Storie

di Nathan Algren

ECUADOR - Stato di emergenza in sei province

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo dell’Ecuador, guidato dal Presidente della repubblica Guillermo Lasso, ha esteso a sei province lo stato di emergenza, che prima riguardava solo tre, attribuendo maggiori poteri alle forze dell’ordine e limitando la libertà di circolazione. La decisione è stata presa in seguito alle proteste violente e allo sciopero che stanno dilagando in diverse zone del paese, compresa la capitale Quito.

Le proteste sono iniziate nella zona meridionale dell’Ecuador lunedì 13 giugno, con lo sciopero organizzato dalla Confederazione delle Nazionalità indigene dell’Ecuador (Conaie), che raggruppa diversi gruppi presenti nel paese, dove gli indigeni costituiscono il 25% della popolazione. I manifestanti accusano il governo di non essere in grado di contenere l’inflazione, l’aumento dei carburanti e dei beni di prima necessità; di non risolvere i problemi strutturali del paese, come la corruzione, l’inefficienza del sistema sanitario e la disoccupazione; chiedono inoltre il rispetto dei diritti fondamentali e l’assegnazione di sussidi per le famiglie in difficoltà. Il governo ha risposto annunciando alcune misure, non ritenute però sufficienti dai manifestanti che hanno proseguito la mobilitazione.

Inizialmente le proteste erano pacifiche e contenute, poi si sono estese ad altre zone del paese, coinvolgendo persone non indigene (donne, studenti, sindacalisti) e assumendo connotazioni violente con blocchi delle strade, danni a veicoli ed edifici pubblici, scontri con la polizia e con parte della popolazione contraria allo sciopero. Alcuni operatori dei media sono stati aggrediti. Secondo le Organizzazioni per i diritti umani, nella prima settimana di mobilitazione sono stati registrati 61 feriti, di cui 18 gravi, 86 arresti, tra cui quello del presidente del Conaie, Leonidas Iza, trattenuto per una giornata e rilasciato in libertà condizionata. Lunedì 20 è stato registrato il primo morto, un giovani di 22 anni, per la cui morte è stata aperta un’indagine. Un secondo morto è un indigeno di 40 anni, rimasto ucciso durante gli scontri di martedì 21. Il ministro dell’interno ha comunicato che 61 agenti di polizia sono rimasti feriti, 14 sequestrati dai manifestanti, 2 veicoli distrutti e 21 danneggiati. Due persone sarebbero morte in quanto i blocchi stradali hanno impedito alle autoambulanze di passare.

La Conferenza Episcopale dell’Ecuador, ha lanciato un appello al Governo nazionale, alla Conaie, ai movimenti sociali e politici, e a tutti gli uomini e alle donne di buona volontà, al fine di “cercare insieme soluzioni adeguate per la via del dialogo, pensando prima di tutto al bene comune e al benessere dei più poveri della nostra patria”.

I Vescovi affermano che, come cittadini e come fratelli di ognuno, sono “profondamente preoccupati dalla situazione sociale, economica e politica della nazione”. Quindi ribadiscono: “Non siamo sordi al grido del nostro popolo che chiede giorni migliori per tutti, però siamo anche consapevoli che si tratta di un cammino che dobbiamo costruire insieme”.

Guardando con preoccupazione il momento presente, i Vescovi sottolineano che non si può fare nessun accordo con la violenza, da qualsiasi parte e in qualunque forma venga, convinti che “non è questo il cammino che dobbiamo percorrere se vogliamo costruire un Equador migliore”. Citando Papa Francesco, che parla di cultura del dialogo, di costruire ponti, di non dividersi ma unirsi, concludono ribadendo: “Come Pastori di questa Chiesa, continueremo a camminare insieme al nostro popolo, condividendo difficoltà e speranze, spinti dal Vangelo dell’amore e della verità, della giustizia e della solidarietà”.
In una intervista all’emittente televisiva Ecuavisa, il Presidente della Conferenza Episcopale, Mons. Luis Cabrera, Arcivescovo di Guayaquil, ha ribadito ieri l’invito della Chiesa alle parti in conflitto perché dialoghino: “il dialogo e l’unico cammino ragionevole, pratico per arrivare a una soluzione da cui traggano beneficio tutti gli ecuadoriani”. L’Arcivescovo ha riferito che da qualche gruppo, ma non in forma ufficiale, è pervenuta alla Chiesa l’invito a partecipare a questo tavolo di dialogo, non essenzialmente come mediatore, e ha aggiunto che la Chiesa è sempre disponibile a portare un contributo, secondo la sua esperienza, le sue capacità e possibilità.

Guardando alle cause di questa situazione, Mons. Cabrera ha affermato che si tratta di “un malessere sociale che trova le sue radici nella povertà estrema, nella mancanza del minimo indispensabile per vivere con dignità, cominciando dal lavoro, dalla salute, dall’educazione, dall’alimentazione…un altro fattore è la corruzione amministrativa e infine l’insicurezza sociale”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sui “veggenti” stiamo con il Papa, ma l’attacco è alla fede e alla Chiesa

Siamo stati chiamati a rispondere anche in tv da fisici, scienziati, psicologi su fenomeni come quello di Medjugorie. Ecco la risposta del nostro giornale

Leggi tutto

Chiesa

Il vostro nemico il diavolo

Fra Benigno raccoglie un’eredità pesante, ora che padre Amorth non c’è più. Al frate siciliano, come volto e nome noto, forse il più conosciuto tra gli esorcisti italiani viventi, tocca adesso continuare a tenere desta l’attenzione sul nemico. Come è risaputo, quest’ultimo non va certo in vacanza: informare, evangelizzare, invitare alla preghiera e ad una vita sacramentale rimangono attività fondamentali per contrastarne l’azione. Fra Benigno non si stanca mai di farlo. L’ultima fatica del frate si intitola «Il vostro nemico il diavolo. Misericordiosi come Gesù verso i tormentati e coloro che credono di esserlo» (Paoline, 280 pp., 22, 00 euro). Un libro importante, per molti versi.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano