Storie

di la redazione

Don Marco Pozza, dialoghi su Papa Francesco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Com’è questo Papa» mi chiedono.

«Un uomo di 85 anni - rispondo - con i suoi acciacchi, che a volte barcolla, ma dentro ha la voce di un bambino.

E’ come se lo Spirito Santo si fosse preso in comodato d’uso il suo corpo. Mi sembra di vedere in diretta quello che diceva san Paolo: “Non sono più io che vivo, ma Cristo che vive dentro di me”.

Un uomo che, nonostante gli attacchi spaventosi, non arretra di un millimetro dalla sua passione per Cristo.

Vive da otto anni sotto una contraerea e scandalizza per la sua semplicità.

Auguro a chi lo massacra la grazia di pregare per qualche istante assieme a lui».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/07/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Serena Grandi: “Sarò suora laica”

“Ho iniziato da un paio di mesi un percorso che potrebbe portarmi a essere una suora laica” ha dichiarato l’attrice Serena Grandi

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa e la seconda predica d’Avvento

Il predicatore della Casa Pontificia ha tenuto la seconda predica di Avvento in Aula Paolo VI, alla presenza di Papa Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

La questione del papato

La Chiesa e la questione del Papato

Leggi tutto

Chiesa

Papa, udienza generale:  San Giuseppe patrono della buona morte

Papa Francesco torna a parlare dell’eutanasia: la morte va accolta, non somministrata. Inumano “accelerarla” negli anziani.

Leggi tutto

Chiesa

VIETNAM - Il contributo della vita consacrata ad evangelizzazione e carità

I consacrati in Vietnam sono chiamati ad un costante rinnovamento della vita spirituale e ad un gioioso ministero missionario per mostrare l’insegnamento di Gesù, per presentare il suo volto e diffondere il Vangelo agli altri

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: il male non viene da Dio

Nel Vangelo della domenica Gesù spiega che disgrazie e sventure non sono da attribuire a Dio. Allo stesso modo, afferma il Papa all’Angelus, i terribili fatti di queste settimane non sono un castigo dell’Onnipotente. “È il peccato che produce la morte; sono i nostri egoismi a lacerare le relazioni; sono le nostre scelte sbagliate e violente a scatenare il male”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano