Politica

di la redazione

Speranza: infornata di nomine prima del voto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Dell’ennesimo giochetto politico del governo uscente sembra proprio che si voglia silenziare i movimenti. Fortunatamente ci siamo noi della Croce ed alcuni giornali di centrodestra a seguire cosa il ministro Speranza sta cercando di fare.

Stiamo parlando del tentativo di nominare un nutrito battaglione di dirigenti al ministero della Salute. Al fine di facilitare la sua impresa, il segretario del minuscolo Articolo 1, vorrebbe aumentare da 12 a 14 le poltrone delle direzioni generali, così da spacchettare le nomine e, con la decadenza di più di un dirigente, piazzare ai posti vacanti persone di suo gradimento. Tutto questo, unito all’assunzione di un esercito di funzionari amministrativi, ben 697 i quali sono stati accolti dallo stesso Speranza con una sorta di improvvisato comizio elettorale, ha mandato su tutte le furie i sindacati, tranne ovviamente la Cgil, storica cinghia di trasmissione della sinistra italiana.

Tant’è che i citati rappresentanti dei lavoratori, aderenti a Cisl e Uil, hanno addirittura rifiutato l’invito a partecipare all’incontro con i neoassunti, sottoscrivendo un comunicato di fuoco contro il ministro della Salute. Nella lettera, oltre a sottolineare l’assenza di un dialogo col ministero della Salute, proprio da quando Speranza vi si è insediato, viene fortemente stigmatizzato il blitz nomine tentato da quest’ultimo, bollandolo come una operazione elettorale di bassa macelleria. Inoltre, nella nota congiunta, i sindacati lamentano il fatto che il ministro si sia pavoneggiato, con tanto di comizio, per aver assunto 697 funzionari, quando nel territorio c’è una crescente fame di medici e di infermieri.

Il cerchio sembra chiudersi: dopo aver subito sulla nostra pelle le folli misure liberticide ispirate da Speranza e dai suoi pseudo consiglieri scientifici, non possiamo che aspettarci di tutto da un uomo che passerà alla storia come il peggior ministro della Salute della Repubblica. Avendoci chiuso in casa per mesi agli arresti domiciliari, averci imposto le mascherine in ogni ambito sociale, aver usato il vaccino con l’abominevole lasciapassare sanitario di stampo stalinista ed aver trasformato il Paese in un immenso tamponificio, cosa volete che siano un mucchietto di nomine ad personam, tanto per accontentare parenti e amici?

Vergogna senza fine e pensare che Brunetta poche ore fa lo ha definito un ministro capace e competente. Buttiamoli giù con il voto di fine settembre e cambiamolo questo sistema politico vergognoso!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/07/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

Congo, il dono del Papa ad un orfanotrofio

Al Foyer Nazareth, alla periferia della capitale Brazzaville, giunti tramite l’Elemosineria apostolica e la Nunziatura i medicinali offerti da Francesco per curare la drepanocitosi.

Leggi tutto

Chiesa

La Croce tra i pochi aiuti alla ricerca del vero

Per noi cristiani resta la certezza che anche in mezzo a questo marasma Gesù è in mezzo a noi seme di sincera libera ricerca e conduce la storia profonda, non le apparenze dei potenti, con l’aiuto di ogni uomo di buona volontà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano