Storie

di Nathan Algren

Karen, esercito birmano brucia chiesa cattolica di un villaggio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel villaggio di Dawnyaykhu - che si trova nella municipalità di Phruso - la chiesa cattolica di San Matteo è stata data alle fiamme dall’esercito birmano. Si tratta dell’ennesimo attacco nei confronti di un edificio religioso nello Stato Karen, nella regione orientale del Myanma, nel contesto del conflitto che nella zona oppone i militari alle milizie locali.

L’episodio è avvenuto il 15 giugno in un’area dove da giorni sono in corso accesi combattimenti tra l’esercito e la Karenni National Defense Force (Kndf) per il controllo della strada che collega Demoso con Phruso e Bawlakha. La chiesa di San Matteo è una delle 38 parrocchie della diocesi di Loikaw. Il giorno prima i militari della 66.a divisione avevano già dato fuoco a quattro case del villaggio; poi – quando si sono ritrovati a dover abbandonare Dawnyaykhu, per ripiegare a Phruso sotto la pressione delle forze del Kndf – hanno saccheggiato il complesso della chiesa portando via il cibo destinato ai poveri e incendiato l’edificio. Un video diffuso dal Kndf mostra la chiesa di San Matteo ancora in fiamme. Prima di abbandonare il villaggio l’esercito avrebbe anche minato la zona.

Appena qualche giorno fa l’esercito birmano aveva dato alle fiamme un altro villaggio, Chanthaywa, che si trova nella regione di Sagain nel centro del Paese. Anche in quel caso le suore locali erano state costrette a fuggire per rifugiarsi in un campo per sfollati.

L’attacco diretto alle comunità religiose sta diventando una costante negli Stati Karen, Chin e Sagain, dove infuria la battaglia contro la resistenza armata locale, che rifiuta l’ultimatum dei generali a deporre le armi e a tornare alla vita civile. A poco più di un anno dal colpo di Stato del 1 febbraio 2021 nel solo Stato Karen si contano ben 20 edifici religiosi distrutti dall’esercito. Almeno 9 le parrocchie colpite da attacchi o bombardamenti nella diocesi di Loikaw.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/06/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano