Politica

di Giuseppe Udinov

Crisi di Governo, per 6 docenti su 10 Draghi deve andare via

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ma come gli italiani non sono tutti con Draghi? La risposta è negativa e non era difficile scoprirlo nonostante le inesattezze dei media e dei poteri forti.

Occorre spingere il rinnovo dei contratti collettivi, molti sono scaduti da molti anni. La contrattazione collettiva è essenziale. Dobbiamo garantire livelli salariali dignitosi alle fasce in sofferenza”. Così il presidente del Consiglio Mario Draghi al Senato, per riferire in vista della fiducia. Un tema, quello del rinnovo contrattuale, che come abbiamo più volta riferito, lega a doppio filo la tenuta del Governo con le questioni scolastiche. Il rinnovo del contratto scuola 2019-2021, infatti, dipende dalle cifre della prossima Legge di Bilancio e dunque i sindacati del comparto scuola sperano che il presidente del Consiglio resti al suo posto anche solo per garantire che la firma del contratto venga rispettata e vada in porto. Eppure, nonostante questa forte motivazione che dovrebbe indurre gli insegnanti a sperare che il Governo in carica prosegua per la sua strada, 6 docenti su 10 dicono no a Draghi, da quanto risulta nell’ultimo sondaggio della Tecnica della Scuola, cui hanno partecipato 1.500 lettori (dei quali 8 su 10 insegnanti). Perché il no a Draghi? Semplicemente e soprattutto perché gli insegnanti non vogliono più il ministro Patrizio Bianchi. Una bocciatura del Presidente del Consiglio che in realtà è una bocciatura del ministro dell’Istruzione.

Dalle posizioni emerse dal sondaggio, infatti, viene chiarito esplicitamente che il problema non è Draghi ma la riforma del reclutamento e della formazione docenti, che stravolge le regole del gioco senza portare granché in più nelle tasche degli insegnanti, i quali – occorre ricordarlo – a fronte di una preparazione universitaria di altissimo profilo, tra lauree, master, abilitazioni, corsi di specializzazione, restano tra le categorie remunerate peggio in Europa: il rapporto Eurydice ha rivelato a questo proposito che ai nostri insegnanti viene corrisposto un importo annuale medio pari ad 8.000 euro in meno rispetto ai colleghi europei. E dopo un servizio di quindici anni il gap arriva ad 11.000 euro.

E non se la passano certo meglio il personale ATA: assistenti e collaboratori scolastici sono tra i meno pagati della PA. Non a caso uno dei commenti espressi nel sondaggio è: gli Ata percepiscono uno stipendio da reddito di cittadinanza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/07/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PAKISTAN - Cristiani ricercati per svolgere i lavori più umili

In Pakistan circa il 95% degli operai addetti alla pulizia e alla sanificazione di strade, ospedali, scuole e istituti pubblici, fogne, appartiene alle minoranze religiose. Il fatto che questi operatori appartengano alle minoranze religiose si lega all’antica concezione castale ancora presente nelle società del subcontinente indiano, che riserva alle caste più basse i lavori più umili. Sono lavori che i musulmani rifiutano. “Si tratta di un doppio standard”, ha scritto in passato la Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi cattolici del Pakistan, lamentando “il trattamento discriminatorio riservato alle minoranze religiose”.

Leggi tutto

Politica

Politica - Quello “strano” decreto sui poteri speciali

Politica - E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un provvedimento che conferisce poteri speciali al Presidente del Consiglio dei Ministri sulla base di una legge del 2012 che li prevede in materia societaria per il comparto difesa e sicurezza e in materia di trasporti, comunicazioni e altro.

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Politica

Draghi sarà candidato premier del Pd, modello Letta a Siena?

A febbraio sarà eletto il nuovo Capo dello Stato e potrebbe non essere Draghi, che rende sempre più tesi i rapporti con la Lega

Leggi tutto

Politica

Green pass: ok fiducia a dl

E’ stata confermata la fiducia, chiesta dal governo, sul decreto green pass, approvato dal Senato con 199 voti favorevoli e 38 contrari, nessuna astensione.

Leggi tutto

Società

Vaers - La miocardite pericolo per i ragazzi dai 12 ai 17 anni

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.745 decessi e 170.446 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano