Politica

di Roberto Signori

Il Consiglio d’Europa chiede transizione di genere per bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La richiesta, stavolta, parte dal Consiglio d’Europa, che insiste e chiede ai vari Stati di adeguarsi per rimuovere tutti gli ostacoli burocratici - e senza limiti d’età - sia alla transizione di sesso sia al riconoscimento legale del genere in base all’autopercezione, con un esplicito riferimento ai bambini.

Una delle barriere che si vorrebbe far cadere, infatti, è l’obbligo di scelta tra genere maschile e femminile nei documenti che, in qualche caso, a livello di singoli Stati, è già stato accantonato. Mentre, al momento, la transizione di genere è possibile soltanto dopo una serie di trattamenti medici e perizie psicologiche, il recente rapporto del Consiglio d’Europa sul riconoscimento legale del genere suggerisce di snellire tutte le procedure e parlando, appunto, dell’autopercezione di se stessi.

L’Italia rientra tra i 17 Paesi europei che permettono il cambio di sesso per i minori, pur con delle restrizioni (che appunto il Consiglio d’Europa vorrebbe abolire), mentre Malta e Lussemburgo non prevedono alcun limite d’età. Riguardo a questo aspetto, il rapporto sottolinea il problema del «rifiuto» e dell’«esclusione» dei bambini e degli adolescenti fluid e raccomanda agli Stati membri di garantire procedure di transizione basate sul principio del «miglior interesse» (lo stesso con cui viene giustificata l’eutanasia infantile), comunque cercando di rimuovere le «restrizioni» attualmente previste in questo ambito.

Secondo il rapporto, infatti, l’assenza di documenti ufficiali che assecondino l’identità di genere percepita, renderebbe le persone transgender o gender fluid «più vulnerabili alla discriminazione e alla violenza». Altro problema che il Consiglio d’Europa giudica rilevante è «l’aumento dell’opposizione ai diritti umani delle persone transgender in alcuni paesi accompagnata da una carenza di informazioni pubbliche sulla loro situazione».

Per il Consiglio d’Europa, inoltre, gli Stati membri «dovrebbero anche facilitare discussioni inclusive per comprendere meglio cosa significhino le procedure “depatologizzanti” del riconoscimento legale del genere (LGR)». Uno di questi punti riguarda lo stato civile: in 19 Stati è necessario che la persona sia single o quantomeno divorziata. In altri 6 Paesi tale requisito non è necessario, mentre altri 9 Paesi rispettano l’integrità dei matrimoni esistenti e aggiornano di conseguenza i certificati di matrimonio. Il rapporto, quindi, raccomanda che, in ogni ordinamento statuale, i requisiti per accedere al LGR «non influiscano sui diritti acquisiti del coniuge e dei figli».

Il rapporto del Consiglio d’Europa sollecita poi l’introduzione di «legislazioni antidiscriminazione» sull’identità di genere agli Stati che non le abbiano ancora approvate. Sulla falsariga del ddl Zan italiano, il rapporto insiste nel considerare «circostanze aggravanti» tutti i motivi legati «all’identità di genere o alle caratteristiche sessuali della vittima».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/07/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LA FORZA DEL PERDONO, LA SPERANZA DEL FUTURO

Domani conferenza a Sulbiate per ricordare i martiri di Nassiriya un giorno che ha sconvolto il mondo ed ha lasciato il segno nel cuore di tantissimi italiani!

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

Storie

Le motivazioni per cui dovremmo tutti vaccinarci

Gabriele Alfredo Amadei ci offre la sua personale esternazione sul perché dovremmo essere tutti convinti di iniettarci il potente “siero”.

Leggi tutto

Società

Somalia; 1,4 milioni di bambini a rischio di malnutrizione acuta

Secondo l’ultimo Somalia Food Security and Nutrition Assessment della scorsa settimana, di questi 1,4 milioni di bambini, circa un quarto, ovvero 329.500 bambini, soffrirà di malnutrizione acuta grave quest’anno.

Leggi tutto

Storie

Le rose di Santa Rita per aiutare i bambini

È giunta alla sesta edizione l’iniziativa del monastero delle agostiniane di Cascia che, attraverso la vendita in tutta Italia dei fiori simbolo della Santa dei Casi Impossibili, porta avanti progetti per i minori

Leggi tutto

Politica

Camera, slitta l’esame del testo sulla perseguibilità dell’utero in affitto

La discussione slitta “al prossimo calendario”, cioè almeno al prossimo mese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano