Società

di Giuseppe Udinov

Onu: legalizzare la droga è un disastro

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Ufficio delle Nazioni Unite per la droga e il crimine (Unodc) ha appena pubblicato il “World Drug Report 2022”, un rapporto sull’uso delle droghe nel mondo in cui sono stati chiaramente denunciati anche i gravi problemi causati dalla legalizzazione della cannabis.

Il rapporto, che è suddiviso in cinque libretti, contiene molte informazioni sulla cannabis, che è la droga più consumata nel mondo, con 209 milioni di utilizzatori nel 2020, pari al 4 per cento della popolazione mondiale fra i 15 e i 64 anni. Dato che indica un aumento del 18 per cento nel numero dei consumatori rispetto al decennio 2010-19.

Altra informazione degna di nota è che la maggioranza relativa dei paesi del mondo (40 per cento) denuncia la cannabis come la droga più dannosa in termini di problemi di salute. Il dato si spiega col fatto che la cannabis, anche se meno dannosa degli oppioidi, delle anfetamine o della cocaina, ha molti più utilizzatori: sono più del triplo di quelli che ricorrono agli oppioidi, e sei volte coloro che usano anfetamine.

Nel 2019 e nel 2020 si è registrato un aumento significativo dell’uso quotidiano o quasi quotidiano di cannabis. Nel 2020, l’uso quotidiano o quasi quotidiano di cannabis è stato stimato al 4,1 per cento tra gli studenti delle scuole superiori rispetto a quasi l’1 per cento nel 1991.

Il Rapporto attribuisce l’aumento di consumi e consumatori, anche minorenni, negli USA al fatto che la cannabis per scopi ricreativi è stata legalizzata in 17 stati dell’Unione più il Distretto di Columbia e che si continua a discutere di legalizzazione negli altri stati.

La diminuita percezione della nocività, indotta dal vedere sempre più stati che legalizzano il consumo, è fenomeno molto dannoso per la salute dei giovani, poiché quello che è avvenuto negli ultimi decenni è, al contrario, un aumento della pericolosità del consumo di cannabis: “La percentuale di delta-9-tetraidrocannabinolo nella cannabis sequestrata è quadruplicata negli Stati Uniti tra il 1995 e il 2018 ed è quasi raddoppiata in Europa tra il 2002 e il 2018”.

Nonostante questa tendenza, nello stesso periodo di tempo la percentuale di adolescenti che considerano dannoso l’uso regolare di cannabis è notevolmente diminuita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/06/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Società

MARIO ADINOLFI intervistato dal mensile LGBT “PRIDE”

La rivista ha espresso il desiderio di rivolgere una lunga serie di domande al presidente del Popolo della Famiglia alla vigilia del test elettorale. Questo l’esito del colloquio, molto franco, firmato da Massimo Basili. Congratulazioni ad un mensile che per la prima volta ha espresso genuina curiosità intellettuale per scoprire le ragioni di un “nemico”. L’intervista è senza dubbio ben scritta, rispettosa e godibile.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

Una campagna condotta con passione

Parlare a tutti, non solo ai credenti, dare ai principi intangibili una valenza pratica e concreta, far capire che solo promulgando leggi buone ispirate alla tutela della vita, al sostegno alla famiglia naturale ne deriveranno conseguenze positive per tutti. Dire chiaramente che la battaglia contro la distruzione familiare e l’aborto non è roba da baciapile un po’ sfigati, ma è la strada maestra per recuperare il senso della dignità dell’essere umano, reso proprio dalla mentalità dello scarto un prodotto da usare e gettare al bisogno. Mentalità di cui ognuno di noi prima o poi potrà essere vittima

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Politica

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Laura Terrana: perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano