Storie

di Nathan Algren

UNICEF: quasi 1.000 bambini uccisi o feriti nella guerra in Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Almeno 972 bambini in Ucraina sono stati uccisi o feriti dalla violenza da quando la guerra si è intensificata quasi sei mesi fa, una media di oltre cinque bambini uccisi o feriti ogni giorno. E queste sono solo le cifre che le Nazioni Unite hanno potuto verificare. Crediamo che il numero reale sia molto più alto”. È la denuncia lanciata oggi, 22 agosto, dal direttore generale dell’UNICEF, Catherine Russell.

“L’uso di armi esplosive ha causato la maggior parte delle vittime tra i bambini”, ha proseguito Russell. “Queste armi non fanno distinzione tra civili e combattenti, soprattutto quando vengono usate in aree popolate, come è accaduto in Ucraina a Mariupol, Luhansk, Kremenchuk e Vinnytsia. E l’elenco continua”.


“Ancora una volta, come in tutte le guerre, le decisioni sconsiderate degli adulti mettono a rischio estremo i bambini”, ha aggiunto Russell. “Non esistono operazioni armate di questo tipo che non comportino il ferimento di bambini. Nel frattempo, al di là dell’orrore dei bambini uccisi o feriti fisicamente negli attacchi, quasi tutti i bambini in Ucraina sono stati esposti a eventi profondamente angoscianti, e quelli che fuggono dalla violenza sono a rischio significativo di essere separati dalle famiglie, di subire violenze, abusi, sfruttamento sessuale e tratta”.
“L’inizio dell’anno scolastico tra poco più di una settimana è un duro promemoria di quanto i bambini in Ucraina hanno perso”, ha continuato il direttore generale UNICEF. “Il sistema scolastico ucraino è stato devastato dall’escalation delle ostilità in tutto il Paese. Le scuole sono state prese di mira o utilizzate dalle parti, con il risultato che le famiglie non si sentono sicure di mandare i propri figli a scuola. Secondo le nostre stime, 1 scuola su 10 è stata danneggiata o distrutta”.
Tutti i bambini hanno bisogno di andare a scuola e di imparare, compresi quelli coinvolti nelle emergenze. I bambini in Ucraina e quelli sfollati a causa della guerra non fanno eccezione”, ha tuonato Russell, che ha chiesto “un cessate il fuoco immediato in Ucraina e che tutti i bambini siano protetti dalle violenze. Questo include la fine dell’uso brutale di armi esplosive nelle aree popolate e degli attacchi alle strutture e alle infrastrutture civili”.
“I bambini ucraini hanno urgente bisogno di sicurezza, stabilità, accesso a un apprendimento sicuro, servizi di protezione dell’infanzia e sostegno psicosociale. Ma più di ogni altra cosa”, ha concluso, “i bambini ucraini hanno bisogno di pace”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/08/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

Tutela abusi, O’ Malley: indagini chiare

Come trasformare il sistema? Serve “un’indagine onesta, un’indagine indipendente e un’azione informata” perchè, afferma il cardinale O’Malley, “non possiamo riparare ciò che non riconosciamo. Non possiamo ripristinare una fiducia infranta se non entriamo nel cuore della questione”.

Leggi tutto

Storie

Le molestie di Milano non indignano come le pacche sul sedere

Le molestie che si sono verificate la notte di Capodanno, in Piazza Duomo a Milano, in cui sono rimaste vittime ben nove giovani donne, non hanno indignato le femministe.

Leggi tutto

Politica

Putin ha ragione: ecco il documento che imbarazza la NATO

«Abbiamo promesso ufficialmente all’Unione sovietica nei colloqui 2+4, così come in altri contatti bilaterali tra Washington e Mosca, che non intendiamo sfruttare sul piano strategico il ritiro delle truppe sovietiche dall’Europa centro-orientale e che la NATO non dovrà espandersi al di là dei confini della nuova Germania né formalmente né informalmente». Se Gorbaciov avesse fornito il suo ok alla riunificazione tedesca all’interno della NATO, l’Occidente avrebbe mirato a stabilire un’architettura di sicurezza che tenesse conto degli interessi di Mosca.

Leggi tutto

Storie

Violentata con il figlio da due rapinatori

Roma: una città nella quale la sicurezza è sempre più una vera illusione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano