Politica

di la readazione

Mascherine, obbligo fino al 30 settembre sui mezzi pubblici

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Prorogato fino al 30 settembre l’obbligo di mascherine sui treni, navi e mezzi di trasporto pubblico locale. Lo ha deciso il Consiglio del ministri. È in corso una valutazione sulla eventuale proroga dell’obbligo per gli aerei. Prorogato fino al 30 settembre l’obbligo di indossare la mascherina anche per l’accesso alle Rsa e agli ospedali.

Intanto dal 16 Giugno, è venuto meno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie aeree nei cinema, teatri e negli eventi sportivi al chiuso. In questi luoghi la mascherina sarà raccomandata ma non più obbligatoria (cinema, teatri e palazzetti dello sport) così come agli esami di maturità.

Per quanto riguarda i luoghi di lavoro, da oggi per i dipendenti pubblici non vale più la raccomandazione di tenere la mascherina in ufficio, mentre per i dipendenti privati resta l’obbligo di mascherina fino al 30 giugno.

Decaduto anche l’obbligo vaccinale per gli over 50, mentre resta per il personale sanitario, per chi lavora nelle strutture sanitarie e per i dipendenti delle Rsa: potranno entrare nel luogo di lavoro soltanto mostrando il Green pass.

L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) intanto ha annunciato di aver avviato la valutazione della versione adattata alle varianti del Covid del vaccino Pfizer. Si tratta delle subvarianti di Omicron ma non è stato ancora chiarito se il vaccino adattato sarà specificamente mirato contro una o a più varianti o sottovarianti del Sars-Cov-2.

L’obiettivo è quello di avere i vaccini aggiornati per settembre, così da procedere ad una nuova campagna vaccinale in vista di possibili nuove ondate in autunno-inverno, ma con sieri aggiornati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/06/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Società

Noi giovani vogliamo amarci senza guanti

Una diciassettenne reagisce alle martellanti campagne sui profilattici che dilagano in Italia. «Ci credete incapaci», dice.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

Media

CNR - CONTAGIO IN ARIA INDOOR: QUASI AZZERATO DALLE NORME

Mensa, parrucchiere, centri commerciali. Venezia-Mestre, Bologna, Lecce. Con mascherina, distanziamento e ricambio d’aria, nei luoghi pubblici al chiuso il rischio di trasmissione in aria del Sars-Cov-2 è risultato inferiore al minimo rilevabile. Lo evidenzia uno studio condotto per la prima volta in Italia, dagli Istituti di Scienze dell’atmosfera e del clima e di Scienze polari del Cnr, Università Ca’ Foscari Venezia e Istituto Zooprofilattico sperimentale della Puglia e della Basilicata, pubblicato su Environmental Science and Pollution Research.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano