{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} NICARAGUA - Cinque radio cattoliche chiuse nel dipartimento di Matagalpa

Storie

di Nathan Algren

NICARAGUA - Cinque radio cattoliche chiuse nel dipartimento di Matagalpa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La diocesi nicaraguense di Matagalpa informa degli ultimi avvenimenti: “il giorno 1 agosto abbiamo ricevuto una lettera della signora Nahima Janett Diaz Flores, direttrice generale dell’Instituto nicaraguense de Telecomunicaciones y Correos (TELCOR), con cui si comunica la chiusura di Radio Hermanos, in quanto dal 30 gennaio 2003 è sprovvista dell’autorizzazione vigente”.

Il testo della diocesi informa la Comunità nazionale ed internazionale che nella riunione avuta con l’ingegner Orlando Castillo, presidente esecutivo di TELCOR, il Vescovo della diocesi di Matagalpa, Monsignor Rolando José Alvarez, ha presentato personalmente la documentazione richiesta il 7 giugno 2016, chiedendo l’autorizzazione necessaria per Radio Hermanos, Radio Santa Lucia di Ciudad Dario, Radio Catolica di Sebaco, Radio Nuestra Señora de Lourdes di La Dalia, Radio Nostra Signora di Fatima di Rancho Grande, Radio San José di Matiguas e Radio Monte Carmelo di Rio Blanco. A questa richiesta di autorizzazione “non è mai stata data risposta”. Tutta la documentazione, precisa ancora la diocesi, è a disposizione di TELCOR e della Comunità nazionale e internazionale.

“Oggi ci hanno informato che sono state chiuse anche Radio Nuestra Señora de Lourdes de La Dalia, Radio Nostra Signora di Fatima di Rancho Grande, Radio Alliens di San Dionisio e Radio Monte Carmelo di Rio Blanco”. La diocesi conclude: “Continueremo ad informare e a denunciare ogni situazione che, come questa, continua a violare la libertà di espressione e religiosa in Nicaragua”.

Da tempo il regime di Daniel Ortega sta adottando misure repressive contro la Chiesa del Nicaragua, ritenuta non allineata al potere. Tra queste è stato chiuso il canale televisivo della Conferenza episcopale; è stato ritirato il gradimento (agrément) all’Arcivescovo Waldemar Stanislaw Sommertag, Nunzio Apostolico a Managua dal 2018, imponendogli di lasciare il Paese; monsignor Leonardo Urbina, parroco del Perpetuo Soccorso di Boaco, è stato arrestato per una presunta accusa di abusi sessuali; padre Manuel Salvador García, parroco di Nandaime, è stato incarcerato con l’accusa di aver esposto le persone al pericolo e per la presunta aggressione a una donna; è stato disposto l’annullamento della personalità giuridica di 101 Ong, tra cui l’associazione “Missionarie della Carità” e le suore di Madre Teresa hanno dovuto lasciare il Paese; Monsignor Rolando Alvarez, Vescovo della diocesi di Matagalpa e Amministratore apostolico di Esteli, come anche padre Harvy Padilla, parroco di San Juan Bautista nella città di Masaya, “vivono in un clima di ansia per la loro sicurezza personale e l’impossibilità di esercitare il loro diritto a vivere e celebrare la loro fede in un ambiente di pace e libertà”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/08/2022
0110/2022
S. Teresa di GesĂą bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

SUD SUDAN -  Nasce una radio per diffondere la pace e proclamare il Vangelo

“Vogliamo creare un centro di produzione che tenga vive le tradizioni del teatro e della musica del Sudan del Sud. Dato che siamo già ben collegati con molte tribù, possiamo benissimo preservare e valorizzare l’eredità culturale del Paese” ha dichiarato p. Tamil Selva, salesiano della comunità di Tonj

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il caos in Nicaragua

Papa Francesco all’Angelus: si possano trovare nuove basi per una convivenza rispettosa e pacifica

Leggi tutto

Chiesa

Nicaragua - Un’altra radio cattolica costretta a chiudere

Con motivazioni “ingiustificabili”, il servizio di telecomunicazioni del Paese ha recapitato a Radio Stereo Fe, della diocesi di EstelĂ­, un avviso di chiusura immediata dell’emittente.

Leggi tutto

Media

Verso la nascita di radio Tv Vaticana

Da questo cambio di rotta, che è indubbiamente una innovazione voluta da Papa Francesco, si auspica una migliore diffusione nel mondo della parola e della missione del Pontefice, a servizio della Chiesa e del Vangelo.  In epoca di comunicazione in tempo reale, dunque le antiche suddivisioni in diversi media appaiono ormai superate e si punta a una convergenza che, in fondo, fa parte del DNA dello stesso messaggio cristiano, fin dalle origini. E se questa scelta ci appare non solo logica e opportuna, essa ci apre anche lo spazio per riflettere sul ruolo, sul peso, sulle scelte e sulle stesse prospettive strategiche di chi, a vario titolo, a partire dalla propria e comune scelta di Fede, si occupi di comunicazione e di informazione.

Leggi tutto

Media

I media scollati dalla realtĂ 

Un’interessante riflessione sui media e sulla parte cospicua di essi genuflessa ai poteri forti

Leggi tutto

Chiesa

NICARAGUA - “Giustizia e Pace”: “la Chiesa continuerà ad annunciare il Vangelo

“Fedeli al mandato del Signore e fedele alla sua vocazione, la Chiesa continuerĂ  ad annunciare il Vangelo, denunciando le strutture sociali del peccato, accompagnando la gente, specialmente i poveri e i deboli”: lo ribadisce la Commissione “Giustizia e Pace” dell’Arcidiocesi di Managua in un messaggio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano