Politica

di la redazione

Il caso Di Caprio “pizzettaro omofobo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ha scatenato l’ennesimo putiferio il post di Massimiliano Di Caprio, titolare della pizzeria Dal Presidente attualmente al centro di una bufera mediatica per i messaggi “omofobi” diffusi. L’uomo ha voluto fornire la sua versione dei fatti porgendo scusandosi con tutti coloro che si sono sentiti offesi dalle sue parole.

Nella serata di ieri, Di Caprio, attraverso alcune storie postate su Instagram, ha definito gli omosessuali “pervertiti infelici” lasciandosi andare ad esternazioni offensive che hanno urtato non poco il mondo del web. Anche l’Antinoo Arcigay Napoli ha condannato il gesto annunciando di aver coinvolto i propri legali per valutare ogni ipotesi, anche quella della denuncia.

“Non me ne fo**e di consensi e di avere più clienti, candidarmi in politica per avere voti o fare soldi. Io sono UOMO e non voglio offendere la legge di Gesù Cristo che ha creato l’uomo e la donna e devo essere falso, viscido, lecchino dei gay e delle lesbiche. Io dico grazie a Dio che mi ha creato uomo e uomo voglio morire. A me questo cambiamento di degrado che voi umani state accettando non lo condivido. Per me siete dei pervertiti infelici e volete far sentire gli altri sbagliati, torturare i bambini che vi guardano in tv e per strada destabilizzandoli. Nascondetevi che siete ridicoli, per non dirvi altro” – questo il contenuto del post diffuso sull’account della pizzeria.

Nelle ultime ore, tuttavia, rivolgendosi a Sì Comunicazione, Di Caprio ha voluto fare un passo indietro porgendo le sue scuse: Io ho fatto un post forse sbagliato, chiedo umilmente scusa a tutti. Vi invito a qualsiasi confronto, a mangiare, a dirvi perdono perché so di aver sbagliato col messaggio. Ma vi giuro sui miei nipotini che io non ho niente contro i gay.
“Era per difendere un bambino, da padre e da nonno, come avrebbe fatto anche un gay al posto mio. Aveva 8 o 9 anni ed è passato per il centro storico con una coppia, non so se tedesca o francese. Aveva un pallone in mano che gli è scappato ed è andato a finire vicino a questi ragazzi. Uno di loro ha detto al genitore ‘ti potevi prendere questo mongoloide di tuo figlio’. La mamma non ha nemmeno capito l’italiano, mi sono sentito molto dispiaciuto”.

“Questo simpatico personaggio, gay scostumato non gay perbene, mi risponde ‘fatti i ca**i tuoi’. Io sono contro la violenza, mi sono bloccato, mi sono chiuso in me e ho fatto questo post. Umilmente posso dire che forse ho mandato un messaggio sbagliato. Invece di offendere la singola persona che ha offeso me, ho generalizzato, cosa che non si fa”.

“Questo simpatico personaggio, gay scostumato non gay perbene, mi risponde ‘fatti i ca**i tuoi’. Io sono contro la violenza, mi sono bloccato, mi sono chiuso in me e ho fatto questo post. Umilmente posso dire che forse ho mandato un messaggio sbagliato. Invece di offendere la singola persona che ha offeso me, ho generalizzato, cosa che non si fa”.
“Al mondo voglio dire che sono una persona che va in ospedale e fa del bene ai bambini, ho donato pizze e mascherine, non sono un avido, frequento i gay. Forse oggi hanno una marcia in più, sono intelligenti. Ho tanti amici gay e tante foto con loro, è contraddittorio a dirmi che sono omofobo. Ho fatto eventi e dormito con i gay” – ha concluso.

Ancora una volta tanto rumore per spingere la legge Zan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/07/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

E la prof è subito “omofoba”

Negli ultimi giorni manganellatura mediatica su una docente di un liceo milanese e su un sacerdote della provincia di Como, colpevoli di aver parlato contro l’ideologia gender e il “matrimonio” gay

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Politica

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano