Chiesa

di Nathan Algren

Ecuador, i vescovi: “Il dialogo è l’unico cammino”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Come Chiesa ecuadoriana vogliamo invitare il governo nazionale, la Conaie, i movimenti sociali e politici e tutti gli uomini e le donne di buona volontà a cercare insieme soluzioni adeguate attraverso il dialogo, pensando soprattutto al bene comune e al benessere dei più poveri del nostro Paese”. È questo l’appello lanciato il 15 giugno scorso dai vescovi ecuadoriani sui social network, preoccupati per la complessa situazione sociale, economica e politica che il Paese sta attraversando.

La Conaie, principale organizzazione indigena del Paese, ha proclamato uno sciopero generale a tempo indeterminato, nei giorni scorsi, per resistere alle misure economiche del governo neoliberista del presidente Guillermo Lasso. Nel corso dello sciopero, nella notte tra lunedì e martedì, gruppi speciali della polizia locale hanno arrestato arbitrariamente il leader indigeno e presidente della Conaie, Leonidas Iza, accusato di essere l’autore intellettuale di atti vandalici. Il rilascio di Iza, il giorno dopo, non ha fermato la mobilitazione indigena.

Tra le principali richieste avanzate dai manifestanti, quella di congelare il prezzo del carburante salito alle stelle, lo stop alla privatizzazione del patrimonio nazionale, il rispetto dei diritti dei popoli indigeni e l’introduzione di politiche di controllo dei prezzi dei prodotti di prima necessità. “Non siamo indifferenti al grido del nostro popolo che chiede giorni migliori per tutti, ma siamo anche consapevoli che questo è un percorso che dobbiamo costruire insieme”, ha affermato la Conferenza episcopale ecuadoriana nel suo messaggio.
Condannando qualsiasi tipo di violenza “da qualsiasi parte provenga”, nella convinzione “che non sia questa la strada da percorrere se vogliamo costruire un Ecuador migliore”, i vescovi hanno ricordato come Papa Francesco insista “sull’istituzione di una ‘cultura del dialogo” per risolvere i conflitti. “Egli - hanno spiegato - ci invita costantemente a saper ‘costruire ponti’ e ‘abbattere muri’ che ci dividono”. Pertanto, “abbracciamo queste parole, facciamole nostre e costruiamo insieme quei ponti che ci avvicinano come fratelli”. I presuli hanno concluso il comunicato sottolineando che “come pastori di questa Chiesa” continueranno a camminare accanto alla loro gente, “condividendo le loro difficoltà e le loro speranze, mossi solo dal Vangelo dell’amore e della verità, della giustizia e della solidarietà”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Chiesa

Cristo Re dell’Universo

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

In un comunicato congiunto i presuli dei due Paesi esprimono preoccupazione per il fallimento dei negoziati tra Mosca e l’Occidente e per le truppe e le armi russe ammassate al confine.

Leggi tutto

Storie

Argentina - Il Vescovo di Moron contro le droghe

L’Osservatorio sul divario sociale dell’Università Cattolica Argentina (Uca) ha rilevato che a fine 2021, su un campione di 5.680 famiglie, il 23% segnalava la presenza di vendita di droga nell’isolato o nel quartiere in cui vive. Una percentuale che sale al 30% nelle zone urbane al di fuori della capitale.

Leggi tutto

Politica

Ecuador - Accordo tra governo e movimento

La Conferenza episcopale dell’Ecuador, mediatrice dell’incontro, ha annunciato la conclusione del tavolo di lavoro

Leggi tutto

Chiesa

ARGENTINA - “Paternità responsabile”

La promozione di una paternità responsabile “non dovrebbe mai aprire la strada a metodi che minano la dignità della persona, che limitano la nozione di libertà umana o che assumono decisioni per le persone che non hanno ancora raggiunto la maturità necessaria per decidere su processi irreversibili”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano