Storie

di Giuseppe Rotunno

NE’ EUTANASIA, NE’ ATOMICHE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Né eutanasia, né atomiche” può suonare un po’ strano come titolo di un convegno serio, soprattutto con un cast di interventi così autorevoli e significativi. Infatti per due ore si sono succeduti senza sosta relazioni su approcci impegnativi alle due sfide più urgenti, fra le diverse gravi questioni, che ci attanagliano in modo definitivo in questo principio d’estate. La storia ricorda altri principi d’estate decisivi per il nostro Occidente, ma oggi ci richiama a fronteggiare come coscienza cristiana il possibile varo della legge sull’eutanasia di Stato in Italia, mentre in Europa si fa la guerra con l’escalation nucleare nonché il Parlamento UE è preso dal diritto all’aborto.

Così noi cristiani, all’evento a Roma nei giorni scorsi, abbiamo sfidato l’attacco antropologico finale in atto in Occidente e alla minaccia nucleare su di noi e sul mondo. Lo abbiamo fatto su tre livelli diversi, ma convergenti:
Si è preso atto insieme che questo nostro Occidente va cambiato e che ci sono valide strade per farlo, nonché possibili aperture di dialogo risolutivo indicate da tutti i rappresentanti intervenuti al convegno promosso da Civiltà dell’Amore. Tutto ciò con una chiarificazione, posta già a base dell’evento e espressamente enunciata da Mario Adinolfi, presidente del Popolo della Famiglia: servono cristiani in politica, organizzati e sinergici per far approvare proposta di leggi di vita a 360 gradi, come nel convegno romano.

  • due tematiche ultimative per la vita di ogni uomo, ma da combattere sullo stesso campo da cristiani e non, per salvare il futuro personale e di tutti;
  • sinergia necessaria e ritrovata tra cristiani che pur riferendosi a differenti formazioni politiche hanno deciso una battaglia comune da combattere, con i talenti dell’intelligenza, della scienza e del dialogo serrato su questioni “ultime” come le atomiche e l’eutanasia;
  • Con la piena conferma del Magistero della Chiesa che, rimasta fedele al Vangelo, afferma il radicale superamento con strumenti risolutivi sia per l’eutanasia, sia per le atomiche, come emerso dal messaggio video del presidente della Pontificia Accademia della Vita, mons. Vincenzo Paglia.

Il cambiamento si innesterà sull’effettiva proposta:
Entrambe le soluzioni offrono ampi benefici e in particolare le migliaia di atomiche produrranno un’enorme quantità di energia carbon-free e la liberazione dei popoli da tali terribili armi, come è stato dimostrato dal gen. Francesco Lombardi e dall’ing. Massimo Sepielli, con il supporto del prof. Agostino Mathis, esperto di energia nucleare.

  • delle cure cosiddette “palliative” per superare di fatto l’eutanasia, come ha ben spiegato la professoressa Fabiola Bologna insieme al coordinatore Domenico Menorello di “Ditelo dai Tetti”;
  • dell’impiego dei reattori nucleari esistenti per eliminare le atomiche che sovrastano il mondo.

Ora ci tocca proporre coraggiosamente questi percorsi, anche a livello politico, come è stato raccomandato da Mario Adinolfi e accolto pienamente nelle conclusioni da Luigi Rapisarda della Democrazia Cristiana, per un percorso anche politico per operare tali cambiamenti resisi necessari per tutti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/07/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Politica

Due anni dopo

Chi è interessato a dare continuità operativa alla mobilitazione avviata due anni fa, per uscire dalla dimensione di quella che sarà altrimenti una sconfitta continua, deve battersi politicamente sul territorio al fianco del Popolo della Famiglia. Un milione di voti alle elezioni politiche che si terranno tra qualche mese, dopo che avremo raccolto le centocinquantamila firme necessarie per presentarci in tutti e cento i collegi in cui il territorio nazionale è suddiviso dalla nuova legge elettorale (almeno 1.500 firme a collegio), rappresentano un traguardo assolutamente a portata di mano. Unisciti subito a noi diventando un tesserato del Pdf. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 - liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce - e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al sempre più decisivo coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] che provvederà all’invio materiale della tessera).

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano