Politica

di Mario Adinolfi

ROMPERE LO SCHEMA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi sul quotidiano Domani dell’ing. Carlo De Benedetti l’editoriale firmato da Curzio Maltese spiega perché ci dovremo tenere Draghi fino al 2028. I risultati elettorali sembrano dargli ragione: il Pd, vestale del draghismo, vince ovunque. Come ci riesce? Con lo schema Biancaneve e i sette nani: il Pd è Biancaneve e i sette nani che graziosamente gli consegnano i loro voti sono Conte, Calenda, Renzi, Bonino, Speranza, Fratoianni e Tabacci (ora dominus con il simbolo del neoscissionista Di Maio). Il centrosinistra siffatto fornisce una sonora legnata ad un centrodestra strabico che ha due partiti su tre al governo e il terzo, che dovrebbe fare l’opposizione, sdraiato su Draghi a pelle di leopardo sulla guerra e le armi a Kiev. Il centrodestra un po’ draghiano e un po’ no, che sui valori identitari fa finta di dire sì ma poi su eutanasia e aborto s’ammutolisce per paura invece di rivendicare come fa Trump la grande vittoria alla Corte Suprema sulla Roe vs Wade, non offre grandi ragioni per la mobilitazione ai suoi elettori, in più sbaglia pesantemente i passaggi aggregativi, su cui il Pd con lo schema della favola citata, invece, non sbaglia mai.

Lasciamo stare il pasticcio di Verona, dove abbiamo testimonianze dirette della hybris del buon Sboarina, tutto causa del proprio mal. Prendiamo Monza, capitale della cattolicissima e operosissima Brianza, dove Dario Allevi del centrodestra era sindaco uscente e al primo turno aveva rifilato sette punti secchi di distacco al rivale Paolo Pilotto del centrosinistra, sfiorando l’elezione immediata. Al ballottaggio Allevi si inventa un apparentamento con una lista tutta diritti civili e puttanate varie, che al primo turno aveva preso il 5.8%. Ma costruire ibridi che non hanno collante valoriale equivale a demotivare i propri elettori, i cattolici brianzoli se ne sono andati al lago e Allevi è riuscito nell’impresa di prendere meno voti rispetto al primo turno e di perdere facendosi mangiare dal rivale tutto il vantaggio accumulato.

Bisogna rompere lo schema e tocca a Fratelli d’Italia farlo, la Lega di Salvini è in caduta libera (nel disastro monzese elegge 1 solo consigliere, come Azione di Calenda con il suo 2.2%, il Pd ne elegge 15) e Forza Italia ormai è in tutto e per tutto un partito governativo. Con Giorgia Meloni però non sai mai cosa aspettarti: l’ascolto a Milano nel discorso sulle “4 M”, pessimo testo buono per Enrico Letta; poi l’ascolto in Andalusia e m’innamoro perché con quel “sì o no” si va al governo del Paese; poi si mette paura e sull’aborto frena. La Meloni andalusa vince, quella titubante perde. Meloni, come ho spiegato nella mia intervista a La Verità del 20 giugno 2022, ha una sola possibilità di andare a Palazzo Chigi: battere le forze draghiane antipopolari, guidando una coalizione popolare delle forze di opposizione ad esse, cementate da un programma compatto e chiaro, declinato agli italiani con la formula del “sì o no” andaluso. Se Meloni si farà attrarre dallo schema del vecchio centrodestra vivrà due finali possibili della partita: perderà, perché tra i draghiani originali e quelli ambigui, vincono gli originali piddini con la corte di nani; semmai dovesse vincere, poi, sarebbero Salvini e Berlusconi a mollarla, perché preferiscono stare sotto Draghi piuttosto che sotto di lei.

Giorgia Meloni deve federare tutte le forze di opposizione al governo Draghi e combattere una battaglia chiara con i toni andalusi contro chi con le sue politiche antipopolari sta affondando le famiglie e le piccole imprese italiane. Nel Paese quest’area vasta è ampiamente maggioritaria, il Pd e Draghi sono minoranza, ma l’area vasta sfinita da tre anni di oltraggi non crede più nella politica e si rifugia nell’astensione arrivata a sfiorare il 60% ai ballottaggi di ieri. Per mobilitarla al voto serve una proposta programmatica e valoriale del “sì o no”, accantonando la tentazione del conformismo che fa dire alla Meloni “sì alla cultura della vita, no all’abisso della cultura della morte” in Andalusia, poi quando torna in Italia sta muta sui casi di suicidio assistito e addirittura fa marcia indietro sull’aborto. L’opposizione all’avalorialità draghiana va federata evocando valori forti che mobilitino gli elettori per condurli dall’area dell’astensione al voto militante. L’area vasta così vincerà e una stagione nuova prenderà il via in Italia. Il Popolo della Famiglia si mette a disposizione di questo percorso, lo promuoverà e lavorerà per essere collante tra gli spezzoni dispersi di un fronte che deve essere comune, altrimenti il Pd e la sua corte di nani ci imporrà Mario Draghi premier fino al 2028, almeno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/06/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LA FINE DEL RICATTO DEL VOTO UTILE

La mobilitazione e la campagna elettorale del Popolo della Famiglia partono sabato 28 gennaio alle ore 15 dal teatro Eliseo a Roma. Grillo, Salvini, Meloni e Renzi dicono di voler votare l’11 giugno. Ci faremo trovare pronti e se si dovesse votare in autunno saremo pronti lo stesso. Pronti a chiedere consenso a chi vuole difendere la famiglia, promuovendola a priorià politico-programmatica: prima la famiglia, prima i figli, prima il diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, prima la natalità, prima il diritto assoluto di ogni persona a nascere e che i medici curino e non uccidano. Chi vuole battere i falsi miti di progresso diventi un protagonista del Popolo della Famiglia a partire dalla partecipazione all’assemblea nazionale di sabato a Roma, punto di avvio di una campagna che ci porterà lontano.

Leggi tutto

Politica

E’ finito il tempo delle ambiguità

Le smentite le fa il tempo, che talvolta è così galantuomo da non passare neppure tardi: dopo appena un paio di giorni dalle elezioni che hanno sancito il trionfo del centrodestra in Sicilia comincia ad emergere la struttura di potere che aveva cementato i rapporti di forza della Trinacria in modo da condizionare l’esito elettorale. I cattolici ricevono un precoce ma severo monito.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Società

La “resilienza” del fenomeno droga in tempo di pandemia Covid-19 e le nuove tendenze italiane.

La nuova strategia dell’UE in materia di droga per il periodo 2021-25 indica chiaramente che la risposta europea deve essere basata su dati concreti e realizzata attraverso un approccio equilibrato e integrato in base al suo impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei nostri cittadini. L’EMCDDA ha il compito di contribuire a fornire i dati necessari per garantire che le politiche e le azioni europee in materia di droga siano coordinate, efficaci, ben mirate e reattive a nuove minacce e sfide

Leggi tutto

Società

Vaccino contro il Covid: ecco come richiedere il risarcimento danni

Vaccino -  Il Codacons ha deciso di far partire la prima azione di risarcimento per danni permanenti da vaccinazione anti-Covid.

Leggi tutto

Politica

LA RAGIONE PRINCIPALE

Dai che la ciccia è arrivata lo stesso. Dopo tanti pianti per la bocciatura del ddl Zan, arriva firmato il 9 novembre il decreto che assegna milioni a pioggia all’arcipelago Lgbt

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano