Politica

di Mirko De Carli

LA NOSTRA PRIMA FINANZIARIA IN TRE SEMPLICI MOSSE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le ricette economiche più impattanti non necessitano di grandi manovre o complicati sistemi di ricalcolo fiscale: c’è solo bisogno di poche e semplici mosse capaci di innescare un virtuoso volano per le famiglie italiane e le loro imprese.

Mossa numero 1: pensioni minime a mille euro - serve ridare dignità a un fetta importante di popolazione che, con l’aumento vertiginoso dei costi della vita, è sempre più al di sotto della cosiddetta soglia di povertà. Uno Stato civile ha il dovere di garantire una vita dignitosa a chi non ha le condizioni per guadagnarsela: questi anziani o questi fragili, che non possono più “rimettersi in carreggiata” grazie al lavoro, meritano un innalzamento delle loro pensioni a mille euro. Un gesto di umanità e civiltà in grado di togliere dalla miseria fasce importanti di popolazione, ora letteralmente abbandonata a se stessa.

Mossa numero 2: reddito di maternità - in una società che vuole ritornare a crescere occorre mettere sempre di più al centro il ruolo della donna. Occorre dunque garantirle la possibilità di fare carriera professionale senza alcun limite ideologico retaggio di stereotipi del passato, sostenerla se desidera lavorare e fare la mamma contemporaneamente offrendole tutti i servizi e contributi necessari ad un efficiente rapporto lavoro-maternità ed infine, se sceglie di dedicarsi unicamente alla cura del figlio, non obbligarla ad accettare contratti capestri senza garanzie e a stipendi da fame ma garantendole una vera e propria indennità mensile pari a 1.000 euro chiedendo in cambio di non accedere ai servizi nido e infanzia per i propri figli.

Mossa numero 3: il quoziente familiare - solo se adotteremo, come leva fiscale, la regola aurea che da sviluppo da decenni a uno Stato come la Francia che parla esplicitamente di “più figli, meno tasse” potremo davvero immaginare una società che torna a tassi demografici incoraggianti e, di conseguenza, a livelli di crescita del PIL sostenuti. Una nuova ricchezza che ricadrebbe copiosa in buona parte nei bilanci delle nostre imprese garantendo quegli investimenti, anche in termini di occupazione, che tutti chiedono da troppo tempo.

Per realizzare tutto questo va completamente ripensato lo strumento del reddito di cittadinanza: occorre sì mantenere un reddito di povertà per le fasce (non sottoposte a regime pensionistico) più disagiate ma il resto degli oltre 30 miliardi annui di RDC vanno messi sul piatto della manovra finanziaria ideata da Alternativa per l’Italia.

Il tempo per realizzare tutto questo c’è e si potrebbero adottare questi provvedimenti nella prima manovra finanziaria di fine anno del prossimo nuovo governo . Un’agenda alternativa a quella Draghi è possibile e noi, con umiltà e tenacia, ne presentiamo alcuni profili: se vi convince dateci fiducia, ora con la vostra firma e poi il 25 settembre con il vostro voto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/08/2022
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Media

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Leggi tutto

Storie

Vita e conversione, figli ed educazione: intervista a tuttotondo con Francesca Centofanti

Moglie, madre, educatrice per vocazione e per mestiere (è insegnante di scuola primaria), l’attivista romana intesse un denso dialogo con l’omologa viareggina: i segni dei tempi e quelli del tempo, la scuola e lo stato sono al centro di questa conversazione che è al contempo intima e aperta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano