Società

di Roberto Signori

PAKISTAN - Richiesto rilascio di un cristiano accusato di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Chiediamo la liberazione di un cristiano pachistano, il 44enne Rehmat Masih, in carcere da cinque mesi. È innocente ed è falsamente accusato di aver dissacrato le pagine del Corano. Gli agenti di polizia devono svolgere il loro dovere in modo imparziale, senza farsi influenzare da convinzioni religiose. La legge sulla blasfemia ha creato una società in cui le persone, compresi i denuncianti e i loro sostenitori influenti, si credono autorizzate a farsi giustizia da sole, ignorando lo stato di diritto. Il caso di Rehmat Masih è un altro esempio di come la legge sulla blasfemia venga usata in modo improprio o per nuocere a qualcuno”: lo dice all’Agenzia Fides Joseph Jansen, presidente di “The Voice for Justice”, Ong che sta seguendo il caso di Rehmat Masih.

Joseph Jansen afferma: “In questo caso non ci sono prove a suo carico; l’uomo è stato percosso e torturato per estorcergli la confessione di un crimine che non ha commesso. Allo stesso tempo, la sua famiglia si sta per trasferire in una città più sicura, sotto il peso di stress e indigenza”.
Rehmat Masih è stato accusato di blasfemia il 3 gennaio 2022 per aver contaminato e profanato le pagine del Corano e dei libri islamici presso la casa editrice “Zam Zam Publishers” di Karachi in cui lavorava come addetto alle pulizie da circa vent’anni. La casa editrice è rinomata in tutto il mondo per la stampa di qualità, l’editoria, la distribuzione e l’esportazione di libri islamici dal 1992.
La vicenda è iniziata quando i funzionari di polizia della città hanno ricevuto un video che mostrava pagine del Corano in uno scarico di acque reflue delle fogne, il 25 dicembre 2021. Giunti in loco e rinvenendo quelle pagine, gli agenti di polizia hanno depositato un primo verbale di informazione (FIR) contro ignoti, ai sensi dell’articolo 295 comma B del Codice Penale del Pakistan, in cui si punisce l’atto di profanare il Corano.
Il 28 dicembre, quando Rehmat Masih è tornato al lavoro dopo le celebrazioni natalizie, la direzione dell’azienda gli ha chiesto informazioni sulle pagine del Corano trovate nella fogna. L’uomo ha detto di non esserne a conoscenza. La direzione dell’azienda ha affermato, mentendo, che Rehmat Masih aveva ammesso il suo crimine. Il 3 gennaio 2022, agenti di polizia hanno arrestato Rehmat Masih e lo hanno torturato per fargli ammettere la profanazione delle pagine del Corano.
Il 24 gennaio 2022 il giudice del Tribunale di Primo grado ha respinto la cauzione per Rehmat Masih e nella recente udienza del 31 maggio 2022 il giudice ha registrato una sua dichiarazione, in cui Rehmat Masih si dichiara “non colpevole” rispetto alle accuse mosse contro di lui.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/06/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Rawalpindi: cristiano accusato di blasfemia condannato a morte

A Zafar Bhatti, in carcere dal 2012 nonostante si proclami innocente, un giudice ha trasformato in una sentenza capitale la pena del carcere a vita precedentemente comminata.

Leggi tutto

Società

Femministe blasfeme

Progressismo spicciolo e blasfemia. Se c’era un modo per degradare la festa della donna, eccolo interpretato. Anzi, ostentato. Per le paladine dell’inclusione e dei diritti, il senso del sacro non è mai stato un valore da rispettare. E guai però a toccare i loro “santini” ideologici, quelli ostesi sugli altari della sinistra moderna. Non stupisce dunque - ma indigna - il fatto che nei cortei “transfemministi” sfilati ieri a Milano siano comparse immagini offensive della sensibilità religiosa e cartelloni provocatori. A un tratto, davanti alla stazione centrale, alcune attiviste hanno pure inscenato la crocifissione dal patriarcato. Sotto l’insegna “Dio, patria e famiglia”.

Leggi tutto

Storie

Pakistan. Mons Shukardin: ‘Cristiani senza rappresentanza’

Alla vigilia delle elezioni generali l’analisi del vescovo di Hyderabad, presidente della Conferenza episcopale: “I cristiani formino un proprio movimento nazionale a livello politico. Dalle urne nessuno uscirà con la maggioranza: prego per la stabilità economica e il rispetto reciproco, in un Paese dove aumenta la povertà. Finché le donne resteranno ai margini non potremo avere un futuro migliore”.

Leggi tutto

Storie

Calcio - Sottil multato per espressioni blasfeme

Nel calcio prosegue la pessima abitudine di utilizzare parole blasferme

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Appello della Chiesa alla comunità internazionale

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano