Politica

di Mirko De Carli

LA BIENNALE DEL DISSENSO DEGLI ANNI VENTI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Come prese avvio la svolta politica degli anni ottanta da cui nacque quel breve ma epico nuovo miracolo economico italiano? Con la biennale del dissenso del 1977.

Raccontiamo brevemente i fatti. Fu organizzata da Carlo Ripa di Meana con l’obiettivo “di portare la proposta del dissenso culturale oltrecortina al centro del dibattito nazionale”: un evento che aumentò ulteriormente il livore tra i due partiti della sinistra italiana (PSI e PCI), contribuendo a ridefinire l’immagine del Partito socialista italiano agli occhi degli osservatori politici, “come il partito dei dissidenti, baluardo della difesa della libertà e della democrazia”

Perché fu un momento decisivo per una svolta culturale e politica capace di riportare il paese a guidare un percorso di crescita e sviluppo mai più visto dopo quella stagione? Perché la guida socialista di Craxi si “alleggeriva” gradualmente abbandonando quello che potremmo definire un “guscio vuoto” ideologico per aprirsi a un pragmatismo disincantato e roboante.

Il cuore dell’azione non era il fine ma il mezzo per raggiungerlo e lo strumento del dissenso culturale diventava strategico per rompere schemi ideologici vecchi e precostituiti che non appartenevano più al tessuto sociale del paese.

“Il perdurare del legame tra Botteghe oscure e Mosca, era in qualche modo, consono al leader del PSI: permetteva infatti ai socialisti di mantenere il primato del volto democratico della sinistra, mettendo all’angolo i comunisti, puntando sulle loro contraddizioni di forza politica in mezzo al guado, e tentando così di sfruttare le incongruenze del Partito comunista italiano per riconquistare un ruolo centrale in seno al movimento operaio italiano” (cit. Valentine Lomellini).

Riportando la riflessione ai giorni nostri siamo chiamati a ripercorrre questa strada nella costruzione di un’alternativa per l’Italia all’agenda Draghi che la sinistra, politica e imprenditoriale, ha fatto propria per perdurare nella gestione del potere: occorre dunque rompere lo schema ipocrita dell’unità di un centrodestra che non esiste più da troppo tempo e argomentare il percorso di costruzione di un’area vasta capace di proporsi con una serie di “cose da fare” che ripensino il processo democratico prima di tutto, liberandolo dalle gabbie ideologiche che la il centrodestra di governo ha costruito da diversi anni.

La nuova cortina di ferro è rappresentata da quel pensiero unico che porta partiti come Lega e Forza Italia a non avere il coraggio di muovere una critica robusta e decisa sull’impossibilità di continuare a dare fiducia a governi non rappresentativi di un reale sentimento popolare, a definire agende governative che nascono da lobby antidemocratiche e che non hanno mai un vero e proprio “bagno” democratico e a rimanere ancorati fideisticamente a un progetto europeo e di alleanza atlantica che sta dissanguando il ceto medio, dissolvendo la famiglia e schiacciando quel resta del “primato della politica” in un fiero pensiero tecnocrate governato dalle logiche della finanza globale.

Davanti a un’opinione pubblica che rimane silente perché priva di stimoli comunitari capaci di alimentare un sussulto democratico organizzato e non solo “di pancia” serve dunque una riflessione intellettualmente autonoma e scevra da ogni influenza per disarmare il pensiero unico che va diffondendosi dalla retorica ossessiva della pandemia fino a quella del conflitto in Ucraina. Occorre, in ultimo, assumere nei confronti della realtà occidentale un libero e sincero rapporto critico, fino all’aperto rifiuto di ciò che nella sua struttura non ha nulla a che vedere con la democrazia e la libertà intesa come primato della persona.

La Romagna, a partire dall’autunno prossimo, diventerà un interessante laboratorio di tutto questo dando il via ai dibattiti itineranti della #biennaledeldissenso2 che aprirà il nostro cammino di avvicinamento all’importante appuntamento elettorale del prossimo rinnovo del Parlamento italiano.

Insieme ad accademici, imprenditori e amministratori elaboreremo l’ossatura di un vero e proprio pensiero dissidente capace di presentare un programma di azioni concrete capaci di rendere la Romagna sempre più indipendente, protagonista e competitiva.

Solo cosi la nostra Alternativa per l’Italia potrà trovare nella terra di Fellini e de Il Passatore quelle radici solide per cambiare i destini di un paese intero.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Politica

Reddito di maternità: ecco tutto quello che c’è da sapere

Il Popolo della Famiglia avvia con la bollinatura della proposta di legge di iniziativa popolare un iter politico che lo porta ad affermarsi quale forza extraparlamentare ma realmente territoriale. Il termometro mediatico si è acceso sulla germinale riforma del lavoro, e di coseguenza su quella fiscale da questa implicata, che vi si trova in nuce. La meta è raccogliere almeno 50mila firme in 6 mesi.

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano