Storie

di Nathan Algren

Filippine - Vescovi in aiuto dei bisognosi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La speranza e il sogno di ogni vittima di abusi e violenze è essere protetta, curata, guarita e avere giustizia. La missione e l’impegno di ogni cristiano è fare in modo che questo accada. Con la fede e le opere, dobbiamo far sì che la bontà e la verità vincano il male e le vittime di tratta e abusi vincano la morte spirituale e risorgano a nuova vita spirituale ed emotiva”: lo comunica in occasione della “Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani”, celebrata dall’Onu il 30 luglio, padre Shay Cullen, SSC, missionario di San Colombano, noto nelle Filippine per il suo impegno sociale e pastorale rivolto ai minori vittime di sfruttamento e abusi.

La tratta di esseri umani, rileva il sacerdote impegnato nelle Filippine con la fondazione “PREDA”, è un problema mondiale che esige una risposta globale. La Fondazione PREDA è impegnata quotidianamente a combattere la terribile piaga e a proteggere le vittime della tratta di esseri umani e delle forme di schiavitù contemporanea, soprattutto i minori: lavoro forzato, matrimoni forzati e maternità forzata, vendita di bambini, pornografia e sfruttamento della prostituzione, prelievo forzato di organi. “Le misure adottate a livello internazionale e nazionale - rileva il missionario - sono inadeguate e non sembrano efficaci per fermare il flagello della tratta di esseri umani e di bambini”.
“Pochissime strutture nel mondo sono disposte ad aiutare bambini o vittime a guarire dal dolore, dal trauma, dalla paura, dall’alienazione che soffrono per essere stati vittima di tratta, violentati, maltrattati e molestati”, rileva. “Si stima che circa 60.000 bambini siano vittime di abusi sessuali ogni anno da parte di trafficanti, secondo l’Unicef. Un altro studio afferma che 1,2 milioni di bambini subiscono ogni anno una qualche forma di abuso online nelle Filippine”, riferisce il missionario.

“Senza un cambiamento di atteggiamento e un impegno da parte dei leader, delle istituzioni, di funzionari governativi, a denunciare questo orribile crimine, vi sono poche possibilità di aiutare e salvare le vittime da una vita di miseria, infelicità e sofferenza”, ammonisce padre Cuellen.
“La maggior parte dei bambini vittime di tratta e di abusi - ricorda - vive con dolore e i ricordi repressi, ma altri crescono nella rabbia, persino nell’odio, nutrendo desideri sepolti di vendicarsi dei maltrattatori, delle famiglie, dei compagni di scuola o della società in generale e sfogando questa frustrazione con atti di violenza. L’aggressività, la vendetta e gli atti violenti sono spesso il risultato di abusi infantili subiti”

Per questo il missionario rileva l’importanza dell’opera di ascolto, comprensione assistenza psicologica, accompagnamento umano, per recuperare le vittime degli abusi. Prosegue padre Shay: “Quando si incontra un caso di abuso, la sfida per l’assistente sociale è trovare un centro di protezione a cui indirizzare un bambino. Ce ne sono pochissimi nelle Filippine. Il presidente Marcos ha detto che assicurerà finanziamenti sufficienti per soli 70 centri residenziali governativi in ​​tutto il paese, dedicati a donne e bambini vittime di tratta e di abusi. Le Filippine, con una popolazione di 110 milioni di abitanti, ha bisogno di molti altri centri, con programmi di guarigione terapeutica professionale e potenziamento, piuttosto che di rifugi temporanei”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Pubblicate le Annotazioni di Kiko

Ha avuto un seguito ideale “Il Kerigma. Nelle baracche coi poveri”, col quale Francisco Argüello, meglio noto come Kiko, si mostrava avviato all’età dei
bilanci complessivi e delle memorie: Cantagalli ha da poco dato alle stampe “Annotazioni”. In questo volume, composto di 506 frammenti «da sorseggiare
con calma», si trova “il giornale dell’anima” del fondatore del Cammino Neocatecumenale. E di tanto in tanto, sullo sfondo, compaiono fatti noti e ignoti
dalla tua santità sopra il mio essere peccatore. – scrive nel 1998 – Il tuo amore appare sopra di me e mi distrugge, mi annienta , mi crocifigge. Signore, abbi pietà di me!»
(n.300). Spesso, come molti mistici, tra i quali mi viene in mente la stessa Madre Teresa di Calcutta, le parole di Kiko mostrano il tormento della “notte oscura”, del sentirsi come abbandonati ed infinitamente lontani dall’Amato, uno spasimo che si trasforma a volte in poesia «C’è un amore che fa dolere il cuore, c’è un dolore che è pieno d’amore…È l’assenza. (…) Siamo nel deserto abbracciati a Te, Signore e in Te a tutti fino all’infinito. Assenza di Dio» (n.353). Rincorre quest’uomo che molto, moltissimo ha realizzato, in un paradosso tutto cristiano, la “santa umiltà di Cristo”. Che non è finta modestia, un atteggiarsi ipocrita, ma è essenzialmente obbedienza alla Volontà di Dio, accettazione delle ingiustizie e delle calunnie perché «Tutto ciò in cui c’è Dio è umile» (n.5) e perché «Sali a Dio scendendo i gradini dell’umiltà» (n.9), fino a contemplare in essa la bellezza di Dio «Perché la bellezza è umile? Che mistero! Perché l’umiltà è bellissima? Ti ho visto Signore. Sì, Tu eri in quella donna abbandonata nel corridoio di un ospedale. Ti vidi nella strada buttato tra cartoni e spazzatura. Oh, santa umiltà di Cristo, chi ti potrà trovare! Ti trovai e mi toccasti il cuore, e non fui più lo stesso (…).» (n.473).
E veramente la vita di questo pittore di succe s s o , destinato alla gloria del mondo, ad una carriera da artista, è stata rivoluzionata in modo sorprendente dall’incontro con Cristo, trasformandosi in zelo per l’evangelizzazione e per l’annuncio dell’amore di Dio all’umanità sofferente «Benedetto sia il tuo nome, Signore. Benedette la tua tenerezza e misericordia. [Il Signore] viene ad incendiare la terra. Il mio spirito arde, brucia in Te, Dio mio. Geme il mio cuore vedendo ovunque il tuo nome vilipeso e l’uomo sfruttato, colpito, ingannato in una società che vuole crocefiggerti di nuovo. Superstizione, magia,
idolatria. Si assassina il pudore nei giovani. Aborto, omosessualità, sesso libero. Tutto ciò che è santo viene insultato e presentato

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco, Bartolomeo, Welby uniti dalla Terra

Papa Francesco, il Patriarca ecumenico Bartolomeo e l’arcivescovo di Canterbury si uniscono per la prima volta in un appello urgente per il futuro del pianeta. Per la prima volta, congiuntamente, mettono in guardia sull’urgenza della sostenibilità ambientale, sul suo impatto sulla povertà e sull’importanza della cooperazione globale. L’esortazione a tutti è a fare ciascuno la propria parte nello “scegliere la vita” per il futuro della Terra.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la libertà cristiana

Papa Francesco all’udienza generale sottolinea come una predicazione che ostacola la libertà in Cristo non è evangelica, sottolinea il Papa, che indica nel dono da parte del Signore e nella verità i due pilastri fondamentali della libertà cristiana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano