Storie

di Nathan Algren

La missione della Chiesa in Asia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Inaugurata il 22 agosto presso il santuario del Beato Nicholas Bunkerd Kitbamrung a Bangkok, in Thailandia, la Conferenza generale della Federazione delle Conferenze Episcopali dell’Asia (FABC) che - dopo il rinvio di due anni a causa della pandemia - può celebrare i 50 a anni di fondazione. La FABC è stata fondata nel 1970, in occasione della visita di Papa Paolo VI a Manila, quando i Vescovi asiatici si riunirono per la prima volta. Dopo la cerimonia inaugurale - che sarà trasmessa online in forma virtuale - lavori della Assemblea generale, con il raduno effettivo dei Vescovi delle varie nazioni del continente, si terranno in presenza dal 12 al 30 ottobre 2022 a Bangkok.

I Vescovi intendono rafforzare la collegialità e riflettere, pregare e confrontarsi su cosa significa essere “Chiesa in Asia”, a partire dal Concilio Vaticano II, fino alle sfide dell’oggi, tracciando gli orientamenti e per i prossimi anni.

Dopo l’inaugurazione del 22 agosto, la FABC invita i fedeli in Asia a prender parte a questo importante processo, con un periodo di preghiera che giungerà fino alla assemblea generale di ottobre. La Federazione ha diffuso una preghiera preparata per “FABC 50”, come viene chiamato l’evento, con la speranza che, nelle varie nazioni asiatiche, “si possa creare consapevolezza, interesse e senso di partecipazione”.
Nella conferenza del Giubileo d’oro della FABC, si rifletterà su alcune questioni chiave legate alla fede e alla missione. Fra le tracce rese note e pervenute all’Agenzia Fides: come può la Chiesa in Asia continuare ad annunciare la Buona Notizia alla luce delle realtà emergenti; in che modo la FABC può servire e sostenere in modo più efficace i Vescovi e le loro rispettive conferenze; come la ricchezza culturale dell’Asia può contribuire alla Chiesa universale; come può la Chiesa in questa parte del mondo contribuire a un’Asia migliore.

“La Chiesa cerca nuove strade per continuare a essere al servizio delle persone e dei popoli in Asia. Camminiamo insieme per riflettere, immaginare, partecipare e riscoprire un nuovo modo di essere Chiesa in Asia. Siamo chiamati nelle parole di Papa Francesco a preparare il futuro”, commenta all’Agenzia Fides l’Arcivescovo Joseph Arshad, Vescovo di Islamabad-Rawalpindi e Presidente della Conferenza Episcopale del Pakistan, che prenderà parte alla Conferenza della FABC. L’Arcivescovo invita i fedeli a pregare ” affinché la Chiesa possa continuare, sotto la guida dello Spirito Santo, ad essere segno dell’amore di Dio in Asia e nel mondo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/08/2022
3101/2023
San Giovanni Bosco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano