Società

di Roberto Signori

PAKISTAN - Richiesto rilascio di un cristiano accusato di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Chiediamo la liberazione di un cristiano pachistano, il 44enne Rehmat Masih, in carcere da cinque mesi. È innocente ed è falsamente accusato di aver dissacrato le pagine del Corano. Gli agenti di polizia devono svolgere il loro dovere in modo imparziale, senza farsi influenzare da convinzioni religiose. La legge sulla blasfemia ha creato una società in cui le persone, compresi i denuncianti e i loro sostenitori influenti, si credono autorizzate a farsi giustizia da sole, ignorando lo stato di diritto. Il caso di Rehmat Masih è un altro esempio di come la legge sulla blasfemia venga usata in modo improprio o per nuocere a qualcuno”: lo dice all’Agenzia Fides Joseph Jansen, presidente di “The Voice for Justice”, Ong che sta seguendo il caso di Rehmat Masih.

Joseph Jansen afferma: “In questo caso non ci sono prove a suo carico; l’uomo è stato percosso e torturato per estorcergli la confessione di un crimine che non ha commesso. Allo stesso tempo, la sua famiglia si sta per trasferire in una città più sicura, sotto il peso di stress e indigenza”.
Rehmat Masih è stato accusato di blasfemia il 3 gennaio 2022 per aver contaminato e profanato le pagine del Corano e dei libri islamici presso la casa editrice “Zam Zam Publishers” di Karachi in cui lavorava come addetto alle pulizie da circa vent’anni. La casa editrice è rinomata in tutto il mondo per la stampa di qualità, l’editoria, la distribuzione e l’esportazione di libri islamici dal 1992.
La vicenda è iniziata quando i funzionari di polizia della città hanno ricevuto un video che mostrava pagine del Corano in uno scarico di acque reflue delle fogne, il 25 dicembre 2021. Giunti in loco e rinvenendo quelle pagine, gli agenti di polizia hanno depositato un primo verbale di informazione (FIR) contro ignoti, ai sensi dell’articolo 295 comma B del Codice Penale del Pakistan, in cui si punisce l’atto di profanare il Corano.
Il 28 dicembre, quando Rehmat Masih è tornato al lavoro dopo le celebrazioni natalizie, la direzione dell’azienda gli ha chiesto informazioni sulle pagine del Corano trovate nella fogna. L’uomo ha detto di non esserne a conoscenza. La direzione dell’azienda ha affermato, mentendo, che Rehmat Masih aveva ammesso il suo crimine. Il 3 gennaio 2022, agenti di polizia hanno arrestato Rehmat Masih e lo hanno torturato per fargli ammettere la profanazione delle pagine del Corano.
Il 24 gennaio 2022 il giudice del Tribunale di Primo grado ha respinto la cauzione per Rehmat Masih e nella recente udienza del 31 maggio 2022 il giudice ha registrato una sua dichiarazione, in cui Rehmat Masih si dichiara “non colpevole” rispetto alle accuse mosse contro di lui.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/06/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

India: resta in carcere la suora accusata

Intanto in un altro distretto due religiose sono state aggredite dai radicali indù. Mons. Felix Machado: “Una narrativa costruita artificialmente per colpirci”.

Leggi tutto

Storie

Inghilterra - Violenze e stupri sui giovani

In Inghilterra, il politicamente corretto ha fatto nuove vittime quando, per circa 40 anni, ha affossato un’inchiesta riguardante le violenze e lo sfruttamento sessuale nei confronti di un migliaio di ragazze e bambine.

Leggi tutto

Chiesa

Pakistan: Eucarestia fonte di vita

“L’Eucaristia è fonte e culmine della nostra vita e della nostra missione. Siamo persone eucaristiche, chiamate a vivere e testimoniare la fede nella santa Eucaristia in Pakistan. Apriamo i nostri cuori alla Parola di Dio e allo Spirito Santo per comprendere il mistero della nostra fede nell’Eucaristia. L’Eucaristia rafforza la nostra fede e ci lega, in comunione, come un’unica comunità”: è quanto ha affermato l’Arcivescovo Christophe Zakhia El Kassis, Nunzio apostolico in Pakistan

Leggi tutto

Storie

A Lahore donna denunciata per blasfemia

A Lahore una donna musulmana è stata denunciata alla polizia per aver chiesto all’imam di informare i fedeli della morte di un cristiano che vive nella zona.

Leggi tutto

Società

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Un cristiano condannato a morte con false accuse di blasfemia

Il tribunale di Lahore ha condannato alla pena capitale un cristiano accusato di blasfemia nel 2017. Ashfaq Masih, che ora ha 34 anni, è stato condannato a morte per impiccagione da una Tribunale di primo grado di Lahore, nella provincia del Punjab, con sentenza emessa il 4 luglio. Ashfaq Masih, meccanico di professione, è in prigione dal giugno 2017 dopo una denuncia (First Information Report) è stato registrata contro di lui il 15 giugno, ai sensi dell’art. 295 “c” del Codice penale pakistano, che punisce il vilipendio nei confronti del Profeta Maometto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano