Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Le intenzioni del papa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alla lunga si può tendenzialmente discernere più agevolmente dove una persona va a parare.

La posizione di Francesco sulla guerra russo-ucraina testimonia della sua buona fede, alla quale sempre sono stato propenso a credere. Anche perché il mare di vive intuizioni innovative che trasmette non potrebbe facilmente provenire da un burocrate. Francesco vuole uscire dalle astrazioni, dagli spiritualismi, del razionalismo ma non avendo ricevuto la grazia di intuire un oltre rispetto al razionalismo stesso esso resta la sua cultura di riferimento, sia pur guardata con sospetto. Così finisce nel pragmatismo del “famo a capisse” e non in una rinnovata ricerca del discernere divino e umano del Gesù dei vangeli, del suo cuore nella luce che scende a misura, come una colomba.

Questo pacifismo pratico finisce per porre meno attenzione, nei tempi e nei modi adeguati, alla crescita identitaria delle persone e al solo allora più autentico scambio. Dunque scade nello svuotamento, nell’omologazione, delle coscienze che tanto aggrada al pensiero unico di finanza e big tech che vuole tutti meri individui consumatori persi in una massa anonima.

Francesco in vari modi si trova a supportare questo drammatico dominio. Ma non è consapevole, di tutto ciò. Magari in maniera tragicamente furbesca pensa di usare questi poteri tirannici per i propri benefici scopi senza avvedersi che è vero il contrario.

Ma la guerra citata mostra che il papa non esita ad andare contro il mainstream quando la ricerca della pace secondo la sua visuale viene forzata a rientrare nei ranghi. Persino da alcuni suoi corifei più realisti del re.

Peccato che il razionalismo di fondo renda difficile anche al discernere del pontefice l’ascoltare piccole voci che valorizzerebbero i suoi tanti contributi innovativi e sbloccanti situazioni incartapecorite, orientandoli all’oltre del discernere concreto del Gesù dei vangeli. Il razionalismo capisce solo sé stesso, è strutturalmente chiuso nelle proprie logiche, non è naturalmente aperto come il cuore alla luce serena, a misura, che lo illumina, per qualunque via e da ovunque provenga.

Come sarebbe bello, Dio volendo, che Francesco si aprisse a questa nuova visuale. Trovando su queste scie anche vie nuove, meno impositive, più partecipate, per difendersi dalle immani resistenze di chi nella Chiesa è accanito difensore di quell’intellettualismo astratto, in versione conservatrice o progressista, che è l’esatto contrario del vivo discernere di Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Chiesa

Cei: necessaria un’ecologia integrale

Il messaggio dei vescovi italiani per la 71.ma Giornata Nazionale del Ringraziamento: riconoscere i diritti di pescatori e pastori, evitare sempre sfruttamento e caporalato

Leggi tutto

Chiesa

Jersey i vescovi: uccidere è contro Dio

Monsignor Philip Egan, vescovo di Portsmouth, commenta la decisione presa nel Baliato di Jersey, come un primo passo verso una legalizzazione che potrebbe arrivare anche nel Regno Unito

Leggi tutto

Politica

Arizona: aborto vietato dopo 15 settimane

Usa, il Senato dell’Arizona approva la legge che vieta l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza: vale anche in caso di stupro o incesto

Leggi tutto

Chiesa

Il Cardinale Bo e i Vescovi dell’Asia: No alla guerra nucleare

Scongiurare in ogni modo il rischio di una guerra nucleare, promuovere il dialogo e portare una guarigione globale al mondo: è l’auspicio espresso in un appello lanciato, dal Cardinale Charles Maung Bo, Vescovo di Yangon e Presidente della Federazione delle Conferenze Episcopali Asiatiche (FABC). “Il mondo si trova a un bivio esistenziale” afferma il Cardinale Bo in una dichiarazione diffusa a nome della FABC, intitolata “Resist the Risk of a Nuclear Winter, Rally for the Global Peaceful Spring”

Leggi tutto

Storie

Ucraina, neppure la guerra ferma il mercato delle madri surrogate

L’Ucraina, la seconda meta mondiale per numero di neonati commissionati da coppie committenti ad aziende che gestiscono centinaia di “mamme in affitto” cerca di tranquillizzare i “clienti”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano