Media

di Roberto Signori

BBC chiede venia per aver intervistato il trans che “amava” picchiare le donne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’emittente statale britannica BBC si è scusata per aver intervistato un combattente di MMA trans, che in precedenza aveva scritto online che “amava” picchiare le donne critiche nei confronti del transgenderismo, spesso etichettate come Femministe Radicali Trans Esclusive [TERF].

Secondo un rapporto di The Telegraph, Fallon Fox - intervistato dopo che un ente sportivo ha deciso di escludere le persone “transgender” dagli sport femminili - ha affermato di aver “messo fuori combattimento due donne” e che a una delle due aveva anche fratturato il cranio.

Inoltre ha aggiunto che si era divertito e che adorava prendere a schiaffi nella gabbia le TERFS che dicono sciocchezze transfobiche, definendo questa violenza una “beautitudine”

Capito media italiani?.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/07/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Politica

LEGGE 194: ABROGARLA NON SERVE

Quanto descritto in questo articolo non sarà di facile applicazione ma è una strada da seguire insieme al Reddito di Matenità, al Quoziente Familiare e alle altre proposte del Popolo della Famiglia. Se portata avanti con la coerenza e la fermezza che caratterizzano il PDF darà, a suo tempo, buoni frutti.

Leggi tutto

Società

Transgender nello sport, il Cio cambia le regole

Il nuovo decalogo del Comitato Olimpico Internazionale diventerà legge non prima di marzo 2022.  Agli atleti non verrà più chiesto di sottoporsi a procedure mediche non necessarie per rientrare nei criteri di eleggibilità per la loro categoria e la loro disciplina

Leggi tutto

Chiesa

Etiopia - Felicità per il rilascio delle religiose

La liberazione arriva in un momento di possibile cambiamento di scenari nel grande Paese del Corno d’Africa, travolto da ormai 14 mesi da una terribile guerra iniziata nella regione del Tigray e tracimate in altre aree

Leggi tutto

Storie

Violentata con il figlio da due rapinatori

Roma: una città nella quale la sicurezza è sempre più una vera illusione

Leggi tutto

Politica

Siria: l’Ue stanzia 3 miliardi fino al 2023

A Bruxelles il sesto appuntamento per il sostegno al Paese che ha vissuto oltre un decennio di guerra, dove la fame è a livelli storici e milioni di bambini continuano a vivere nella paura, nell’incertezza e hanno bisogno di aiuto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano