Società

di Nathan Algren

PAKISTAN - Diritti delle minoranze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il governo federale e quelli provinciali hanno attuato ben poche raccomandazioni del noto pronunciamento della Corte Suprema del 19 giugno 2014 sui diritti delle minoranze religiose. Questo accade a causa della mancanza di buon governo, dell’indifferenza nei confronti dei diritti umani e della situazione delle minoranze. E’ urgente che i governi si adoperino per mettere in pratica la storica sentenza”: è quanto dice all’Agenzia Fides il leader cattolico Peter Jacob, direttore del “Center for Social Justice” (CSJ), organizzazione della società civile pakistana impegnata sul fronte della promozione dei diritti.

In una conferenza organizzata il 18 giugno a Lahore, Jacob ha notato: “Secondo quanto accertato dal CSJ, un collegio della Corte Suprema ha condotto 28 udienze di follow-up che hanno inviato ai governi federale e provinciali 80 ordinanze supplementari al fine di attuare gli ordini originari emessi nel 2014”.

I relatori della conferenza, organizzata dal CSJ nell’8° anniversario del pronunciamento della Corte sui diritti delle minoranze, si sono rammaricati per il fatto che l’attuazione sia stata in gran parte mancata. E hanno esortato il governo a rispettare le direttive emesse il 19 giugno 2014 dall’allora Presidente della Corte Suprema del Pakistan, Tassaduq Hussain Jillani. I relatori hanno inoltre sottolineato che la apposita Commissione creata dalla Corte suprema ha svolto un’opera lodevole e ha presentato 11 rapporti alla Corte, relazionando sulle attività e le sfide relative all’osservanza del verdetto.

Nasira Iqbal, giudice in pensione, ha dichiarato: “Sono passati otto anni dall’emanazione di quel pronunciamento e stiamo ancora aspettando la sua attuazione. È responsabilità del governo attuare gli ordini dei tribunali e affrontare gravi problemi che le minoranze incontrano in Pakistan. La sentenza sottolinea l’uguaglianza dei diritti per tutti i cittadini, indipendentemente dalla fede, pertanto il governo deve sviluppare programmi di studio inclusivi e tolleranti per tutti, come disposto dal tribunale”.

Saroop Ijaz, leader laico e attivista, ha affermato: “Le direttive della sentenza storica avevano il potenziale di compiere una riforma di ampia portata, per contribuire al progresso della libertà religiosa e alla costruzione di una società armoniosa. Ma i governi federale e provinciali non hanno colto l’opportunità per realizzare l’uguaglianza dei diritti e il rispetto della diversità etica e religiosa in Pakistan”. E ha osservato: “Questo può essere dovuto a una mancanza di capacità politica o alla mancanza di volontà istituzionale del governo”.
Come ha ricordato l’avvocato Saqib Jillani, la Costituzione del Pakistan garantisce a tutti i cittadini, senza alcuna discriminazione, le libertà fondamentali come la libertà di professare la religione e di gestire le istituzioni religiose, e il diritto di uguaglianza per tutti i cittadini. Jillani ha sottolineato: “I governi federale e provinciale dovrebbero adempiere alle loro responsabilità costituzionali, affrontando le lacune nella governance e attuando le misure per promuovere e proteggere efficacemente i diritti delle minoranze”.

Intervenendo alla conferenza, la cattolica Michelle Chaudhry, Presidente della “Cecil e Iris Chaudhry Foundation”, ha notato: “La Commissione nazionale per le minoranze e la task force sulle minoranze, costituite attraverso notifiche e risoluzioni nel maggio 2020 e nel giugno 2022, sono state utili a rappresentare la piena osservanza dovuta alle disposizioni del tribunale, ma finora si è registrato un totale disinteresse verso i contenuti del verdetto emesso dalla Corte”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Associazione medica trans e contenuti sadici e pedopornografici

Il documento afferma: “Le persone che s’identificano come eunuche possono condividere con altre persone di genere diverso il desiderio di riduzione o eliminazione delle caratteristiche fisiche maschili, dei genitali maschili o del funzionamento genitale”.

Leggi tutto

Storie

Faisalabad: rapita da un collega 2 mesi fa

Un nuovo caso di sequestro di una ragazza cristiana a scopo matrimonio in Pakistan. L’autore della violenza è noto e ci sono testimonianze contro di lui, ma anche le udienze in tribunale non hanno dato alcun risultato

Leggi tutto

Storie

150 anni fa nasceva don Orione

Il Santo, nato il 23 giugno sarà ricordato in una serie di iniziative durante tutta la settimana: da Pontecurone, dove è nato, a Sanremo luogo della morte

Leggi tutto

Politica

LA COPIA CONFORME

Giorgia Meloni rinnega la passione pro-life del discorso andaluso e ce ne eravamo subito accorti perché quando il giorno dopo ci fu la soppressione di un disabile nelle Marche, una di quelle che piacciono tanto a Cappato, l’unica voce di protesta ad alzarsi fu la nostra, non la sua.

Leggi tutto

Storie

Togo-  Un amore indissolubile per la croce

I 70 anni dell’Istituto delle Sorelle di Nostra Signora della Chiesa del Togo

Leggi tutto

Storie

MOZAMBICO - “Per fermare i jihadisti occorre dare un futuro ai giovani

Non ci possono essere vittime di seria A e vittime di serie B”. “La risposta ai jihadisti non può essere solo militare ma occorre fornire speranza ai giovani, altrimenti tentati dal reclutamento nelle file jihadiste”. Sono alcune delle affermazioni rilasciate da Mons. Juliasse Ferreira Sandramo, Vescovo di Pemba, diocesi che si trova a Cabo Delgado, la provincia settentrionale del Mozambico da alcuni anni destabilizzata dai ribelli che hanno aderito allo Stato Islamico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano