Storie

di la redazione

Il Sinodo di Lussemburgo e le proposte di folli aperture

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Sinodo di Lussemburgo chiede alla Chiesa cattolica di “aprirsi” al “matrimonio” omosessuale Luxembourg Synod demands Catholic Church ‘open up’ to homosexual ‘marriage,’ women preachers è il titolo del Lifesitenews. L’articolo è scritto dal collega articolo scritto da Kennedy Hall .

La Chiesa cattolica dovrebbe essere aperta al “matrimonio” omosessuale e alle predicatrici, secondo i partecipanti alla fase diocesana del Sinodo sulla sinodalità nell’arcidiocesi di Lussemburgo.

I risultati di un sondaggio a livello diocesano contenente suggerimenti su ciò che la Chiesa dovrebbe fare secondo migliaia di cattolici lussemburghesi sono stati resi noti il 5 luglio in un rapporto di 37 pagine. Circa 4.590 dei 439.000 cattolici stimati in Lussemburgo hanno partecipato al processo sinodale.

Il rapporto è stato preparato da un’équipe di due persone ed è stato notato che non molti partecipanti hanno espresso convinzioni “contro l’accettazione dei divorziati e dei risposati… l’accettazione dell’omosessualità e l’abolizione del celibato sacerdotale”.

Il documento è organizzato in sezioni intitolate “Comunione”, “Partecipazione” e “Missione”, con ogni sezione contenente tre sottosezioni intitolate “Verso il futuro”, “Diocesi” e “Chiesa universale”.

Nella sottosezione “Chiesa universale” della sezione “Comunione”, i documenti affermano che: “La Chiesa ha bisogno di un cambiamento di visione sull’omosessualità, per aprirsi al matrimonio per tutti”.

Inoltre, la stessa sezione aggiunge che anche “l’obbligo del celibato per i sacerdoti” deve essere cambiato.

Gli intervistati hanno espresso la loro preoccupazione per il ruolo delle donne nella Chiesa e hanno suggerito che il “servizio di predicazione” sia aperto a laici donne e uomini.

È stato anche scritto che “la Chiesa deve riconoscere i suoi errori e mettersi in discussione”.

Alcuni partecipanti hanno affermato che “i dogmi e alcune tradizioni possono contribuire a una perdita di spiritualità”.

Per quanto riguarda la partecipazione, alcuni cattolici lussemburghesi hanno affermato che è necessario “superare una rigidità… affinché la liturgia diventi più viva”.

L’arcivescovo di Lussemburgo è il cardinale Jean-Claude Hollerich, SJ, un prelato che avrà un ruolo significativo quando i vescovi si riuniranno a Roma per il culmine del Sinodo sulla sinodalità nell’ottobre 2023.

Hollerich, relatore generale del Sinodo sulla sinodalità, ha dichiarato che l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità è “falso” e che “il fondamento di questo insegnamento non è più corretto”.

In passato il cardinale ha espresso un “grande rispetto” per il “cammino sinodale” tedesco, che è stato in parte rimproverato dal Vaticano per il timore che il processo tedesco portasse a uno scisma formale con Roma.

https://www.lifesitenews.com/news/luxembourg-synod-demands-catholic-church-open-up-to-homosexual-marriage-women-preachers/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/07/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sinodo, La Croce risponde alle 46 domande

Dal 4 ottobre 2015 il Sinodo sulla famiglia prenderà decisioni importanti, forse decisive, per la Chiesa. Rispondiamo al Questionario inviato a seguito delle Relatio Synodi per la formazione dell’Instrumentum Laboris

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano