Storie

di Nathan Algren

Manila: in aumento le adozioni illegali

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ra le conseguenze delle difficoltà economiche nelle Filippine e delle ridotte azioni di controllo da parte di polizia e istituzioni, si registra un aumento consistente delle adozioni illegali e una riduzione del loro costo, quanto meno per quanto riguarda le somme versate alle famiglie d’origine. La pratica era già diffusa prima del Covid, per la povertà persistente, la mancanza di accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria che accrescono le difficoltà delle madri nelle realtà più degradate. Ma “l’offerta” durante la pandemia è cresciuta mentre la “richiesta” da parte di potenziali famiglie adottanti si è invece ridotta, incrementando il rischio che bambini di pochi giorni o al massimo di poche settimane di vita finiscano nelle mani di altre reti criminali, dallo sfruttamento sessuale al lavoro nero, al traffico di organi.

Il prezzo di un neonato è sceso anche a 100 dollari, al di là di eccezioni che tengono conto dell’origine e dell’aspetto: in questo turpe mercato i sanguemisto sono più valutati, ma si arriva comunque a cifre dell’ordine dei 1000 dollari. Questa forma di tratta si avvaleva di conoscenze dirette e di reti note soltanto a pochi, rifornita soprattutto dalle gravidanze non desiderate di giovani donne coinvolte più o meno direttamente nella prostituzione. Con la pandemia l’estensione delle necessità e l’uso più intensivo di Internet hanno incentivato lo sviluppo online di questa e altre attività criminali. Il tutto in un contesto che già nel 2019 aveva fatto registrare mediamente 3000 segnalazioni al mese dall’estero di bambini filippini coinvolti nello sfruttamento sessuale via internet.

L’adozione fuori da canali ufficiali è ovviamente illegale e punita con l’ergastolo e pesanti pene pecuniarie, ma la difficoltà a individuare i responsabili è figlia anche della mancanza di specifiche agenzie investigative a supporto dell’azione di molte organizzazioni di impegno sociale. La Divisione per le Operazioni internazionali dell’Ufficio investigativo nazionale ha individuato e seguito nel 2021 appena una decina di casi di “adozione commerciale”.

Si calcola che nelle Filippine quasi due milioni di minori vivano senza una famiglia, con un rischio elevato di sfruttamento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/07/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Le cosiddette “famiglie omogenitoriali” viste dalla scuola dell’infanzia

Un’educatrice impegnata sul delicatissimo fronte dell’infanzia condivide e argomenta le proprie ragionate perplessità sulle complicazioni a cui andrebbero incontro, in un contesto come è quello in cui lavora, i bambini che vivessero all’interno di gruppi neppure remotamente simili a famiglie.

Leggi tutto

Storie

Unicef: 170 bambini haitiani espulsi da USA e Cuba

Secondo l’Unicef, circa 170 bambini haitiani sono arrivati due giorni fa a Port-au-Prince con i loro genitori dopo esser stati espulsi dagli Stati Uniti e da Cuba. Molti dei bambini provengono da Haiti sudoccidentale e sono partiti due o tre settimane dopo il terremoto dello scorso agosto nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti.

Leggi tutto

Politica

PDF - Roure ed emergenza demografica

IL PDF A ROURE: “NON BASTA LA MANUTENZIONE DELLE STRADE E DEGLI ALVEI , OCCORRE AFFRONTARE L’EMERGENZA DEMOGRAFICA CON DEI BONUS BEBE’ E NON FARE CONCORRENZA AI COMUNI VICINI.”
Restano invariate l’addizionale comunale sull ‘IRPEF, le aliquote della nuova IMU ed il canone unico patrimoniale.

Leggi tutto

Storie

I colpi di testa nel calcio causano danni permanenti

I ricercatori hanno diagnosticato per la prima volta l’encefalopatia traumatica cronica (CTE) in un giocatore della MLS, la massima lega calcistica americana

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano