Chiesa

di Nathan Algren

Ecuador, i vescovi: “Il dialogo è l’unico cammino”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Come Chiesa ecuadoriana vogliamo invitare il governo nazionale, la Conaie, i movimenti sociali e politici e tutti gli uomini e le donne di buona volontà a cercare insieme soluzioni adeguate attraverso il dialogo, pensando soprattutto al bene comune e al benessere dei più poveri del nostro Paese”. È questo l’appello lanciato il 15 giugno scorso dai vescovi ecuadoriani sui social network, preoccupati per la complessa situazione sociale, economica e politica che il Paese sta attraversando.

La Conaie, principale organizzazione indigena del Paese, ha proclamato uno sciopero generale a tempo indeterminato, nei giorni scorsi, per resistere alle misure economiche del governo neoliberista del presidente Guillermo Lasso. Nel corso dello sciopero, nella notte tra lunedì e martedì, gruppi speciali della polizia locale hanno arrestato arbitrariamente il leader indigeno e presidente della Conaie, Leonidas Iza, accusato di essere l’autore intellettuale di atti vandalici. Il rilascio di Iza, il giorno dopo, non ha fermato la mobilitazione indigena.

Tra le principali richieste avanzate dai manifestanti, quella di congelare il prezzo del carburante salito alle stelle, lo stop alla privatizzazione del patrimonio nazionale, il rispetto dei diritti dei popoli indigeni e l’introduzione di politiche di controllo dei prezzi dei prodotti di prima necessità. “Non siamo indifferenti al grido del nostro popolo che chiede giorni migliori per tutti, ma siamo anche consapevoli che questo è un percorso che dobbiamo costruire insieme”, ha affermato la Conferenza episcopale ecuadoriana nel suo messaggio.
Condannando qualsiasi tipo di violenza “da qualsiasi parte provenga”, nella convinzione “che non sia questa la strada da percorrere se vogliamo costruire un Ecuador migliore”, i vescovi hanno ricordato come Papa Francesco insista “sull’istituzione di una ‘cultura del dialogo” per risolvere i conflitti. “Egli - hanno spiegato - ci invita costantemente a saper ‘costruire ponti’ e ‘abbattere muri’ che ci dividono”. Pertanto, “abbracciamo queste parole, facciamole nostre e costruiamo insieme quei ponti che ci avvicinano come fratelli”. I presuli hanno concluso il comunicato sottolineando che “come pastori di questa Chiesa” continueranno a camminare accanto alla loro gente, “condividendo le loro difficoltà e le loro speranze, mossi solo dal Vangelo dell’amore e della verità, della giustizia e della solidarietà”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

FILIPPINE - Gli sfollati sotto la protezione di San Michele:

Nella diocesi di Malolos, il Vescovo Dennis Villarojo, sacerdoti, religiosi, operatori Caritas hanno visitato le famiglie sfollate, rifugiatesi nel santuario di San Miguel che ha aperto le porte agli sfollati, donando un riparo e un pasto caldo

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Chiesa

Lavoro minorile: conferenza in Vaticano

La pandemia di Covid-19 ha causato, per la prima volta in vent’anni, una battuta d’arresto nella riduzione del lavoro minorile nel mondo. Per l’Unicef e l’Organizzazione internazionale del lavoro è un fenomeno che coinvolge 160 milioni di bambini e anche per questo l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2021 l’”Anno Internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile”.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: appello della Chiesa contro le violenze

Nel Paese latino americano si registra, dall’accordo di pace del 2016, una recrudescenza della violenza, con vittime in particolare tra gli attivisti per i diritti umani.

Leggi tutto

Storie

Vescovo di Gizo: “No ai giochi di guerra”

Fa discutere il Pacifico il trattato sulla sicurezza che il premier Sogavare starebbe concludendo con Pechino. Australia e Nuova Zelanda temono apra la strada a una base cinese nelle Isole Salomone.

Leggi tutto

Storie

MESSICO - Giornata di preghiera per la pace

Gli omicidi e le sparizioni che vengono commessi quotidianamente nel paese sono una chiamata di Dio a unirci per chiedere la pace. Il sangue versato di questi fratelli e sorelle è il sangue di Gesù che cade sulla terra per renderla fertile e intraprendere un cammino di pace. Ecco perché chiediamo una Giornata di preghiera per la pace. Dobbiamo essere uniti in questo momento in cui l’indignazione del nostro popolo, di fronte alla barbarie della violenza, sta aprendo una porta alla pace”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano