Storie

di Roberto Signori

Il nuotatore trans Lia Thomas concorre per essere atleta donna dell’anno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Incredibile ma vero! Il nuotatore trans Lia Thomas, già al centro di innumerevoli polemiche per aver partecipato a competizioni femminili (e per averle vinte grazie al vantaggio che gli deriva dal possedere una struttura fisica maschile) e lo spiacevole vizietto di voler dividere gli spogliatoi con le colleghe femmine, è stato proposto come atleta (donna) dell’anno 2022 dall’Università della Pennsylvania. Thomas, maschio biologico, concorrerà quindi per il premio Woman of the Year 2022 della Ncaa, (National collegiate athletic association), l’organizzazione che gestisce le attività sportive degli atleti che partecipano ai programmi sportivi di 1268 college e università negli Stati Uniti e in Canada.

Primo campione trans nella storia universitaria ad aver vinto le 500 yard stile libero femminili, ovunque compete Lia Thomas polarizza l’opinione pubblica lasciandosi dietro una scia di polemiche: da una parte i difensori dell’inclusività a tutti i costi, soprattutto al costo dell’esclusione delle femmine biologiche, in perenne, netto svantaggio rispetto a un nuotatore biologicamente maschio anche se «autopercepito» come donna; dall’altra, tutte le persone di buonsenso che giudicano un sopruso e un abominio che un uomo approfitti della propria prestanza fisica per fare man bassa di premi distruggendo i sogni e le speranze delle sue avversarie.

Tra questi vi è sicuramente il governatore repubblicano della Florida, Ron DeSantis, che ha rifiutato il primo posto di Thomas riconoscendo Emma Weyant, medaglia d’argento nei 400 misti ai Giochi di Tokyo, come reale vincitrice della gara. «La NCAA sta fondamentalmente facendo sforzi per distruggere lo sport femmimile», aveva twittato.

Ad osteggiare l’attività della Thomas ci si è messa anche la Federazione internazionale di nuoto (Fina), che ha recentemente votato contro la presenza delle atlete transgender nelle competizioni d’élite femminili. Stando alle nuove direttive emanate, un nuotatore trans potrà accedere alle gare femminili unicamente se ha completato la transizione di genere entro i 12 anni di età. Eventualità che risulta attualmente non solo remota, ma anche orripilante, perché significherebbe consentire l’inizio del percorso di transizione a bambini di nemmeno dieci anni. La decisione dell’Università della Pennsylvania di nominare Thomas come atleta donna tra le candidate per il Woman of the Year 2022 appare quindi come una sfida aperta alla decisione della federazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/07/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gender, la risposta è un popolo in piazza

Con una conferenza stampa è stata ufficialmente convocata la manifestazione del 20 giugno in piazza San Giovanni a Roma dal comitato “Difendiamo i nostri figli”

Leggi tutto

Politica

Vaccini a tempo di record

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato che intende presentare delle norme di tipo “tecnico-scientifico” per dare alle famiglie e alle istituzioni le istruzioni su come funzioneranno le novità, compreso il periodo transitorio. Il decreto legge approvato lo scorso 19 maggio in Consiglio dei Ministri reintroduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione ad asili nido e scuole materne, ovvero nella fascia d’età 0-6 anni. Ma l’obbligo riguarderà, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, fino cioè ai 16 anni dei ragazzi. In questo caso non si prevede il divieto di iscrizione a scuola, bensì sanzioni e provvedimenti per i genitori. A diventare obbligatorie, a partire dal prossimo settembre, sono 12 vaccinazioni: le 4 già obbligatorie (antidifterica, antitetanica, antipoliomielitica e antiepatite virale B) alle quali si aggiungono anti-pertosse, anti-meningococco B e C, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella e il vaccino contro l’Haemophilus influenzae.

Leggi tutto

Politica

Usa, il Ministero della Giustizia scende in campo contro la legge del Texas sull’aborto

Il Dipartimento di Giustizia americano presenta una mozione di emergenza per bloccare temporaneamente la legge sull’aborto del Texas, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo sei settimane. Il ministro della Giustizia Merrick Garland aveva annunciato che il Dipartimento avrebbe presentato un’azione legale contro una legge definita “chiaramente incostituzionale”.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Crepaldi: “Famiglie minacciate dalle devastanti ideologie gender”

L’interessante testo dell’omelia dell’arcivescovo monignor. Giampaolo Crepaldi, pronunciata a Trieste durante la solenne Celebrazione eucaristica presso il santuario diocesano di Santa Maria Maggiore in occasione della Festa cittadina della Madonna della Salute.

Leggi tutto

Politica

Fabio Sebastianelli (PDF Marche): governo in stato confusionale

Fabio Sebastianelli responsabile PDF nelle Marche interviene sulle scelte del governo sulla crisi Ucraina

Leggi tutto

Politica

Florida e Disney ai ferri corti

È guerra aperta tra Ron DeSantis e Disney dopo che il governatore della Florida ha firmato la legge che proibisce di tenere lezioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere alle scuole elementari.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano