{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Papa al sinodo greco-melkita: non dimenticare il ‘dramma’ della Siria

Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa al sinodo greco-melkita: non dimenticare il ‘dramma’ della Siria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I “drammi” che da mesi insanguinano l’Europa dell’est, con l’invasione russa dell’Ucraina, non devono far “dimenticare” quanto da 12 anni si consuma “nella vostra terra”. È quanto ha sottolineato oggi il papa, ricevendo in udienza in Vaticano i membri del sinodo della Chiesa patriarcale di Antiochia dei greco-melkiti che oggi celebrano la giornata di inizio dei lavori. Ringraziando il primate Youssef Absi, Francesco ha ricordato il pesante bombardamento occorso durante il primo anno di pontificato, in seguito al quale “abbiamo convocato una notte di preghiera” in san Pietro, con una “piazza piena” e in cui “c’erano anche dei musulmani”. E in quell’occasione è nata “l’espressione ‘Amata e martoriata Siria”. Migliaia di morti e feriti, milioni di rifugiati interni e all’estero, l’impossibilità - ha aggiunto - di avviare la necessaria ricostruzione”.

Tornando, come fatto più volte nel recente passato, su un conflitto dimenticato e scomparso dalle agende internazionali, il papa ha esortato a mantenere viva “l’ultima scintilla di speranza” che resta nel cuore e negli occhi di giovani e famiglie. “E rinnovo quindi l’appello - ha proseguito - a tutti coloro che hanno responsabilità, dentro il Paese e nella Comunità internazionale, perché si possa giungere ad una equa e giusta soluzione al dramma della Siria”.

I vertici della Chiesa greco-melkita sono a riuniti a Roma per il sinodo annuale sulle tombe dei santi Pietro e Paolo, la cui intercessione è necessaria perché in società “che si definiscono ‘liquide’, con legami leggeri che moltiplicano le solitudini e l’abbandono dei più fragili, la comunità cristiana abbia il coraggio di testimoniare il nome di Cristo” ha spiegato Francesco. Voi vescovi, prosegue, “siete chiamati a interrogarvi sul modo in cui, come Chiesa, portate la vostra testimonianza: eroica sì, generosa, ma sempre bisognosa di essere posta alla luce di Dio perché sia purificata e rinnovata” secondo il principio Ecclesia semper reformanda.

Il papa ricorda poi l’importanza di “vivere la comunione di preghiera e di intenti tra voi e con il Patriarca, tra i Vescovi e i presbiteri e i diaconi, con i religiosi e le religiose, e con i fedeli laici” che costituiscono il popolo di Dio. Il pontefice ha ricordato le giuste preoccupazioni “della sopravvivenza dei cristiani nel Medio Oriente” che egli stesso condivide “pienamente”. Al contempo guarda alla dimensione attuale della Chiesa Melkita che “ha una dimensione mondiale” dall’Australia e Oceania agli Stati Uniti, il Canada, il Sud America e la stessa Europa. “Questo aspetto - afferma il papa - rappresenta senza dubbio una sfida, ecclesiale ma anche culturale e sociale, non senza difficoltà e ostacoli. Al contempo è anche una grande occasione: quella di rimanere radicati nelle proprie tradizioni e origini, aprendovi però all’ascolto dei tempi e dei luoghi in cui siete disseminati, per rispondere a quello che il Signore chiede oggi alla vostra Chiesa”.

Sulla scelta dei vescovi, il pontefice invita a superare “ogni logica di partigianeria e di equilibri fra Ordini Religiosi di provenienza”, perché il solo criterio nella scelta sia quello di “far risplendere il volto della Chiesa tenendo lontane divisioni e mormorazioni“ che sono fonte di scandalo. “Su questo mi fermo: state attenti al chiacchiericcio. Se uno ha una cosa da dire all’altro, la dica in faccia, con carità, ma in faccia. Ma mai sparlare dell’altro con un altro [perché] è un tarlo che distrugge la Chiesa. Siamo coraggiosi. Guardiamo come Paolo ha detto in faccia a Giacomo tante cose. Anche a Pietro” Solo in questo modo, conclude il pontefice, “si fa l’unità, la vera unità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I vescovi contro l’utero in affitto

Le conferenze episcopali di tutta Europa diramano da Bruxelles una presa di posizione durissima contro la maternità surrogata

Leggi tutto

Politica

Al male bisogna opporsi

Ancora una volta sul web c’è chi dà patenti di misericordiosità. Io, ovviamente, non sono misericordiosa, perché ho attaccato il neo ministro Fedeli. Invece bisogna offrire appoggio, e collaborazione, e testimoniare senza opporsi. Ma al male, non alle persone, bisogna opporsi. È vero, abbiamo scherzato tutti sulla sua non laurea, ma molti senza parole offensive (io per esempio ho diffuso un invito alla sua fantomatica festa di laurea in un autogrill: saremo in più di dodicimila, io porto le patatine), e personalmente trovo molto deprimente che qualcuno pensi di sembrare più importante con una laurea (alcune tra le persone che stimo più al mondo non ce l’hanno).

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa opera per la pace

Ci sono “nuove interpretazioni dei diritti umani” e “in molti casi, i ‘nuovi diritti’ non solo contraddicono i valori che dovrebbero sostenere, ma vengono imposti nonostante l’assenza di consenso internazionale”. Lo ha dichiarato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, in un videomessaggio all’Assemblea generale dell’Onu.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano