Politica

di Roberto Signori

Quarta dose over 60 e fragili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Seconda dose booster di vaccino anti-Covid a over 60 e fragili di tutte le età dopo almeno 120 giorni dal primo richiamo o dall’ultima infezione successiva al richiamo. E’ quanto raccomanda la circolare firmata dal direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, con il direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, Nicola Magrini, e i presidenti dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro e del Consiglio superiore di sanità (Css) Franco Locatelli.

Nel documento che dà indicazioni sull’estensione della platea vaccinale destinataria della seconda dose di richiamo (second booster) nell’ambito della campagna di vaccinazione anti Sars-CoV-2, si dettagliano le modalità con cui dovrà essere proposto il secondo booster a base di un vaccino a mRna, “nei dosaggi autorizzati per la dose booster”. Una raccomandazione resa necessaria, spiega la circolare, “tenuto conto sia dell’attuale condizione di aumentata circolazione virale con ripresa della curva epidemica, associata ad aumento dell’occupazione di posti letto nelle aree mediche e, in minor misura, nelle terapie intensive, sia delle evidenze disponibili sull’efficacia della seconda dose di richiamo nel prevenire forme gravi di Covid sostenute dalle varianti maggiormente circolanti”.

L’aggiornamento introdotto dalla nota congiunta di ministero della Salute, Css, Aifa e Iss sarà applicabile a partire dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale della determina Aifa in materia.

Dunque via libera alla quarta dose di vaccino anti-Covid per gli over 60 e i fragili di ogni età ma “la priorità assoluta” resta “mettere in massima protezione tutti i soggetti che non hanno ancora ricevuto né il ciclo di vaccinazione primaria, né la prima dose di richiamo (booster) e per i quali la stessa è già stata raccomandata” si ribadisce nella circolare.

SPERANZA CONVINTO ED ENTUSIASTA

“Si comincia subito” ha detto ieri sera al Tg1 il ministro della Salute, Roberto Speranza, riferendosi alla somministrazione della quarta dose a chi ha più di 60 anni. “Stamattina l’Agenzia europea per il farmaco e il Centro europeo per la sorveglianza e il controllo delle malattie hanno dato la raccomandazione dell’estensione del secondo booster anche a tutte le persone che hanno più di 60 anni. L’Italia - ha sottolineato Speranza - ha risposto immediatamente. Nel primo pomeriggio si è riunita Aifa e ha dato il via libera, e stasera pochi minuti prima delle 20 abbiamo inviato a tutte le regioni la circolare. Iniziamo quindi immediatamente con la somministrazione della quarta dose a tutti gli over 60”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/07/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La giusta fine del ddl Zan

Politica - Il segretario del Pd Enrico Letta prova a reagire al naufragio del Ddl Zan, ma le lamentele del leader del centrosinistra, considerato come sono andate le cose, appaiono del tutto fuori luogo. Anzitutto i traditori del voto di oggi, per così dire, sarebbero anche tra i senatori del suo partito.

Leggi tutto

Politica

Il Portogallo tra eutanasia e maternità surrogata

Il Portogallo procede a passo di gambero facendo passi indietro sulla legge riguardante l’eutanasia ma procedendo in avanti sulla maternità surrogata.

Leggi tutto

Politica

Egitto: in approvazione legge sullo statuto personale dei cristiani

Il coinvolgimento delle Chiese e comunità ecclesiali presenti in Egitto nel lungo iter per la stesura di una nuova legge sullo statuto personale, era iniziato già nel 2014

Leggi tutto

Chiesa

Olanda. Cattolici olandesi, “ci manca la presenza fisica alle celebrazioni”.

Al sondaggio hanno risposto circa 2.000 membri della Chiesa cattolica, protestante, vetero cattolica e della Chiesa della Moravia.

Leggi tutto

Politica

PDF: denunce ad Imperia contro l’obbligo vaccianale

Estorsione e violenza privata: sono i reati che il Popolo della Famiglia e il Movimento No Green pass della provincia di Imperia contestano al Governo guidato da Mario Draghi, a seguito dell’obbligo vaccinale imposto agli ultracinquantenni e a diverse categorie di lavoratori e alle relative restrizioni per i non vaccinati.

Leggi tutto

Politica

L’Unar finanzia il gender nelle scuole

Cig Arcigay Milano annuncia con toni trionfalistici di aver ricevuto alcuni finanziamenti dall’Unar. In realtà non si tratta affatto della prima volta che Unar collabora con Arcigay, anzi, ricordiamo la famosa “Strategia Nazionale LGBT”, il documento prodotto dal Dipartimento per le Pari Opportunità e da UNAR “per fornire misure ed azioni concrete per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere” approvato nell’aprile 2013 e che si è tradotto in un proliferare di iniziative ad hoc, condotte anche nelle scuole, proprio dalle associazioni arcobaleno, ovviamente spesso o quasi sempre senza alcun contraddittorio e sostenute da lauti finanziamenti (e parliamo sempre di soldi “pubblici”).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano