Storie

di Costanza Miriano

“Alcuni” sacerdoti ed i gay

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tra sacerdoti che fanno gli auguri ad amici omosessuali nel giorno del loro “matrimonio” (salvo poi correggere in unione civile, ma insomma la sostanza rimane) e benedizioni in Chiesa di coppie civilunite, seguite da spiegazioni verbose e poco nette - di solito servono tante parole quando non si ha il coraggio di dire la Verità - e altri sacerdoti ancora che ammirano l’allegria del gay pride, volevo ricordare, anche se io invece non sono un sacerdote, che ovviamente la Chiesa fa gli auguri, benedice e prova simpatia per tutti gli esseri umani, a prescindere. Ma proprio per questo, perché li ama, non può smettere di dire la verità. L’uomo e la donna trovano la loro identità - e dunque la verità, la pienezza e la felicità - nella relazione con Dio, che solo ci dice chi siamo, e che ci ha creati maschio e femmina, a sua immagine, per entrare in relazione l’uno con l’altra. La relazione con l’altro sesso implica un cammino e una fatica, occorre uscire da sé e prendersi la responsabilità dell’amore. Chi non riesce o decide di non fare questo cammino - per una ferita che può avere origine in tanti modi diversi - va amato, non giudicato, perché nessuno si può permettere di entrare nel sancta sanctorum del suo cuore, solo Dio. Detto questo, è importantissimo che almeno la Chiesa, rimasta l’unica a farlo, continui a dire la verità alle persone che provano attrazione verso lo stesso sesso, perché chi vive una relazione omosessuale è, secondo il catechismo della Chiesa Cattolica, in un profondo disordine e quindi in una infelicità, che la parola “gay”, allegro, tenta goffamente di dissimulare. Nessun indice puntato, nessuna accusa, nessuna invadenza, però la Chiesa mantiene chiaro l’annuncio della Verità: quando siamo in relazione con l’altro sesso realizziamo l’immagine di Dio. Non è una robetta da niente, su cui possa tollerarsi confusione o incertezza. E’ al centro dell’antropologia cristiana, e se uno non crede che il Catechismo è esperto di umanità, se non crede che la via che indica è quella per la felicità, può tranquillamente cambiare mestiere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La proposta di Costanza Miriano: separiamoci tutti

La protesta della scrittrice contro il ddl Cirinnà è una idea tutta da leggere, paradossale ma non troppo: un motivo in più per essere in piazza il 20 giugno

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Storie

E’ un diritto di ogni uomo essere anche donna seppur non lo sia

«C’è del metodo in questa follia», disse Polonio di Amleto: e in effetti a ben vedere non c’è troppo da stupirsi dell’assurdità di farsi dichiarare per legge appartenenti a un sesso che non è il proprio, giacché la stessa “riassegnazione sessuale” è poco più di una sofisticata mascherata. Solo che ci crediamo…

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano