ricercatori universitari abbiano alterato illegalmente le procedure di aborto esclusivamente allo scopo di ottenere tessuto fetale e che abbiano ricavato organi o tessuti da bambini abortiti che erano nati vivi e che erano stati uccisi successivamente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Nuova Zelanda e Planned Parenthood promuovo l’aborto in telemedicina

Dunque la salute equivale, per il governo Neozelandese, ad abortire, senza se e senza ma. La telemedicina, inoltre, viene ridotta a “consigli telefonici” per sbarazzarsi di un bambino, anche “semplicemente” prendendo la pillola abortiva. Da qui l’idea di chiamare il servizio col nome di “Decide”, rimarcando il mantra del “my body mi choice”, mentre va ricordato come lo stesso servizio statale è in parte anche gestito dalla realtà “Family Planning New Zealand”, sezione territoriale della multinazionale abortista International Planned Parenthood Federation (IPPF).

Leggi tutto

Politica

USA: mamme contro il gender nelle scuole

Il movimento ‘Moms for Liberty’ cresce e continuerà a svilupparsi sempre più in tutti gli Stati degli USA. Ben 85mila mamme per la libertà si candidano infatti ai consigli scolastici locali in tutti gli Stati Uniti, per combattere l’indottrinamento LGBTI, l’ipersessualizzazione e promuovere la libertà educativa e i diritti dei genitori.

Leggi tutto

Società

FETO DI 18 SETTIMANE: LA FOTOGRAFIA DEL XX SECOLO

Nell’aprile del 1965, la rivista “LIFE” mise in copertina una fotografia chiamata “Feto di 18 settimane” creando scalpore. L’edizione ebbe un grande successo, diventando la copia più venduta dell’intera storia della rivista.

Leggi tutto

Storie

Thailandia - Bangkok legalizza l’aborto fino a 20 settimane

Il nuovo provvedimento che entrerà in vigore il 26 ottobre aggiorna il precedente, che solo lo scorso anno e dopo una sentenza della Corte suprema aveva introdotto la possibilità dell’interruzione di gravidanza per un periodo più ristretto. Evidente la spinta alla liberalizzazione

Leggi tutto

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

L’InaugurationDay visto da laggiù

Girato l’angolo, ci si para davanti una testuggine della polizia in assetto anti-sommossa, alzo lo sguardo e vedo salire in lontananza una colonna di fumo nero. “Hanno dato fuoco a una limousine”, ci dice una ragazza. Mentre passo accanto allo schieramento, incrocio lo sguardo inquieto di un poliziotto di colore, non avrà più di venti anni. Già nelle ore precedenti erano circolate notizie di vetrate spaccate, quelle di un McDonald e di una filiale di Bank of America. Anche io, nel 2012, la prima volta in cui ho votato in un’elezione presidenziale, ho provato la cocente delusione di non vedere il mio candidato eletto, ma mi sono limitata a sfogare la mia frustrazione con un post su Facebook. Quella devastazione, quegli occhi impauriti, quegli americani che attaccano altri americani per affermare la propria idea sono la conferma che Trump è stata la scelta giusta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano