Politica

di Mirko De Carli

M’INNAMORO DEGLI IRREGOLARI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La prima regola di questa politica, figlia di una comunicazione falsata per addomesticare il libero pensiero del cittadino, è apparire quello che non si è: mettersi in giacca e cravatta tutti i giorni senza averlo mai fatto per una vita intera, cercare approvazione da “quelli che contano” mentre per anni li perculavi al bar sotto casa e immaginare di avere potere sapendo benissimo di non poter mai ottenere la libertà di esercitarlo con piena autonomia di pensiero. Questa categoria di classe dirigente, che potremmo catalogare come i cosiddetti “colletti bianchi” (farlocchi), domina nei partiti tradizionali grazie al consenso consapevole e strumentale di leader che la cercano come le pepite d’oro per scongiurare ogni possibile dissidio interno.

Noi siamo gente di una “pasta” diversa: amiamo contaminare le nostre giornata dalla presenza disordinata e chiassosa di chi ha sempre un problema che lo affligge, siamo affascinati da quello che tutti definirebbero un “caso umano” ma che per noi è un uomo o donna che soffre e che merita un conforto autentico e abbiamo bisogno come l’aria da respirare di quello o quella che “non te la racconta giusta” ma che muore dalla voglia di trovare qualcuno che lo ascolti e che gli offra un occasione di riscatto.

Amiamo dannatamente gli “irregolari” perché in fondo siamo pienamente consapevoli che solo chi non ha paura dell’errore può essere un uomo libero. E chi sono oggi questi irregolari? I sanzionati sul posto di lavoro che non hanno accettato il ricatto del green pass, gli indebitati con le banche e con l’agenzia delle entrate che si trovano pignorati quei beni di prima necessità che gli servono per vivere quando quello con cui dovrebbero sostentarsi è sotto quella che comunemente chiameremmo “soglia di povertà” e quegli anziani che non si possono permettere una visita a pagamento perché non hanno da tempo un medico di base.

Per loro, per gli irregolari degli anni venti Alternativa per l’Italia è una casa che li aspetta a braccia aperte: se lo Stato e la finanza ti colpisce perché debole e fragile scegli chi in politica vuol dare voce al tuo dolore e rompere le gabbie del sopruso del potente sul più fragile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/08/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Politica

GLI OBIETTIVI POLITICI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Chi vota Popolo della Famiglia il 26 maggio, in una tornata elettorale caratterizzata dalla legge elettorale proporzionale pura con cui si vota alle Europee, vuole rafforzare la capacità di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato di essere determinante. La rappresentanza di quanti in Italia si oppongono alla deriva nichilista del “partito radicale di massa” non può essere appaltata ad altri

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano