Storie

di Nathan Algren

INDONESIA - La Chiesa ricorda missionaria tedesca aiuto per i lebbrosi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa cattolica in Indonesia rende omaggio ad una suora tedesca che ha aperto la strada al lavoro tra i lebbrosi nell’isola indonesiana di Flores, ed è morta il 27 giugno, a 93 anni. Suor Virgula Maria Schmith, delle Missionarie Serve dello Spirito Santo, è morta a Steyl, nei Paesi Bassi.La suora ha avviato i Centri di riabilitazione dalla lebbra San Damiano e San Raffaele, a Cancer e Binongko, sull’isola di Flores, ha detto suor Yohana M. Momas, superiora provinciale delle Serve dello Spirito Santo in Indonesia.

Suor Virgula è nata il 3 settembre 1929 a Grunebach, in Germania. Arrivò missionaria in Indonesia nel 1965. Ha trascorso anni nella zona di Mangarai, nella parte orientale di Flores. La sua missione era quella di aiutare i poveri e i malati con il motto “Sono chiamata a liberare coloro che sono incatenati da malattie diverse perché sono figli di Dio”. Inizialmente, c’era un lebbroso la cui famiglia lo aveva abbandonato nel deserto. Un sacerdote francescano lo scoprì e lo portò al Policlinico San Raffaele, dove lavorava la suora tedesca. “Sono rimasta stupita e sbalordita quando il prete mi ha portato il paziente”, il suo corpo era crivellato di ferite e i suoi capelli erano incolti e lunghi. Non ero sicura di cosa fare. Tuttavia, ho accettato il paziente e gli ho fornito le migliori cure. Poi ho chiesto aiuto ai miei parenti in Germania, e loro mi hanno aiutato, aveva detto la suora nel 2011.

“Da allora, nel 1966, l’apostolato dei lebbrosi è stato separato dal Policlinico San Rafael” spiegò la suora. “Non è tutto il mio lavoro. Non sono un individuo meraviglioso o intellettuale di cui scrivere. Obbedisco alla volontà di Dio. Prego ogni mattina: ‘Signore, mostrami cosa vuoi che io faccia oggi e dammi la capacità di farlo’. Se Dio desidera qualcosa, non possiamo resistergli. Non provo ansia o paura perché confido che Dio è con me” ha affermato la missionaria, come riportato da Floresa.com. “Credo e sperimento che Dio non può abbandonarci” ribadiva la suora pioniera.

Anche lei pensava che il suo lavoro fosse “come un miracolo divino”. Aveva osservato innumerevoli “miracoli” fatti da Dio durante la sua vita. Il primo è stato la sopravvivenza di Yance, il primo orfano di cui si è presa cura. Era nato prematuro e alla nascita pesava 600 grammi. La suora e il suo team lo hanno assistito nel momento del bisogno. Dio - disse la suora - fornisce sempre un’assistenza tempestiva. Quando le suore hanno bisogno di medicine, vestiti, cibo o altri servizi, c’è sempre un aiuto disponibile, soprattutto sotto forma di denaro, che vale quello di cui abbiamo bisogno.

Suor Virgula è stata una missionaria forte, una pioniera, la prima persona a svolgere un’opera umanitaria, in particolare per le persone con disabilità e lebbra, nonché per le vittime di violenze sessuali in Indonesia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/07/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se Gesù diventa un guru new age

Massimo Gramellini per contestare le parole del cardinale Parolin sul referendum irlandese (“una sconfitta per l’umanità”) si inventa un Gesù “maestro di tolleranza”. Gesù è amore e verità, nel suo vocabolario non c’è la “tolleranza”

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Storie

Monsignor Delpini entra a Milano e siede sulla cattedra di Ambrogio

Avvenuto l’ingresso solenne di monsignor Mario Delpini come nuovo arcivescovo di Milano. Il racconto di una giornata speciale per i milanesi.

Leggi tutto

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: attenti alle passioni

Nell’omelia mattutina di Santa Marta il Santo Padre ha preso le mosse dalla lettura evangelica del giorno liturgico, e quindi Francesco si è soffermato a discutere sui “consigli di Gesù”: «Abbiate sale in voi stessi, siate in pace gli uni con gli altri» ha attratto particolarmente la riflessione del Pontefice, che ha concluso invitando tutti alla pratica dell’esame di coscienza.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano