Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa e lo sport contro la guerra

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In questo momento abbiamo più che mai bisogno di sport, di sport vero, per compensare la troppa conflittualità che appesantisce il nostro mondo e purtroppo anche il continente europeo.

Guarda ancora all’attualità Papa Francesco parlando alla Lega Europea di Nuoto, ricevuta stamani in udienza, in vista della XXXVI edizione dei Campionati europei di nuoto che si svolgerà a Roma dall’11 al 21 agosto.

Proprio in occasione della competizione, il Pontefice rivolge un messaggio a tutti gli atleti che parteciperanno, evidenziando che ogni grande evento sportivo “è un momento privilegiato di incontro tra giovani di Paesi diversi, e dunque un segno di speranza per un mondo migliore”. Francesco sottolinea che “questo corrisponde alla vocazione di Roma, città universale, città aperta al mondo, città da cui la Chiesa diffonde dappertutto il Vangelo della fraternità”.

Ma insiste sul conflitto nell’Est Europa, il Papa, condividendo i propri sentimenti con gli sportivi e chiedendo un impegno per la pace.

Penso che anche voi, come me, siate addolorati perché su questa festa sportiva pesa l’ombra della guerra in Ucraina. Ma vorrei che questo diventasse un motivo per manifestare con ancora maggior forza il nostro impegno per un mondo senza guerre, senza odio tra i popoli, senza minaccia nucleare.

Anche nel suo messaggio ai Giochi del Mediterraneo che si stanno svolgendo in Algeria, a Orano, e ai quali sta prendendo parte Athletica Vaticana, Francesco guarda allo sport come “strumento efficace” di fratellanza, che non ferma la guerra, ma che può mostrare la possibilità di una umanità diversa, rispettosa dei valori, onesta e attenta. Perché lo sport autentico forma ed educa.

Agli atleti che parteciperanno ai Campionati Europei di Roma, il Papa augura di vivere la competizione sportiva “come un momento di festa” e “di fraternità, in un clima sereno”, perché ciascuno possa dare il meglio di sé.

Infine il Pontefice, prendendo spunto dalla partecipazione di un bambino all’udienza con i dirigenti della Lega Europea di Nuoto, fa notare che i piccoli, con la loro presenza, tolgono “l’‘etichetta’ dell’incontro, perché sono liberi, fanno quello che vogliono”. Ed esorta a “guardare sempre ai bambini, perché loro ci indicano quella zona di libertà che ci fa respirare bene”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/07/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco, Bartolomeo, Welby uniti dalla Terra

Papa Francesco, il Patriarca ecumenico Bartolomeo e l’arcivescovo di Canterbury si uniscono per la prima volta in un appello urgente per il futuro del pianeta. Per la prima volta, congiuntamente, mettono in guardia sull’urgenza della sostenibilità ambientale, sul suo impatto sulla povertà e sull’importanza della cooperazione globale. L’esortazione a tutti è a fare ciascuno la propria parte nello “scegliere la vita” per il futuro della Terra.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco commemora i fedeli defunti

Papa Francesco: mi viene in mente uno scritto, alla porta di un piccolo cimitero, al nord: “Tu che passi, pensa ai tuoi passi, e dei tuoi passi pensa all’ultimo passo”.

Leggi tutto

Chiesa

La beatificazione di padre Macha, testimone della fede eroica

Il nuovo Beato nasce nel 1914 in un piccolo paese, all’interno di una famiglia piena d’amore, riflesso dell’amore di Cristo per l’uomo. Il piccolo Hanik respira così, fin da subito, il significato del preoccuparsi per il prossimo, del prendersi cura l’uno dell’altro e gli verrà naturale svolgere nello stesso modo il suo ministero da sacerdote:

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara un viaggio a Mosca

il Papa a Mosca? Sarebbe un dono di Dio per i cattolici russi

Leggi tutto

PoliticaChiesa

Papa: troppe armi non aiutano la pace

Il messaggio di Francesco per la 55.ma Giornata Mondiale della Pace del 1° gennaio 2022. Il Pontefice denuncia il rumore “assordante” delle guerre e i danni creati dalla pandemia, in particolare nel mondo del lavoro

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano