Politica

di la redazione

Forlì - Mozione Melandri, il PDF “Persa un’occasione di coerenza e di fermezza”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La maggioranza va avanti ed è un bene, perché la città ha bisogno di bravi amministratori e il sindaco Zattini e la sua giunta offrono tutte le garanzie necessarie per un buon governo della città. L’episodio del patrocinio comunale al raduno arcobaleno, però, rimane un cedimento incomprensibile al pensiero unico e all’ideologia gender rispetto al quale le parole di giustificazione del Sindaco non convincono. Essere il sindaco di tutti non significa rinunciare a un giudizio di valore sulle cose. Tutti hanno diritto di manifestare le proprie idee e di avere occasione di farlo, ma il patrocinio ha un’implicazione ulteriore che esula da questa norma di democrazia, perché significa riconoscere la bontà di un iniziativa tanto da metterci la “faccia” del Comune. Il rispetto per le persone, di cui il nostro primo cittadino è assolutamente campione, non esclude la diversità di opinione, soprattutto quando c’è un pensiero oggettivamente sbagliato.

Lo sa benissimo Zattini stesso, il quale diede inizio alla sua campagna elettorale con la lista Forlì Cambia con queste parole: “Ci prendiamo un impegno forte: senza discriminare nessuno vogliamo parlare di famiglia naturale. La nostra realtà non nasce da un atto discriminatorio, ma dalla storia della nostra terra, in cui non vanno espulse le parole più belle ‘babbo’ e ‘mamma’ ‘’.
Le famiglie arcobaleno vogliono invece l’esatto contrario, pretendendo di far credere che un bambino possa nascere da due mamme o da due papà, (“genitore 1 e genitore 2”), al di là di ogni evidenza scientifica. Questa dittatura ideologica totalmente irrazionale, peraltro, è cavalcata da una percentuale minima della popolazione, organizzata in lobby e capace di esercitare forti pressioni di potere. Per questo la famosa citazione del Papa, “chi sono io per giudicare un omosessuale”, andrebbe legata a quello che il Santo Padre aggiunse subito dopo: “Ma si deve distinguere il fatto che una persona è gay dal fatto di fare una lobby”.

Possibile allora che la volontà di fare quadrato attorno a un assessore di indiscusso pregio nel suo campo, debba escludere la tenuta sui valori? Nessuno ha avvertito la stonatura con quanto promesso agli elettori? Ci chiediamo se non sentano il nostro stesso disagio i consiglieri della lista Forlì Cambia e tutti quelli che ne hanno condiviso i valori in campagna elettorale, come la presidente della Consulta delle Famiglie delegata dalla Ass. Forli Cambia, Cristina Terenzi. L’amministrazione ha perso un’occasione di coerenza e di fermezza. Ora vada avanti con le risposte alle esigenze della città, cercando di fare sempre meglio, ma si ricordi che difficilmente tanta accondiscendenza sarà ripagata, a suo tempo, con la stessa moneta”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/06/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Società

L’antisemitismo vive in Europa?

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano