Politica

di Mirko De Carli

LA NOSTRA PRIMA FINANZIARIA IN TRE SEMPLICI MOSSE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le ricette economiche più impattanti non necessitano di grandi manovre o complicati sistemi di ricalcolo fiscale: c’è solo bisogno di poche e semplici mosse capaci di innescare un virtuoso volano per le famiglie italiane e le loro imprese.

Mossa numero 1: pensioni minime a mille euro - serve ridare dignità a un fetta importante di popolazione che, con l’aumento vertiginoso dei costi della vita, è sempre più al di sotto della cosiddetta soglia di povertà. Uno Stato civile ha il dovere di garantire una vita dignitosa a chi non ha le condizioni per guadagnarsela: questi anziani o questi fragili, che non possono più “rimettersi in carreggiata” grazie al lavoro, meritano un innalzamento delle loro pensioni a mille euro. Un gesto di umanità e civiltà in grado di togliere dalla miseria fasce importanti di popolazione, ora letteralmente abbandonata a se stessa.

Mossa numero 2: reddito di maternità - in una società che vuole ritornare a crescere occorre mettere sempre di più al centro il ruolo della donna. Occorre dunque garantirle la possibilità di fare carriera professionale senza alcun limite ideologico retaggio di stereotipi del passato, sostenerla se desidera lavorare e fare la mamma contemporaneamente offrendole tutti i servizi e contributi necessari ad un efficiente rapporto lavoro-maternità ed infine, se sceglie di dedicarsi unicamente alla cura del figlio, non obbligarla ad accettare contratti capestri senza garanzie e a stipendi da fame ma garantendole una vera e propria indennità mensile pari a 1.000 euro chiedendo in cambio di non accedere ai servizi nido e infanzia per i propri figli.

Mossa numero 3: il quoziente familiare - solo se adotteremo, come leva fiscale, la regola aurea che da sviluppo da decenni a uno Stato come la Francia che parla esplicitamente di “più figli, meno tasse” potremo davvero immaginare una società che torna a tassi demografici incoraggianti e, di conseguenza, a livelli di crescita del PIL sostenuti. Una nuova ricchezza che ricadrebbe copiosa in buona parte nei bilanci delle nostre imprese garantendo quegli investimenti, anche in termini di occupazione, che tutti chiedono da troppo tempo.

Per realizzare tutto questo va completamente ripensato lo strumento del reddito di cittadinanza: occorre sì mantenere un reddito di povertà per le fasce (non sottoposte a regime pensionistico) più disagiate ma il resto degli oltre 30 miliardi annui di RDC vanno messi sul piatto della manovra finanziaria ideata da Alternativa per l’Italia.

Il tempo per realizzare tutto questo c’è e si potrebbero adottare questi provvedimenti nella prima manovra finanziaria di fine anno del prossimo nuovo governo . Un’agenda alternativa a quella Draghi è possibile e noi, con umiltà e tenacia, ne presentiamo alcuni profili: se vi convince dateci fiducia, ora con la vostra firma e poi il 25 settembre con il vostro voto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/08/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano