Storie

di Roberto Signori

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Resta alto l’allarme in Burkina Faso, dopo l’ennesima strage perpetrata dai gruppi jihadisti e costata la vita ad almeno 22 persone, molti i cristiani, ma tra le vittime anche fedeli di religioni tradizionali africane.

La giunta militare ha preso il potere in Burkina Faso con un putsch nel gennaio scorso, giustificato proprio dall’aumento della violenza di gruppi armati e dalla necessità di combatterla, ma finora non si è riusciti a frenare l’insurrezione dei movimenti per lo più legati ad al-Qaeda e allo Stato Islamico. Nelle ultime settimane il presidente ad interim, Damiba, si è rivolto ai predecessori, sottolineando la necessità dell’unità politica di fronte alla minaccia terroristica.

Il malcontento e la richiesta di sicurezza da parte della popolazione sono ancora più pressanti a seguito della strage avvenuta nella notte tra il 3 e il 4 luglio, quando terroristi arrivati in motocicletta hanno assaltato il villaggio di Bourasso, località situata nei pressi di Dédougou, capoluogo della provincia di Kossi. “Hanno ucciso 14 persone davanti alla chiesa”, riferisce un sacerdote del posto. Dopo questo primo massacro gli aggressori si sarebbero diretti all’interno del villaggio per uccidere un’altra ventina di persone

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/07/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un’indagine narrativa sulla violenza Burgess

Malgrado la crescente (e giustificatissima) celebrità di Quentin Tarantino, resta pur sempre Stanley Kubrick, con “Arancia Meccanica”, il vero teoreta cinematografico della violenza. Ricorrendo oggi l’anniversario della nascita di Anthony Burgess, che del capolavoro di Kubrick scrisse il romanzo ispiratore, dedichiamo una riflessione alla narrazione della violenza come fenomeno in sé, a metà tra romanzo e film, tra morbosità e scongiuro

Leggi tutto

Storie

Mahjabin Hakimi, uccisa in Afghanistan perché amava la pallavolo

L’atroce morte di una ragazza, Mahjabin Hakimi, barbaramente uccisa in Afghanistan perché ‘colpevole’ di amare la pallavolo.

Leggi tutto

Chiesa

Malawi - I Vescovi contro il cancro della corruzione che dilaga nel Paese

Leggi tutto

Chiesa

Parolin: stop alla guerra

Il segretario di Stato dialogando con alcuni giornalisti italiani: “Allargare il conflitto sarebbe una catastrofe gigantesca”

Leggi tutto

Storie

Yemen e la guerra dimenticata

Yemen - Centinaia di migliaia le vittime del conflitto iniziato nel 2015, tra cui molti bambini

Leggi tutto

Chiesa

Iraq -  Sako: la luce della Pasqua di Cristo illumini le tenebre

Riferendosi esplicitamente alle guerre che dilaniano il mondo, il Patriarca caldeo invita “tutti i credenti, cristiani e musulmani, che attualmente digiunano per il Ramadan, e anche gli ebrei, a guardare alla tragedia in Ucraina e nei Paesi del Medio Oriente, alla loro umiliazione e allo smantellamento del loro bellissimo mosaico”. Oggi più che mai – fa notare il Cardinale iracheno - la celebrazione della Pasqua rappresenta un’occasione propizia per riconoscere anche in questo tempo “l’amore di Dio per gli uomini, la sua vicinanza e la sua infinita misericordia verso tutti”, che si manifesta “attraverso la risurrezione di Cristo”, avvenuta “per la salvezza dell’umanità”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano