Storie

di Giuseppe Udinov

SIRIA - La guerra è guerra e basta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Guardo le donne e i bambini costretti a lasciare le loro case per la guerra in Ucraina, e rivedo i milioni di sfollati e rifugiati del nostro popolo siriano. La stessa cosa è capitata a noi. Anche per questo li sento vicini. Adesso dobbiamo guardare solo a loro e favorire tutto ciò che può alleviare le loro sofferenze, senza perdersi in dispute su guerre giuste o non giuste”. Così, dalla Siria, padre Raimondo Girgis, frate minore della Custodia di Terra Santa, guarda alle strazianti conseguenze dell’ultimo conflitto esploso nel cuore dell’Europa.

Dal 29 giugno, Papa Francesco lo ha nominato Amministratore apostolico “sede vacante” del Vicariato apostolico di Aleppo dei Latini. I quartieri sventrati delle città ucraine di oggi ricordano le devastazioni che ancora sfregiano il tessuto urbano della metropoli siriana, eredità del conflitto che ha dissanguato la Siria per 10 anni. Il suo punto di osservazione considerazioni su guerre e insidie che stravolgono gli scenari geopolitici globali.

Anche in Siria – conferma padre Raimondo – si avvertono ricadute pesanti e dirette del conflitto in atto in Ucraina, che si aggiungono agli effetti devastanti già registrati nella vita quotidiana di milioni di siriani a causa delle sanzioni occidentali contro il governo di Damasco e della crisi pandemica. ”Tante famiglie cristiane e musulmane fanno una fatica tremenda ad affrontare le necessità più elementari della vita di ogni giorno. Guardano con sempre maggior angoscia al futuro. Manca l’energia elettrica, la benzina, le medicine. Dopo la fine della guerra sognavano di riprendersi, e ora, con il conflitto in Ucraina, l’orizzonte si è chiuso di nuovo. Anche gli aiuti sembrano diminuire. Con le nuove tragedie che incombono, anche la comunità internazionale sembra essersi dimenticata del popolo siriano”.

Padre Girgis non vuole entrare nelle diatribe e letture politiche sulle responsabilità e le cause del conflitto che devasta l’Ucraina: “non abbiamo opinione chiara sulla distribuzione delle colpe in merito a quello che succede in Europa e in altri conflitti sparsi nel mondo. Noi stiamo sempre, a priori, dalla parte della pace. Questo è il nostro linguaggio come discepoli di Cristo, questo è ciò che ci sta a cuore. Tutto il mondo ha bisogno della pace, e di veder finire le guerre”. Una urgenza che secondo padre Girgis non può essere aggirata con sofismi e argomentazioni manipolatorie. A chi dice che per far prevalere pace e giustizia bisogna aumentare l’uso di armi per abbattere regimi, il sacerdote francescano ricorda che “la salvezza non può venire dalle armi, che vengono usate sempre per far morire qualcuno”. E a chi cerca di giustificare le proprie strategie ricorrendo alle formule della “guerra giusta” o addirittura della “guerra santa”, l’Amministratore apostolico della città- martire di Aleppo risponde che è inutile giocare con le definizioni di guerra giusta o guerra ingiusta, perché “la guerra è guerra, e basta. La guerra fa morire e fa soffrire”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/07/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La via stretta tra fatalismo e interventismo

Dopo il massacro di cristiani in Kenya e le parole forti di Papa Francesco, ora la parola è alla comunità internazionale. Ma scegliere la strada giusta è una sfida che riguarda prima di tutto la Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Chiesa

Al via a Budapest il Congresso Eucaristico Internazionale

Con la Messa del cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, si è aperto il congresso eucaristico internazionale, l’evento che chiama tutta la Chiesa a riflettere sul tema: “Sono in Te tutte le mie sorgenti”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano