Storie

di Giuseppe Udinov

Šyrokoradjuk: ”Molti ucraini stanno tornando”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono parole di speranza quelle che monsignor Stanislav Šyrokoradjuk pronuncia in modo convinto e deciso: “Nonostante tutto, ad Odessa sta ritornando molta gente”. Il vescovo della diocesi latina della città ucraina che si affaccia sul Mar Nero, spiega che “fin dall’inizio della guerra sono stati tanti quelli che hanno chiesto aiuto alle nostre strutture ecclesiastiche per fuggire in zone più tranquille del Paese o all’estero, come in Polonia e Germania. Ma ora la situazione è cambiata”.

Sottolinea il presule: “Ora sono 40 mila, ad Odessa. E sono accolti in diversi rifugi, alcuni dei quali presenti anche a Kherson, Mykolaïv e in Donbass”. A spingere soprattutto donne e bambini a far ritorno a casa, non è solo il desiderio di rimettere piede nella propria terra natale e di ricongiungersi ai parenti che sono rimasti lì: c’è anche la spasmodica ricerca di cibo, acqua e vestiti. “Per aiutarli – spiega monsignor Šyrokoradjuk- cinque parrocchie cittadine hanno organizzato un sistema di sostegno grazie anche ai contributi delle Caritas di Polonia e Germania”.

Monsignor Šyrokoradjuk sottolinea che la violenza non ha tolto ai fedeli il desiderio di pregare, il bisogno di trascendente: “Ogni giorno, in tutte le parrocchie, celebriamo quattro messe alle quali partecipano davvero in molti. La nostra speranza in Dio non è mai venuta meno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Noemi la ragazza assassinata due volte

La propaganda sui femminicidi ha raggiunto livelli di ipocrisia mai visti: a parole le istituzioni sono pronte a dare un braccio per la difesa delle donne, ma poi si limitano ad azioni di facciata tanto ridicole quanto ininfluenti (tipo le iniziative parolaie della Boldrini, le sue rimozioni di busti maschili dalle sale del parlamento, le sue dichiarazioni di indignazione a singhiozzo). Quel che serve per proteggere una donna sotto la minaccia della violenza maschile è un intervento netto e deciso, fisico, materiale: un foglio di carta di diffida non protegge, un ammonimento verbale non fa desistere, un’indagine in corso che dura mesi non previene. Se è vero che anche i colpevoli hanno diritto ad un percorso di recupero, che esso sia vero ed efficace: ci sono stalker che si fanno qualche mese di galera e poi, quando tornano in libertà, si rimettono a perseguitare la propria vittima tale e quale a prima.

Leggi tutto

Storie

Arrestato per pedopornografia il direttore della Caritas di Benevento

Bimbi violentati. Migliaia di file dai contenuti definiti «raccapriccianti» dagli inquirenti, sono stati sequestrati dalla polizia postale nell’ambito dell’operazione “meet up” diretta dalla procura di Torino

Leggi tutto

Chiesa

Etiopia - Felicità per il rilascio delle religiose

La liberazione arriva in un momento di possibile cambiamento di scenari nel grande Paese del Corno d’Africa, travolto da ormai 14 mesi da una terribile guerra iniziata nella regione del Tigray e tracimate in altre aree

Leggi tutto

Politica

La Cina ed i diritti umani

Pechino nega accesso illimitato all’Alto commissario Onu Nella sua visita Michelle Bachelet si dovrà muovere all’interno di una “bolla” di sicurezza e senza giornalisti al seguito. La missione servirebbe ad appurare le accuse rivolte a Pechino di aver imprigionato 1,8 milioni di uiguri, kazaki e kirghisi.

Leggi tutto

Storie

Nigeria - Arresti per la strage di Pentecoste

Non ci fermeremo finché non arriveremo in fondo all’indagine su questo crimine e vi assicuro che gli autori e i loro sponsor saranno catturati”, ha detto Adetunji Adeleye, comandante della Ondo State Security Network Agency, nota come “Amotekun Corps”, la polizia dello Stato di Ondo, nel sud-ovest della Nigeria, nell’annunciare l’arresto di alcuni sospetti in relazione al massacro di domenica 5 giugno, nella chiesa cattolica di San Francesco Saverio ad Owo

Leggi tutto

Storie

La “Vigna di Rachele” in Russia per superare il trauma post-aborto

La partecipazione a questi seminari aiuta la persona ad affrontare il dolore della perdita e ad affidarlo a Dio, rielaborando la perdita di un bambino abortito, riconciliandosi con se stessi e con Dio“

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano