Storie

di Nathan Algren

India - Karnataka, feti abbandonati in strada

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sette feti abortiti sono stati trovati abbandonati in un contenitore nel distretto di Belagavi, nello Stato del Karnataka. I residenti di Mudalagi hanno trovato i feti vicino a una fermata dell’autobus alla periferia della città e hanno informato la polizia. Il Dipartimento della Salute del Karnataka ha ordinato un’inchiesta sull’accaduto.

“I feti erano intorno ai cinque mesi. È presumibile che dopo il rilevamento del sesso feto siano stati uccisi”, ha detto Mahesh Koni, il responsabile distrettuale della salute e del benessere familiare. Non è la prima volta che fatti di questo genere accadono nella zona: anche nel 2013 erano stati trovati almeno 13 feti sulle rive del fiume Hiranyakeshi a Belagavi.

In India dal 1971 la legge ammette l’aborto entro la ventiquattresima settimana se il proseguimento della gravidanza comporta un rischio per la vita della donna o gravi danni alla sua salute fisica o mentale. Ma in realtà - nonostante in teoria sia vietata dalla legge - è molto diffusa la pratica dell’aborto selettivo, con la soppressione della vita delle bambine.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/06/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Contro l’aborto con le 17 regole per vivere felici

Ecco le parole di Mario Adinolfi sul suo nuovo libro.

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Società

Undici obiezioni radicali a una trita apologia dell’aborto

L’epidemiologo Michele Grandolfo si avventura nel commento dei dati relativi all’impatto di mercato e di società della pillola abortiva RU486.

Leggi tutto

Storie

I Paesi Bassi finanziano le donne polacche per abortire

La decisione del Governo pro tempore olandese - dopo le elezioni dello scorso 17 marzo infatti non c’è ancora una nuovo governo - ha preso spunto dalle sentenza della Corte costituzionale polacca dello scorso anno che vietava ogni aborto eugenetico nel paese. Era scontato che l’Olanda, paese in cui l’eutanasia è praticata quasi a tutti i cittadini, inclusi bambini e malati non terminali, si muovesse in soccorso di coloro che chiedono il ripristino dell’aborto eugenetico nel loro paese.

Leggi tutto

Chiesa

Comece: no al diritto all’aborto nella Carta UE

“Profonda preoccupazione e opposizione”: sono le parole che la presidenza della Comece, Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, esprime a fronte del discorso del presidente Emmanuel Macron al Parlamento europeo il 19 gennaio scorso che proponeva di aggiornare la Carta europea dei diritti fondamentali per includere il riconoscimento di un diritto all’aborto.

Leggi tutto

Media

Amazon pagherà le donne che abortiscono

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano