Storie

di Tommaso Ciccotti

I vescovi e il dramma dell’Africa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Siccità, inondazioni, cicloni e altri disastri. L’Africa non fa eccezione all’ondata di conseguenze che i mutamenti del clima registrano ormai a tutte le latitudini. Constatare e reagire è quanto hanno deciso di fare i vescovi dell’Amecea, l’Associazione che riunisce gli episcopati della parte orientale del continente (Etiopia, Eritrea, Kenya, Malawi, Tanzania, Uganda, Sudan e Sudan del Sud, Zambia, i membri affiliati Gibuti e Somalia). L’impegno è scaturito dal termine della plenaria che i delegati delle Conferenze episcopali aderenti hanno vissuto tra l’8 e il 18 luglio scorsi in Tanzania. Un incontro - cui ha preso parte anche il prefetto del Dicastero per la Comunicazione Paolo Ruffini - suggellato da un’articolata presa di coscienza messa nero su bianco in otto punti.

Ad aprirla, la citazione del cardinale Luis Antonio Tagle, tra gli invitati a prendere la parola, che ha riaffermato che “la mancanza di cura per gli altri coesiste con comportamenti e pratiche che danneggiano il creato” e che “quando manca la cura integrale del creato “ e “quando manca lo sviluppo umano integrale, la fraternità soffre”. È questo in sostanza il cuore dell’enciclica Laudato si’, che ha costituito la spina dorsale dell’incontro. Negli otto punti, i presuli dell’Amecea dichiarano di riconoscer “l’esistenza di una crisi ecologica che, in larga misura, è il risultato del comportamento umano” e i cui fenomeni estremi di distruzione dell’ambiente “rappresentano una crescente minaccia per lo sviluppo socio-economico” dei Paesi dell’area e per la “sussistenza delle popolazioni” che la abitano.

Foreste che si esauriscono per un disboscamento non bilanciato da un’adeguata ripiantumazione, scarsa regolamentazione dell’attività mineraria, un generale degrado dovuto all’incuria e allo sfruttamento sono messi in rilievo come situazioni da cui partire per lavorare al ripristino della “giustizia economica” e dell’“equità”, cominciando a promuovere fonti alternative di energia, solare, eolica e di altro genere. I vescovi dell’Amecea rilanciano la volontà di collaborare con tutti gli organismi istituzionali, le ong, le comunità di altre fedi in tutte le iniziative che mirano a proteggere l’ambiente e di attuare una intensa “campagna di sensibilizzazione” a livello di comunità di base per aumentare la consapevolezza e migliorare la comunicazione con la gente” su queste tematiche - un tema sul quale il prefetto Ruffini era intervenuto affermando che una buona comunicazione può favorire il consolidarsi di una “cittadinanza ecologica”. Questa consapevolezza, si legge nella nota, deve partire dai gradi basilari dell’istruzione in grado poi di arrivare a formare giovani “ambasciatori di buone pratiche ecologiche”

.La nota si conclude con un messaggio di solidarietà alle persone dell’area colpite dagli “effetti negativi del cambiamento climatico, come le inondazioni”. Non siete soli, assicurano i vescovi, “nella preghiera e con spirito di solidarietà siamo al vostro fianco nelle vostre battaglie”. E un altro pensiero è per le comunità coinvolte da “conflitti e guerre civili” come Etiopia, Eritrea, Sudan e Sud Sudan, comprese le guerre “in altre parti dell’Africa e del mondo” e perché quelle in programma in Kenya il 9 agosto prossimo siano “elezioni libere, eque, credibili e pacifiche”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Allarme malnutrizione ad Haiti

Una recrudescenza della violenza tra bande ha bloccato l’accesso ai servizi sanitari in alcune aree urbane di Haiti, lasciando che un bambino su 20 che vive a Cité Soleil - un comune di Port-au-Prince devastato dalla violenza - rischia di morire per malnutrizione acuta grave, ha avvertito oggi l’UNICEF.

Leggi tutto

Società

Texas e no all’aborto: salvati 40mila bambini

Il divieto di aborto in Texas festeggia il suo primo anniversario. In un anno, la legge sul battito cardiaco - che dal 1° settembre 2021 è stata aggiornata a un divieto totale di aborto - ha salvato oltre 40.000 bambini dall’essere uccisi nel grembo materno.

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi brasiliani dal Papa

Scherer: “Ci ha detto di non aver paura delle sfide di oggi”

Leggi tutto

Media

Le solite mistificazioni sul Sinodo

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

Chiesa

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

L’interruzione di gravidanza non è un diritto ma un crimine. Così la presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana che invita la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale a rivedere il disegno di legge che consente l’aborto in caso di stupro, o a minori o donne con disabilità, perché si tuteli la vita e venga garantita l’obiezione di coscienza dei medici

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano