Storie

di Roberto Signori

Nigeria - Nuovo attacco in una chiesa cattolica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Almeno tre morti e una quarantina di persone rapite. È il bilancio dell’assalto contro i fedeli della chiesa cattolica di St. Moses, Robuh, nello Stato di Kaduna, avvenuto nella giornata di domenica 19 giugno. Il commando terroristico, riferisce l’agenzia Fides, ha assalito i fedeli durante la Messa del mattino. Nel corso della sparatoria, tre persone sono rimaste uccise mentre altre hanno riportato ferite di diversa gravità. Sono state tutte portate d’urgenza in ospedale. Una quarantina di persone mancano all’appello. Si ritiene che siano state rapite dai banditi.

Secondo fonti ufficiali il commando, composto da diversi uomini armati, è giunto in moto ed ha preso d’assalto diversi villaggi, a partire da Ungwan Fada. Nel villaggio di Robuh, sono stati compiuti drammatici attacchi contro i fedeli nella chiesa battista di Maranatha e nella chiesa cattolica di San Mosè. Il villaggio di Robuh, ricorda l’agenzia Fides, era già stato assalito il 5 gennaio di quest’anno e il 27 aprile del 2020. Per questo motivo sia i fedeli della chiesa cattolica sia quelli di quella metodista avevano deciso di tenere le funzioni religiose domenicali alle 7 del mattino, in modo da permettere ai partecipanti di ritornare al più presto a casa. Nella domenica del 19 giugno gli assalitori hanno sferrato l’attacco poco dopo le 7 del mattino. Il Paese africano è scosso, da diversi mesi, da tragici attacchi. Domenica 5 giugno una quarantina di fedeli hanno perso la vita nell’assalto alla chiesa di San Francesco Saverio di Owo, nello Stato di Ondo, nel sud-ovest della Nigeria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Storie

Monsignor Delpini entra a Milano e siede sulla cattedra di Ambrogio

Avvenuto l’ingresso solenne di monsignor Mario Delpini come nuovo arcivescovo di Milano. Il racconto di una giornata speciale per i milanesi.

Leggi tutto

Chiesa

Gnosticismo e pelagianesimo: le ideologie che mutilano il Vangelo

La sintesi della trasmissione di ieri su Radio Mater “Temi di Dottrina sociale della Chiesa”. Dedicata alla terza Esortazione apostolica di Papa Francesco

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano